Posticipato l’inizio della Champions Hockey League

La pandemia di Coronavirus Covid-19 allunga le proprie ombre sulla prossima stagione di Champions Hockey League: il via all’edizione 2020/21, a cui parteciperà anche il Bolzano, originariamente programmato al 3 settembre, è stato posticipato al 6 ottobre.

“La Champions Hockey League è una competizione paneuropea con 13 paesi coinvolti, il che significa che dipendiamo dalle decisioni e dai regolamenti stabiliti da 13 diversi Governi – ha affermato il Presidente della CHL Peter Zahner –. Le squadre partecipanti devono poter viaggiare, e il nostro obiettivo è poter giocare con gli spettatori. Per questo motivo, e a causa dell’alto grado di incertezza in tutto il continente, abbiamo deciso di essere proattivi e di non correre il rischio di dover apportare cambiamenti urgenti più vicini alla data di inizio originaria”.

Una saggia decisione dettata dall’incertezza che aleggia sulle competizioni sportive professionistiche; la compressione delle date a disposizione condiziona la formula del torneo: sacrificata la fase a gironi, la massima kermesse continentale per club si svolgerà con gare ad eliminazione diretta.

“Nelle ultime due settimane abbiamo esaminato molti scenari alternativi e siamo giunti alla conclusione che una competizione ad eliminazione diretta è la soluzione più semplice ed equa che possiamo offrire – prosegue Zahner –. Di conseguenza, saranno sorteggiati gli accoppiamenti e la competizione inizierà immediatamente con i Sedicesimi di finale, partite di andata e ritorno, serie a punteggio complessivo fino alle Semifinali. La stagione culminerà il 9 febbraio 2021 con la finale in gara secca”.

Conclude Zahner:

“Comprendiamo che questo cambiamento della formula è inaspettato, ma i tempi difficili che stiamo vivendo richiedono misure straordinarie. Il nostro obiettivo è quello di rendere la pianificazione dei club partecipanti il più semplice possibile, dato che attualmente tutti si trovano ad affrontare sfide senza precedenti. Il Consiglio della CHL è convinto che una decisione proattiva aiuti i club, e la CHL, a pianificare meglio e a prepararsi per una stagione di successo”.

La trentaduesima squadra a partecipare al prossimo torneo è il Nemad Grodno; il Consiglio della CHL ha assegnato l’ultima wild card al sodalizio bielorusso, dopo la rinuncia della Lega slovacca, la quale aveva chiesto di sostituire la propria rappresentante, costretta a giocare nella prossima stagione in un piccolo stadio a causa della costruzione della nuova arena.

“La Bielorussia è di gran lunga la migliore Lega nel ranking CHL e, quindi, è stato un passo logico invitare il loro secondo classificato, in quanto una decisione basata su meriti sportivi puri è la soluzione migliore per la nostra competizione – ha puntualizzato Zahner –. Neman Grodno ha dimostrato di essere una squadra forte e in grado di sfidare i migliori d’Europa nelle tre precedenti apparizioni in gara, avendo registrato vittorie contro avversari forti come Zugo, Adler Mannheim e l’ex campione CHL JYP Jyväskylä”.

Le 32 qualificate

Austria (EBEL): Salisburgo (vincitore Stagiore regolare), Bolzano (vincitore Pick Round), Vienna Capitals (3a classificata nel Pick Round)

Bielorussia: Yunost Minsk (Campione nazionale), Neman Grodno (2a classificata nella Stagione regolare)

Repubblica Ceca: Bili Tygri Liberec (vincitore Stagione regolare), Ocelari Trinec (2a classificata nella Stagione regolare), Sparta Praga (3a classificata nella Stagione regolare)

Danimarca:
Aalborg Pirates (vincitore Stagione regolare)

Finlandia: Kärpät Oulu (vincitore Stagione regolare), Lukko Rauma (2a classificata nella Stagione regolare), Tappara Tampere (3a classificata nella Stagione regolare), Ilves Tampere (4a classificata nella Stagione regolare)

Francia:
Grenoble (vincitore Stagione regolare)

Germania: Monaco (vincitore Stagione regolare), Adler Mannheim (2a classificata nella Stagione regolare), Straubing Tigers (3a classificata nella Stagione regolare), Eisbären Berlino (4a classificata nella Stagione regolare)

Norvegia:
Stavanger Oilers (vincitore Stagione regolare)

Polonia:
GKS Tychy (Campione nazionale)

Sweden: Frölunda Indians (Campione CHL), Luleå Hockey (vincitore Stagione regolare), Färjestad Karlstad (2a classificata nella Stagione regolare), Rögle Ängelholm (3a classificata nella Stagione regolare), Skellefteå AIK (4a classificata nella Stagione regolare)

Svizzera: ZSC Lions (vincitore Stagione regolare), Zugo (2a classificata nella Stagione regolare), Davos (3a classificata nella Stagione regolare), Ginevra (4a classificata nella Stagione regolare), Bienne (5a classificata nella Stagione regolare)

Gran Bretagna:
Cardiff Devils (capoclassifica della Stagione regolare)
 
IIHF Continental Cup Winners: SønderjyskE Vojens (Danimarca)