Buona la prima per il Bolzano

Il Bolzano comincia la nuova stagione di ICEHL con una risicata vittoria casalinga per 5-4 ai danni di uno Znojmo volitivo e mai domo che più volte ha messo in difficoltà i biancorossi apparsi ancora indietro con la preparazione fisica.

foto: Valentina Gallina

Parte subito forte il Bolzano che prova a mettere pressione alla difesa dello Znojmo, senza però creare pericoli concreti; i cechi reagiscono e con Matus chiamano Boyle al primo intervento di serata. Le aquile morave pattinano molto e costringono i Foxes alla difensiva, chiamando Boyle alla parata sul diagonale di Haman; subito dopo il portiere del Bolzano deve bloccare il disco per anticipare la deviazione ravvicinata di Luciani. La squadra ospite sembra meglio messa sul ghiaccio rispetto ai padroni di casa che faticano non poco ad uscire in maniera pulita dalla zona difensiva, ma quando ci riescono si rendono pericolosi con un tiro di Alberga respinto da Kantor; sul capovolgimento di fronte i cechi si rendono pericolosi con un diagonale ben parato dall’estremo difensore biancorosso. Le due squadre continuano ad attaccare senza soluzione di continuità ed il Bolzano si rende pericoloso con un’azione caparbia di Catenacci che chiama Kantor all’intervento; dall’altra parte Boyle è reattivo sulla conclusione a rimorchio di Svoboda. Lo Znojmo vince l’ingaggio, il disco arriva a Luciani che, dalla media distanza, riesce a trovare il varco giusto per portare in vantaggio gli ospiti con un tiro che passa in mezzo al traffico e beffa Boyle.. Prova subito a rispondere il Bolzano con Frank prima e Di Perna poi, ma Kantor riesce a salvarsi in entrambe le occasioni. Ci prova ancora Di Perna di rovescio dopo un’azione insistita, ma ancora una volta il portiere ospite riesce a salvarsi; sul fronte opposto Boyle blocca il tiro di Sedlak. Il Bolzano continua a spingere e trova il meritato pareggio grazie a Findlay che mette alle spalle di Kantor un disco servitogli da Gazley; passano 57 secondi ed il Bolzano mette la freccia e sorpassa: Catenacci serve sulla blu per Trivellato, gran fucilata e Kantor è battuto. Bolzano ancora pericolosissimo grazie ad un errore nel cambio linee dello Znojmo, ma Maione non trova la porta per pochi centimetri; il tris arriva però lo stesso grazie ad Alberga che spinge in rete dopo che DeHaas e Gazley hanno lavorato per bene il disco. Lo Znojmo prova a rifarsi subito sotto con un’azione solitaria di Gorcik, ma Boyle blocca il disco, mentre il giocatore ospite finisce contro la balaustra; il portiere biancorosso si ripete poi su Ahl. Occasione d’oro per il Bolzano di trovare il poker: Miceli serve nello slot per Catenacci, il cui tiro ravvicinato viene respinto da Kantor. 3-1 Bolzano alla prima sirena.

foto: Valentina Gallina


Bolzano subito pericoloso in avvio di frazione centrale con Miceli che, pur scivolando sul ghiaccio, riesce a mettere il disco in mezzo senza però trovare compagni pronti alla deviazione; poco dopo Alberga, lanciato da un passaggio dalla difesa, si divora un 1 vs 0 sparando addosso a Kantor che concede il rebound, sulla deviazione arriva come un falco Frigo che non trova la porta; i biancorossi continuano a premere, Maione colpisce l’esterno della rete da posizione comunque defilata. Lo Znojmo prova a rimettere la testa in attacco e Boyle salva su Ahl “dimenticato” dalla difesa; passano pochi secondi ed il guardiano delle “volpi” deve bloccare su Svoboda. Lo Znojmo continua ad attaccare, seppur in maniera disordinata e Boyle deve salvare la propria gabbia almeno in un paio di occasioni, come quando, per rimediare ad uno svarione della difesa, deve chiudere lo specchio a Luciani. Il Bolzano lascia sfogare gli avversari e poi tenta di colpire in contropiede, come quando Gazley chiama kantor alla respinta e Findlay viene anticipato di un soffio prima del tap-in. La prima penalità del match è ai danni del Bolzano, con Di Perna mandato nel penalty box; lo Znojmo cerca di accorciare prima con Brittain e poi con Southorn che impegnano Boyle, poi Frank alza troppo il disco da ottima posizione divorandosi lo short-handed del possibile 4-1. Gol sbagliato, gol subito: azione confusa davanti alla gabbia del Bolzano, Boyle non è abbastanza rapido a spostarsi e Ahl può infilare nella rete sguarnita. La parità numerica dura pochi secondi perché Di Perna si vede fischiare contro un fallo dubbio; gli ospiti mettono sotto assedio la zona difensiva del Bolzano, ma questa volta il PK dei Foxes funziona e, nonostante alcune situazione confuse, il punteggio non subisce ulteriori variazioni. Tornato in parità numerica, il Bolzano torna ad allungare grazie ad un gol fortunoso di Halmo con il disco che entra lemme lemme in porta superando di poco la linea rossa. Passano 37 secondi e lo Znojmo chiede la prova video dopo che gli arbitri non avevano concesso un gol agli ospiti; i giudici di gara rivedono più e più volte il filmato e poi concedono la rete a Fejes. A 15 secondi dalla sirena, prima penalità anche ai danni dello Znojmo, con Culkin mandato in panca puniti per ostruzione. 4-3 Bolzano alla seconda pausa, con i biancorossi che avranno a disposizione 1:45 di superiorità numerica all’inizio del terzo periodo.

foto: Valentina Gallina

In avvio di terza frazione, il Bolzano prova a sfruttare la superiorità numerica residua, ma non riesce ad essere efficace e rischia grosso quando Culkin, rientrando sul ghiaccio, si presenta da solo davanti a Boyle che gli chiude lo specchio della porta. Lo Znojmo torna a premere, ma è ancora il Bolzano a sfiorare gol con Findlay, il cui tiro viene respinto con i gambali da Kantor; passa poco tempo ed il quinto gol arriva grazie ad un volitivo Catenacci che, dopo aver recuperato il disco in zona neutra, s’incunea nella retroguardia avversaria e infila il goalie avversario facendo esplodere di gioia il Palaonda. Lo Znojmo attacca a testa bassa, creando diversi pericoli alla gabbia di Boyle che riesce a salvare la situazione con un paio di deviazioni decisive. Nelle file ospiti comincia a serpeggiare un po’ di nervosismo e Tejnor viene mandato in panca puniti dopo che ha avuto un vivace scambio di opinioni con la panca del Bolzano e con Findlay; con le due squadre in 4 contro 4, gli ospiti provano a mettere pressione, ma la gabbia di Boyle non corre troppi pericoli.

foto: Valentina Gallina

Il match vive un momento di stanca e procede a fiammate, la stanchezza comincia a farsi sentire fra i giocatori di entrambe le squadre; Plastino chiama comunque in causa Kantor con una fucilata dalla blu.

I cechi provano a trovare le ultime energie per cercare di riaprire il match e si scoprono, Frigo in contropiede non ne approfitta concludendo debolmente, agevolando così l’intervento di Kantor. A meno di un minuto dalla fine, un tiro di Svoboda impegna seriamente Boyle e Beroun, coach dei moravi, chiama il time-out, al termine del quale Kantor lascia il posto al sesto uomo di movimento; la mossa si rivela felice perché Nemec trova la rete con un tiro potente che s’infila sotto la traversa. Lo Znojmo ci prova ancora negli ultimi secondi di gioco, ma la sirena finale spegne ogni speranza ospite di agguantare i supplementari.

Finisce così con la vittoria del Bolzano per 5-4 che domenica sera sarà ospite dei Red Bull Salzburg.

Riccardo GIURIATO

per hockeytime.net e HCBFans.net

HCB ALTO ADIGE ALPERIA – HC ORLI ZNOJMO 54 (3-1; 1-2; 1-1): 10:23 Anthony Luciani (0-1); 13:11 Brett FINDLAY (1-1); 14:08 Alex TRIVELLATO (2-1); 15:47 Domenico ALBERGA (3-1); 33:09 Filip Ahl PP1 (3-2); 38:16 Mike HALMO (4-2); 38:53 Samuel Hunter Fejes (4-3); 43:39 Dan CATENACCI (5-3):59:26 Vojtech Nemec (5-4)