CHL: equilibrio e incertezza nelle gare di andata degli ottavi

Nelle gare di andata degli ottavi di finale quattro degli otto incontri in programma si concludono in parità lasciando aperto il discorso qualificazione. Pilsen, Malmö e Kometa Brno blindano il passaggio del turno. Lo Zugo vince sul filo di lana.

Il Pilsen conquista il PalaOnda di Bolzano con il punteggio tennistico di 6-1: dopo un primo tempo di marca ceca, in cui Conor Allen e Miroslav Indrak raggiungono il doppio vantaggio, i Foxes riaprono la gara ad inizio secondo tempo con Alex Petan; ma non è abbastanza, perché pur cercando il pareggio, i boemi fanno valere il maggior tasso tecnico per incrementare il risultato fino a raggiungere il 5-1. Nell’ultima frazione di gioco Petr Straka chiude i conti. Uomo partita: Miroslav Indrak, autore di un hattrick.

A Lugano i sottocenerini tengono testa agli ex bicampioni del Frölunda Indians per 60’ costringendoli al pareggio per 1-1; tutto accade nel secondo tempo: Patrick Westerholm porta in vantaggio gli svedesi in situazione di quattro contro quattro, Henrik Haapala riequilibra l’incontro a 1’39” dall’intervallo. Giovanni Morini, inserito in prima linea, ha giocato 14’24” totalizzando un +/- di -1 e 2 tiri.

Il Salisburgo di Peter Hochkofler torna da Rouen con un pareggio per 3-3: la partita si accende al goal di Marc-André Thinel, prontamente ribattuto dall’Azzurro nell’unico tiro scagliato verso lo specchio della gabbia in 12’19” in cui è stato utilizzato. Nei successivi 3’40” le due formazioni raggiungono il momentaneo 2-2. I francesi si riportano in vantaggio ad inizio del secondo tempo, Martin Stajnoch impatta a 28” dalla seconda sirena. Nel terzo tempo nessuna delle due squadre riusce a prevalere sull’altra.

Il Kometa Brno annichilisce il Tappara Tampere con una cinquina di reti: sebbene la partita sia giocata a lungo sul filo dell’equilibrio, i cechi si dimostrano più cinici degli avversari raggiungendo il momentaneo 3-0 dopo 23’ di gioco. Subìta la rete finlandese di Sami Moilanen, nel terzo tempo Petr Holik e Leos Cermak spengono ogni velleità avversaria.

Il Malmö  s’impone sul Berna per 4-1, un punteggio bugiardo per quanto visto sul ghiaccio degli svedesi: dopo un primo tempo avaro di conclusioni, Henrik Hetta regala il vantaggio ai Redhawks al 24’; gli elvetici aumentano il forechecking raggiungendo il pareggio con Matthias Bieber in 8’, tuttavia i fuochi d’artificio non sono destinati a terminare, grazie al momentaneo 2-1 di Malte Setkov. Pur subendo maggiormente le iniziative ospiti, i padroni di casa prendono il largo nel finale per mano di Emil Sylvegård ed Anton Mylläry.

Non si sono certo annoiati a Hamar, dove lo Storhamar ha conquistato un inaspettato pareggio contro i più quotati svedesi dello Skellefteå: i norvegesi in svantaggio 1-4 dopo 32’, hanno la forza di reagire nel finale della frazione centrale con l’uno-due di Victor Svensson e Christian Larrivée. Gli ospiti, spiazzati, nel terzo tempo cadono in fallo subendo il pareggio di Jens Jakobs.

Non è da meno l’incontro tra Zurigo e Kärpät Oulu: all’Hallenstadion le due formazioni non risparmiano sorpassi e controsorpassi, inoltre i finlandesi agguantano il pareggio durante due situazioni speciali con Nicklas Lasu: quello del 2-2 in inferiorità e quello del 3-3 in superiorità. Gli ultimi guizzi li regalano Shaun Heshka (in power play), che illude i finnici di aver centrato il colpaccio, e Fredrik Pettersson, il quale, a 2” dalla fine, li riporta alla realtà.

Lo Zugo espugna Monaco di Baviera, ma rischia di mandare in fumo quanto costruito nella prima parte della gara: raggiunto il 2-0, gli svizzeri si fanno subiscono il ritorno dei bavaresi a segno in 3’ con Justin Shugg e John Mitchell. A 2’02” dalla fine Lino Martschini toglie le castagne dal fuoco ai Tori.

 
Ottavi di finale – andata
martedì 6 novembre
Malmö Redhawks (SWE) – Berna (SUI)           4-1
Kometa Brno (CZE) – Tappara Tampere (FIN)    5-1
Storhamar Hamar (NOR) – Skellefteå AIK (SWE) 4-4
ZSC Zurigo (SUI) – Kärpät Oulu (FIN)         4-4
Lugano (SUI) – Frölunda Indians (SWE)        1-1
Bolzano (ITA) – Pilsen (CZE)                 1-6
Rouen Dragons (FRA) – Salisburgo (AUT)       3-3
Monaco (GER) – Zugo (SUI)                    2-3

Gli highlights di Bolzano, Lugano e Salisburgo

Tags: