FG4: I Rittner Buam vincono tra le mura amiche, la serie torna in parità

di Gabriele Morganti

Per Gara 4 di finale Scudetto 2014-2015 si torna a Collalbo, alla Rittner Arena, dove i Campioni in carica ospitano l’Asiago. Il palaghiaccio è gremito in ogni ordine di posto ed il clima è, come giusto che sia, quello delle grandi occasioni. Il punteggio della serie è sul 2 a 1 per i vicentini che hanno vinto gli ultimi due turni.

Pronti, via e gli ospiti partono subito forte con Borrelli che sfiora il gol del vantaggio dopo appena pochi secondi dal primo ingaggio. Passano 4’ e Dan Tudin è invitato ad accomodarsi in panca puniti. L’Asiago non sfrutta nel modo migliore il power play e Weinhandl si oppone con il guanto all’unico tiro arrivato dalle sue parti. La prima vera occasione del match è creata dal Renon: Ansoldi in contropiede serve Ramsey che a sua volta appoggia il disco a Kostner nello slot, il quale, tuttavia, manca il puck di un niente a porta vuota. A 8’ dal termine del primo periodo matura il primo gol dell’incontro: disco mosso molto veloce dietro la gabbia di Marozzi da Rissmiller, l’ex NHLer serve, al centro dello slot, Julian Kostner che si fa trovare all’appuntamento battendo Marozzi. Nei minuti successivi gli ospiti usufruiscono di due occasioni di superiorità numerica: con Felicetti e Rampazzo in panca dei puniti, i giallorossi non riescono ad approfittare neanche di più di un minuto giocato in situazione di di 5 contro 3. Finiscono così i primi venti minuti con il risultato di 1 a 0, l’unica rete sin qui di Julian Kostner. I vicentini faticano e nonostante i sei minuti di power play avuti si trovano sotto nel punteggio.

In avvio del secondo terzo gli altoatesini hanno subito la prima situazione di uomo in più della partita grazie ai due minuti fischiati a Miglioranzi. Gli Buam creano e si rendono pericolosi con il bel tiro dalla blu di Gruber, a cui risponde molto bene, utilizzando la pinza, l’estremo difensore vicentini. Il gioco, nel secondo periodo, è molto intenso proseguendo con poche interruzioni, fino al 26’, quando sono fischiati altri 2’ a Miglioranzi. Superiorità numerica giocata con poca concentrazione e Simon Kostner, per sventare un inevitabile 1 contro 0 in seguito ad un disco perso, ferma Borrelli con le cattive maniere e finisce in panca dei puniti. E’ proprio in questi due minuti di 4 contro 4 che i giallorossi raggiungono il pareggio: sul tiro di Sullivan dalla blu, Weinhandl concede il rimbalzo ed un Diego Iori, in serata di vena, non ci pensa due volte a ribadire il disco in rete. Malgrado la rete subita il Renon prosegue nella collezione di penalità con la carica irregolare di Rissmiller su Borrelli. Si passa dunque in situazione di doppia superiorità a favore dell’Asiago, tuttavia le squadre continuano ad essere indisciplinate e questa volta sono proprio gli ospiti a subire la sanzione, sprecando una grande occasione. Nei successivi pochi secondi di 5 contro 4 il Renon, prima con Tudin, da posizione ravvicinata, colpisce in pieno Marozzi, e più tardi, il one timer di Spinelli finisce di poco sopra la traversa. Continua ad attaccare il Rittner Sport, ma un grande Marozzi si esprime ancora in un altro grande intervento sul tiro a botta sicura di Kostner. Si ripete ancora poco dopo l’estremo difensore giallorosso ma questa volta su Gruber e il Renon che continua a sciupare occasioni importanti. A 4′ dal termine i Buam subiscono una penalità ingenua per troppi giocatori sul ghiaccio; il powerplay dell’Asiago si dimostra troppo sterile, Weinhandl è impegnato una sola volta dal tiro di Marchetti dalla blu. Termina anche la seconda frazione di gioco e risultato fermo in parità sull’1 a 1.

