C26 – Bozen ’84 primo in classifica

(com. stampa EV Bozen ‘84) – Scontro al vertice ieri alla Sill con l’EV Bozen opposto alla forte compagine del Pergine. La posta in palio per le due squadre che dopo due giornate si trovano in testa alla classifica a punteggio pieno è di quelle importanti: il posto al sole. Ebbene, il Perzen per il momento non ha bisogno dell’ombrellone. D’altronde i Weasels non volevano rovinare la festa dopo partita preparata dallo “chef” Ermes Legnaro: porchetta e pecorino romano e altre prelibatezze laziali, porchettaro romano DOC compreso fatti venire appositamente dalla capitale. Ma dico… chi ha bisogno delle bevande isotoniche?

Entrambe le squadre sono reduci da vittorie. Il Pergine contro il Feltre, dove ha trovato in Robert Zanotti da Egna un temibile cecchino, i Weasels contro il Bergamo. Una partita che non da, in verità indicazioni sulla vera forza della squadra. La serata è adatta per le prime chiarezze. I ragazzi allenati da Andreas Bentenrieder non disattendono le aspettative in una partita che ha mantenuto le promesse del pronostico: equilibrata e combattuta fino alla fine. Vero hockey! Nei Weasels fa nuovamente la sua apparizione Andreas Verdorfer ultimamente fuori per infortunio. Buona la prova della terna arbitrale composta da Gastaldelli, Bettarini e Alfi sempre all’altezza della situazione in una partita maschia ma mai cattiva.

Le due squadre partono come i treni sviluppando un gioco veloce con azioni pregevoli. I padroni di casa impiegano 9 Minuti per affondare il primo colpo. Christian Pircher sfrutta un assist di capitan Peter Aichner trovando un buco nella coriacea difesa perginese ottimamente orchestrata da Patrick Schweigkofler. I Weasels segnano 2 secondi dopo il termine di una penalità inflitta al caldarese in forza al Pergine Daniel Florian. Proprio a questo tocca riportare sotto i suoi. E’ il 14° del primo tempo. I Weasels sono in inferiorità numerica a causa di 2 minuti inflitti al Weasel Alexander Pancheri: l’eterno Michele Bertoldi e Martin Felderer confezionano un disco che Florian non sbaglia. Il predominio in campo non frutta altre marcature all’EVB. Si va al primo riposo con il risultato in perfetta parità. I Weasels sanno di dover dare qualcosa in più per avere ragione del forte avversario. L’occasione si presenta al 6° del secondo tempo con i padroni di casa in superiorità numerica causa una penalità contro Fulvio Vanzo. Christian Pircher appoggia per Roland Battisti che deposita alle spalle di Simone Soraperra. E’ il terzo gol in altrettante partite per il difensore più elegante del campionato. La gioia dei Weasels dura 3 minuti. Entrambe le squadre giocano con un uomo in meno e si vede Robert Zanotti che con una bordata imprendibile al sette fa secco goalie Fabian Obexer. L’assist è di Patrick Schweigkofler. 2:2, bisogna iniziare da capo. Le occasioni fioccano su entrambi i lati, la sorte migliore tocca ai padroni di casa. E’ il 14° del seondo tempo quando Markus Malfertheiner finalizza un’azione da manuale indotta da Peter Aichner e Martin Pircher. Due passaggi e il centro della prima linea si ritrova in zona tiro, proprio come coach Andreas Bentenrieder voleva dai suoi. Il 3:2 a favore dei Weasels può bastare per il momento e si va al secondo riposo. La partita promette bene perché l’ultima frazione di gioco è comunque solitamente “Weasels-time”. E infatti…
Neanche il tempo per pensarci che Robert Zanotti, assistito da Michele Bertoldi e Patrick Schweigkofler in superiorità numerica con Daniel Legnaro in panca puniti fa 3:3. Il cronometro indica 3 minuti e 23 secondi. Tanto tempo per cambiare faccia alla partita e il Pergine, sospinto dai numerosi e rumorosi tifosi armati di bandiere, bengala e petardi si butta in avanti. Sono comunque i Weasels che prendono in mano le redini del gioco e cercano l’ennesimo gol del vantaggio. Gol che arriva al 17° della terza frazione di gioco. Il disco sembra ormai controllato dalla retroguardia del Pergine ma Hannes Hölzl ci crede e affonda. Con successo. 4:3 e il Pergine accusa il colpo. Tuttavia a 1 minuto dal termine della partita ai Trentini si presenta un’occasione d’oro per arrivare al pareggio con Martin Pircher mandato in panca puniti. Il Pergine in superiorità numerica toglie anche il portiere per un sesto giocatore ma viene prontamente castigato. Christian Pircher intercetta il disco nel proprio terzo e lo scodella via, Thomas Unterfrauner parte come un razzo, sorprende il difensore perginese in chiaro vantaggio sul disco, glielo ruba e deposita nella porta sguarnita. Il verdetto è pronunciato: i White Weasels sono più forti!

EV Bozen 84 – Hockey Pergine 5:3
Reti: Christian Pircher (1:0), Daniel Florian (1:1), Roland Battisti (2:1), Robert Zanotti (2:2), Markus Malfertheiner (3:2), Robert Zanotti (3:3), Hannes Hölzl, (4:3), Thomas Unterfrauner e.n. (5:3)

Prossima partita: 25.10.09 – 20.15 h – HC Feltreghiaccio – EV Bozen

Tags: