Mondiali 1a Div. A: Italia, sei squilli alla Romania

Mondiali 1a Div. A: Italia, sei squilli alla Romania

28 Aprile 2024, Sparkasse Arena di Bolzano ore 19,30 inizia il Mondiale Italiano. Primo avversario la Romania, già incontrata e battuta per 6 a 2 ai Mondiali scorsi giocati a Nottingham. Si parte, Bernard tra i pali Seed e Trivellato coppia difensiva,  Mantenuto, Tommaso De Luca e Frigo prima linea. Partono forte gli Azzurri chiudendo la Romania nel proprio terzo e creando varie occasioni da gol prima con Mantenuto, poi Purdeller sottoporta si fa respingere dal goalie rumeno; continuiamo a pressare, la Romania cerca solo di contenere la folate Azzurre: al 4.62 Catenacci  sfiora il palo e subito dopo Pietroniro costringe al miracolo Toke che tiene la porta inviolata. Al 5.35 subiamo penalità con Tommaso De Luca che sgambetta un avversario e nonostante l’inferiorità è l’Italia che crea le occasioni più pericolose. Superiamo indenni la penalità, continuiamo a gestire noi il gioco, la Romania gioca solo di rimessa e al 10,00 crea la sua prima occasione con un tiro dalla blu che impegna Bernard. Subito gli Azzurri riconquistano il terzo rumeno e al 10,52 Peter Balazs  prende due minuti per sgambetto consentendo così all’Italia la superiorità. Due minuti sempre nel terzo rumeno creiamo tanto, purtroppo, come sempre non riusciamo a sfruttare il power play. Si continua con gli italiani che aggrediscono la Romania sembra incredibile, ma non riusciamo a segnare. Al 15,00 Frigo prende un clamoroso palo, il portiere rumeno para tutto, fino al 17,03 quando, finalmente con un tiro dalla blu di Seed viene deviato da Salinitri portando il blue Team in vantaggio. Continuiamo a padroneggiare e al 19,46 Catenacci sottoporta realizza il 2 a 0 . Finisce qui il primo tempo una buona Italia, tantissima intensità tanta aggressività agonistica che ha portato l’Italia per tutto il primo periodo nel terzo della Romania. Buon approccio al match, unica nota negativa, come sempre, purtroppo il power play e la poca capacità realizzativa.


Inizia il secondo tempo e nulla è cambiato: l’Italia conduce il gioco e crea occasioni. Al 24,24 Imre prende due minuti per carica con bastone power play quindi e questa volta non solo non riusciamo a concretizzare, ma consentiamo ai rumeni addirittura di segnare al 26,15 a causa di un grave  errore di Trivellato che perde il disco sulla blu  mettendo Reszegh solo davanti a Bernard che nulla può consentendo così alla Romania di accorciare le distanze. Gol che si fa sentire, i ragazzi di Mike Pelino subiscono il contraccolpo psicologico e per qualche minuto consentono alla Romania di creare qualche occasione. Finalmente gli Azzurri si scuotono e riprendono in mano il gioco. Al 31,44 Imre, per bastone alto, prende due minuti permettendo all’Italia un’altra superiorità che  non viene sfruttata nonostante la costante presenza nel terzo avversario. Continua comunque l’Italia a presidiare il terzo avversario e al 35,27 Purdeller vince l’ingaggio e Frank con una saetta trafigge Toke. Non mollano gli uomini di Pelino che continuano a pressare fino al 37,39 quando Fodor prende due minuti per bastone alto. Superiorità, e questa volta, finalmente, al 38,50 con Salinitri riusciamo a sfruttare il power play. Italia 4 Romania 1, finisce qui il secondo tempo. Anche il secondo tempo ha visto una buona Italia, era logico aspettarsi una reazione della Romania, abbiamo subito un gol evitabilissimo ma anche il secondo tempo è stato dominato dagli azzurri.

Terzo tempo sulla falsariga dei due precedenti, anche se, come prevedibile, con meno intensità e concedendo qualche escursione alla Romania senza comunque rischiare più di tanto. Le occasioni migliori sono sempre italiane: al 45,02 con Gazley che impegna Toke poi al 47,08 con Frigo che spreca sottoporta per arrivare, successivamente al 47,44 con Marchetti che, in contropiede, si presenta solo davanti a Toke trafiggendolo e portando l’Italia sul 5 a 1. Gli Azzurri non mollano, sembrano indiavolati e al 51,27  Kostner porta l’Italia sul 6 a 1. A questo punto i ragazzi di Pelino prendono fiato e si limitano a gestire i minuti mancanti senza creare più azioni degne di nota. Finisce qui Italia 6 Romania 1. Buona Italia, come già detto buona intensità, buon approccio alla partita, con questa modo di essere possiamo crederci, anche se non sarà facile. Mvp della partita per l’Italia Salinitri e per  la Romania il portiere Toke.

Si sono giocate nella giornata odierna altre due partite di questi mondiali e subito u n risultato clamoroso la Corea del Sud che batte per 4 a 2 la favoritissima Slovenia e l’Ungheria che batte il Giappone per 3 a 1 . Due match molto equilibrati sintomo che questi Mondiali si giocheranno sul filo del rasoio.

Romania – Italia 1-6 (0-2; 1-2; 0-2)
Romania:
Zoltán Tőke (Attila Adorján); Matias Haaranen – Patrik Imre – Huba Bors – Róbert Ferencz-Csibi – Alpár Salló – Tamás Láday – Tihamér Györfy; Tamás Részegh – Szilárd Rokaly – Yevgeni Skachkov – Albert Zagidullin – Balázs Péter – Roberto Gliga – Ottó Sándor-Székely – Zsombor Molnár – Zoltán Molnár – Balázs Gajdó – Csanád Fodor – Mátyás Kovács – Norbert Rokaly. Coach: Dave MacQueen
Italia: Andreas Bernard (Damian Clara); Jason Seed – Alex Trivellato – Peter Spornberger – Thomas Larkin – Terrance Amorosa – Phil Pietroniro – Daniel Glira – Marco Insam; Daniel Mantenuto – Tommaso De Luca – Luca Frigo – Daniel Catenacci – Anthony Salinitri – Dustin Gazley – Diego Kostner – Michele Marchetti – Daniel Frank – Ivan Deluca – Matthias Mantinger – Tommy Purdeller. Coach: Michael Pelino
Arbitri: Geoffrey Barcelo (Francia) e Benjamin Hoppe (Germania) Linesemen: Clément Gonçalves (Francia) e Tommi Niittylä (Finlandia)
Penalità: Romania 8 (2/6/0) – Italia 2 (2/0/0)
Tiri: Romania 20 (6/5/9) – Italia 55 (22/18/15)
Marcatori: (0-1) 17.03 Anthony Salinitri (Alex Trivellato – Jason Seed); (0-2) 19.46 Daniel Catenacci (Anthony Salinitri – Phil Pietroniro); (1-2) 26.15 Tamás Részegh SH; (1-3) 35.27 Daniel Frank; (1-4) 38.50 Anthony Salinitri (Luca Frigo) PP; (1-5) 47.44 Michele Marchetti; (1-6) 51.27 Diego Kostner (Michele Marchetti – Peter Spornberger)
Spettatori: 3.011
MVP: Zoltán Tőke (Romania) e Anthony Salinitri  (Italia)
Altri risultati: Corea del Sud – Slovenia 4-2 (2-1; 0-1; 2-0); Giappone – Ungheria 1-3 (0-1; 0-0; 1-2)
Classifica: Italia p.ti 3; Corea del Sud p.ti 3; Ungheria p.ti 3; Slovenia p.ti 0; Giappone p.ti 0; Romania p.ti 0

 

 

 

 

 

Ultime notizie
error: Content is protected !!