Mondiale 1a Div. A: il Blue Team si sveglia tardi

(Katowice) – La vittoria nel pomeriggio della Corea del Sud sul Giappone, impone, sia all’Italia che all’Austria, il successo per continuare a cullare il sogno promozione.  Ben presto la gara dell’Italia si presenterà in salita trasformandosi per il reparto offensivo in una via crucis.
Mair rivoluziona le linee d’attacco presentando Scandella-Ramoser-Tudin nello starting team, Frigo e i due Kostner in seconda, mentre il blocco dei Foxes (Gander-Insam-Anton Bernard) in terza linea; Magnabosco con Traversa e Andergassen completano il reparto. Tra i pali torna Andreas Bernard.

2016_04_26 austria italia 658La Nazionale italiana si getta subito in avanti, il primo affondo della gara è di Ramoser dopo 7” dall’ingaggio iniziale. Le due formazioni giocano a viso aperto dando vita, nel frangente iniziale, ad una gara equilibrata; la migliore azione è quella condotta da Larkin che, per via centrali, penetra nel terzo d’attacco costringendo Starkbaum all’intervento di gambale, sul rebound Diego Kostner interviene in backhand, il goalie austriaco devia nuovamente. Nei minuti successivi l’Austria rende costante la sua presenza in attacco, la difesa, attenta, lascia poche possibilità agli avversari che riescono a giungere al tiro con Ganahl. Il portiere Azzurro, poco più tardi sventa i pericoli portati da Manuel Gaier e Lembacher, tuttavia non riesce ad opporsi alla deviazione di Kristler sulla sassata dalla blu di Fabio Hofer. Dopo il vantaggio la formazione d’Oltrebrennero continua ad imperversare dalle parti di Andreas Bernard, mentre l’Italia giunge al tiro con Ramoser.

2016_04_26 austria italia 100Gli ex asburgici proseguono a controllare le operazioni di gioco anche nella frazione centrale, Lebler sfiora il raddoppio, mentre dalla parte opposta Simon Kostner prova a destare una Nazionale assopita in attacco. Fabio Hofer tiene sotto pressione Andreas Bernard con una serie di conclusioni, il Blue Team torna a respirare durante il primo power play della partita, fase in cui gli Azzurri producono più tiri senza, tuttavia, trovare la via del goal. Gli Azzurri rimangono in confusione, da una mancata liberazione del terzo difensivo nasce una mischia davanti allo slot italiano conclusa con il secondo goal di Kristler. Andreas Bernard tiene l’Italia in partita negando la gioia del goal a Fabio Hofer e Ganahl; una serie ipoteca all’incontro la mette Komarek mettendo a segno, in power play, la terza marcatura austriaca.

2016_04_26 austria italia 827L’Austria cala il poker nel terzo tempo con il diagonale di Bacher; l’Italia ha un sobbalzo nel finale: Egger sfata il tabù del power play e nega lo shutout a Starkbaum, il quale, a 2’36” dal suono della sirena, vede bucato il proprio five hole da Helfer.

 

 

 

Le interviste

Austria – Italia 4-2 (1-0; 2-0; 1-2)
Austria: Bernhard Starkbaum (David Kickert); Robert Lembacher – Alexander Pallestrang – Layne Viveiros – Stefan Ulmer – Markus Schlacher – Stefan Bacher – Bernhard Fechtig; Michael Schiechl – Stefan Geier – Nikolas Petrik – Konstantin Komarek – Andreas Kristler – Fabio Hofer – Brian Lebler – Raphael Herburger – Manuel Geier – Daniel Oberkofler – Benjamin Petrik – Manuel Ganahl – Lukas Haudum. Coach: Daniel Ratushny
Italia: Andreas Bernard (Frédéric Cloutier); Sean McMonagle – Alexander Egger – Alex Trivellato – Thomas Larkin – Armin Hofer – Armin Helfer – Michael Zanatta – Stefano Marchetti; Giulio Scandella – Joachim Ramoser – Daniel Tudin – Luca Frigo – Diego Kostner – Simon Kostner – Markus Gander – Marco Insam – Anton Bernard – Tommaso Traversa – José Antonio Magnabosco – Raphael Andergassen. Coach. Stefan Mair
Arbitri: Artur Kulev (Russia) e Trpimir Piragic (Croazia) Linesmen: Henrik Haurum (Danimarca) e Joep Leermakers (Olanda)
Penalità: Austria 10 (0/2/8) – Italia 6 (0/2/4)
Tiri: Austria 26 (9/13/4) – Italia 22 (8/7/7)
Marcatori: (1-0) 12.21 Andreas Kristler (Fabio Hofer – Stefan Ulmer); (2-0) 30.46 Andreas Kristler (Fabio Hofer); (3-0) 39.10 Konstantin Komarek (Stefan Ulmer – Alexander Pallestrang) PP; (4-0) 46.16 Stefan Bacher (Lukas Haudum – Michael Schiechl); (4-1) 53.09 Alexander Egger (Tommaso Traversa – Diego Kostner) PP; (4-2) 57.24  Armin Helfer (Armin Hofer – Markus Gander)
Spettatori: 1.500
MVP: Andreas Kristler (Austria) e Alex Trivellato (Italia)