Nel terzo drittel entrambe le squadre attaccano con insistenza, tutte le azioni nascono da iniziative individuali, ciò nonostante molti dischi sono persi in zona neutra da ambo le parti. A 6’ dall’inizio di questo ultimo terzo la penalità comminata a Borgatello propizia la rete del vantaggio degli ospiti: da una situazione innocua, Layne Ulmer approfitta dello scivolone di un terzino del Rittner Buam, entra nel terzo offensivo e tira mirando verso il sette, il goalie austriaco, che probabilmente, non si aspettava lo slapshot improvviso, è battuto. 2-1 per l’Asiago, quando mancano 12’ al termine dell’incontro. La reazione del Renon è un po’ timida ma arriva a metà periodo con l’occasione di Felicetti fermato ancora una volta da Marozzi. Continua la pressione dei ragazzi di casa che trovano la via per il pareggio con Eric Johansson che, servito davanti alla porta, piega il numero 1 asiaghese per riportare il match in parità al 54′. I successivi sei minuti di gioco vanno avanti senza troppi squilli e i tre tempi di gioco regolamentari terminano in parità sul 2 a 2.

Al via il tempo supplementare, squadre intimorite e stanche, tuttavia le occasioni non mancano, in particolare Gruber, al 4’, alza troppo il disco da posizione ravvicinata. Trascorrono pochi secondi e i Rittner Buam si gettano nuovamente in attacco, questa volta protagonista ancora Marozzi con una grande risposta sul tiro a botta sicura di Simon Kostner; il gioco si sposta dall’altra parte e Weinhandl è chiamato a fermare il disco sulla conclusione insidiosa scagliata dalla blu. A metà overtime Strazzabosco colpisce clamorosamente il palo di Strazzabosco, la sua cannonata dalla blu dona l’illusione della rete alla curva asiaghese. Grandi chances che continuano ad maturare; sotto i riflettori ancora Simon Kostner, il suo tiro trova però ancora un attento Marozzi. Il portiere vicentino si dimostra ancora insuperabile quando, a due minuti dal termine, Johansson ha il puck davanti alla porta, ma il goalie giallorosso chiude la porta di nuovo. Nel finale dei venti minuti dell’overtime Tudin colpisce la traversa, che nega la rete della vittoria all’italocanadese a 5 secondi dal termine. Necessitano, dunque, i rigori a decretare il vincitore.

Il primo tiratore per Asiago è Ulmer che sbaglia, dall’altra parte segna Simon Kostner che batte Marozzi dribblandolo molto bene; Borelli sbaglia colpendo il palo; Rismiller insacca e mette avanti di due il Rittner. Sbaglia ancora l’Asiago questa volta con Bentivoglio, Johansson si fa parare il rigore che, se segnato, avrebbe regalato subito la vittoria alla squadra di casa. Nigro non fallisce il rigore decisivo del dentro o fuori, mentre Ansoldi manca il disco ed è un gioco da ragazzi per Marozzi parare. Infine Devergilio sbaglia e la parata di Weinhandl regala gara 4 al suo Renon.

Finisce così 3 a 2 per i Rittner Buam che vincendo riportano la serie in parità sul 2 a 2. Le squadre torneranno ora in pista sabato 4 aprile per disputare gara 5, questa volta si tornerà all’Odegar di Asiago.

Rittner Baum – Asiago Hockey 1935 3-2 so (1-0;0-1;1-1; 0-0; 1-0)

Reti: (1-0) 11:50 Julian Kostner (Patrick Rissmiller); (1-1) 37:23 Diego Iori (Stefano Marchetti, Daniel Anthony Sullivan); (1-2) 45:49 Lyne Ulmer PP; (2-2) 53:13 Eric Johansson; (3-2) 65.00 Patrick Rissmiller.
Tiri: 47-28 (12-8;18-11;17-9)

Tags: