Cortina – Asiago: la cronaca

di Alberto Manaigo

Cortina – Asiago 6-1 (1:0)(5:0)(0:1)

L’Asiago si presenta a Cortina privo di Aquino e Rodeghiero e con la novità Pavone tra i pali, mentre nella formazione di casa unico assente McLeod lasciato in tribuna dal giudice sportivo.
Il risultato si sblocca dopo 5 giri di lancette: De Bettin insegue con successo un disco fino a fondo campo e lo da indietro a Wilde il cui tiro viene deviato in rete da Kristoffersson alla terza marcatura personale nelle ultime due partite. L’Asiago prova a reagire immediatamente ed al sesto minuto una bella invenzione di Parco lascia campo libero a Borrelli sul quale è bravo a recuperare Mulick, sventando l’azione del potenziale pareggio. I ritmi sono tutt’altro che frenetici e le azioni si alternano su entrambi i fronti. Al 9:45 un ottimo Maund si oppone per tre volte in successione alle conclusioni asiaghesi: prima su un tiro di Johnson dalla distanza e poi sui due rebound di Pegoraro da distanza ravvicinata. Una bella manovra ampezzana al 12:50 porta al tiro (senza fortuna) De Bettin: sulla ribattuta Kristoffersson è leggermente attardato per ribadire in rete il disco.

Nella seconda frazione buona occasione per gli ampezzani dopo 69 secondi: Souza si lancia in contropiede, ma Plastino fa buona guardia e gli sporca la conclusione. E’ Matteo Tessari ad avere una buona occasione al 2:23: il tiro però è telefonato e Maund con un buon senso della posizione lo neutralizza. La seconda marcatura ampezzana arriva al 3:53: dopo una bella combinazione Watson-Krestanovich, è Gallace ad andare a rete concretizzando al meglio un assist proprio di Krestanovich. Un giro di lancette ed i gol per i padroni di casa diventano 3: con Parco in panca puniti De Bettin pesca bene Cullen che con un tiro preciso di polso fredda Pavone nel sette alla sua sinistra. I ragazzi di Adey giocano sul velluto e in questa frazione centrale c’è tempo per vedere ancora tre marcature. Al 10:24 il tiro di Souza viene respinto da Pavone che nulla può, però, sul rebound di De Bettin. Anche Souza prova a mettere la propria firma sull’incontro e vi riesce con due reti: la prima al 14:00 su assist di Watson e la seconda al 19:31 sfruttando al meglio un contropiede impostato ancora da Watson.

Nell’ultimo drittel Adey concede spazio al backup Andrea Alberti dopo la bella prestazione di giovedì ad Alba di Canazei. Al 5:55, però, l’estremo difensore ampezzano si infortuna nel tentativo, non andato a buon fine, di salvare la gabbia da un rebound di Nicola Tessari che mette a referto l’unica marcatura Asiaghese dell’incontro. Torna, quindi, Maund tra i pali per i padroni di casa e nonostante alcune occasioni per parte il risultato non cambierà fino al termine.

Terminata, quindi, questa regular season il Cortina incontrerà il Bolzano in semifinale. Gara 1 si giocherà martedì 3 marzo al Palaonda.