Bolzano travolto 0-6 dal KAC in gara 1

Un Klagenfurt cinico e quadrato travolge per 0-6 un Bolzano incerottato che, almeno per i primi 2 periodi di gioco ha cercato di giocare alla pari dei carinziani senza però riuscirci. Le assenze pesanti di Gazley, Stollery, Alberga, Halmo ed Insam, unite alla serata da dimenticare di Irving e anche ad un pizzico di sfortuna e di imprecisione, hanno portato alla debacle dei Foxes in questa gara 1 della serie di finale.

Eppure sono proprio i padroni di casa a partire meglio: Dahm si scontra con Catenacci dietro la propria gabbia, il disco arriva a Deluca che prova a concludere trovando l’opposizione del portiere ospite. È il primo acuto di una frazione che vede le due squadre attente a scoprirsi poco, con rare puntate offensive, come quella di Strong che prova ad impensierire Irving che si salva. La prima penalità del match è dovuta ad un fallo in attacco di Hundertpfund, ma pur con l’uomo in meno sono gli ospiti a rendersi pericolosi con Ganahl in contropiede; il Bolzano prova a riprendere il controllo del gioco e, sempre con l’uomo in più, sfiora il vantaggio prima con Robertson e poi con un clamoroso incrocio dei pali colpito da Fournier. Il KAC è ben messo sul ghiaccio da coach Matikainen e, ogni volta che si affaccia nella zona difensiva del Bolzano, sono brividi per Irving e la difesa dei Foxes che rischia prima su un tiro di Obersteiner e poi su un passaggio al centro di Koch che, fortunatamente, non trova compagni pronti alla deviazione in rete. È il prologo al gol del vantaggio delle Rotjacken che arriva in maniera alquanto rocambolesca e fortunosa: tiro “morbido” di Schumnig, Ganahl forse devia e manda fuori tempo Irving che viene beffato dal disco. Il Bolzano prova subito a reagire, ma viene messo in difficoltà dal pressing asfissiante del Klagenfurt che cerca di sfruttare lo sbilanciamento in avanti dei Foxes per tentare di colpire in contropiede. Ganahl e Giliati vengono mandati contemporaneamente in panca puniti, ma in 4 contro 4 succede poco o nulla. Klagenfurt in vantaggio alla fine del primo tempo.

Comincia la seconda frazione ed il Bolzano ha una grandissima occasione per pareggiare con Youds, il cui tiro però viene fortunosamente fermato da Dahm fra i gambali. I Foxes provano a mettere pressione alla retroguardia avversaria e chiamano il goalie ospite alla respinta con un tiro di Fournier; prova a rispondere il KAC in mischia, ma questa volta il Bolzano si salva. I padroni di casa provano a tenere alto il baricentro, ma faticano non poco a trovare gli spazi utili per tentare la conclusione verso la gabbia avversaria. Proprio nel momento migliore del Bolzano, il Klagenfurt raddoppia con un’altro aiuto della dea bendata: tiro di Petersen, Irving non riesce a trattenere il disco che gli scivola alle spalle e Fournier tenta di liberare, dando il via ad un’azione di contropiede che vede il Bolzano vicino al pareggio. Gli arbitri chiedono di rivedere l’azione precedente e, dopo aver brevemente consultato l’istant replay, concedono il gol dello 0-2 al KAC. La reazione del Bolzano è rabbiosa: Catenacci chiama Dahm al salvataggio; lo stesso portiere ospite compie un mezzo miracolo sul tentativo di Youds e poi viene graziato da Frigo che, solo davanti a lui, perde il tempo per la conclusione a rete. Da parte sua il KAC prova a chiudere il match prima con Gregorc e poi con Bischofberger, senza esito. Gli arbitri chiamano una penalità ai danni di Plastino ed il KAC cala il tris dopo soli 5 secondi grazie ad un tiro di Petersen che buca Irving, il quale non vede partire il tiro. La seconda frazione si chiude con una mischia davanti a Dahm causata dal tentativo di Robertson. Squadre al secondo riposo con il KAC sul triplo vantaggio.

In avvio di frazione conclusiva, il Klagenfurt lascia sfogare il Bolzano che sfiora il gol prima con una debole girata di Catenacci e poi con una conclusione fuori di poco scoccata da Robertson. Che non sia la serata giusta per i Foxes si vede poco dopo: Bischofberger viene mandato in panca puniti, il Bolzano non riesce ad organizzare un powerplay efficace e resta a sua volta con l’uomo in meno per il fallo commesso da Robertson. In 4 contro 4 il KAC cala il poker con Haudum che, godendo della più ampia libertà di movimento, non ha problemi nel battere ancora Irving. Rientra Bischofberger ma il KAC, pur se con un minuto abbondante in superiorità numerica, non forza le giocate preferendo giocare con il cronometro, ma pochi secondi dopo il rientro di Robertson, Hundertpfund beffa ancora Irving fra i gambali. Il Bolzano praticamente smette di giocare, solo in pochi dei Foxes continuano a lottare, tra i quali Deluca che si vede respingere il tiro dal portiere avversario. A meno di 5 minuti dalla sirena, sesto gol degli ospiti con Petersen che realizza la propria tripletta bucando un frastornato Irving. Nel finale di partita i Foxes sfiorano il gol della bandiera con Pitschieler che colpisce l’esterno della rete, ma alla sirena finale Dahm riesce a mantenere inviolata la propria porta.

Il Bolzano adesso deve resettare la testa e concentrarsi su gara 2 che andrà in scena martedì sera alla Stadthalle di Klagenfurt, con la speranza di recuperare qualcuno degli infortunati e riportare la serie in parità.

Riccardo Giuriato

per hockeytime.net e HCBfans.net

HCB Alto Adige Alperia – EC Klagenfurter AC 0-6 (0-1; 0-2; 0-3): 11:28 Martin Schumnig (0-1); 28:20 Nick Petersen (0-2); 38:01 Nick Petersen PP1 (0-3); 48:30 Lukas Haudum (0-4); 50:18 Thomas Hundertpfund (0-5); 54:24 Nick Petersen (0-6)