1a Divisione Gr. A: Italia, giovane e dispettosa

(Cracovia) – I timori della vigilia sulla consistenza di questa giovane Italia sono spazzati via da un esordio, contro i padroni di casa della Polonia, convincente, benché il Blue Team abbia subito troppo l’iniziativa avversaria nel secondo tempo e non sia stata capace di chiudere la gara nell’atto finale con 3’ di superiorità a disposizione.
E’ positivo l’avvio dell’Italia che, dopo appena 1’ di gioco, usufruisce di un power play; i ragazzi di Mair sganciano mine da tutte le posizioni, tuttavia la difesa polacca  si chiude a riccio davanti al proprio portiere. I padroni di casa rispondono con Malasinski che, scontata la penalità, recupera il disco in zona neutra, portatosi in attacco Andreas Bernard spizzica quanto basta per far terminare a lato il disco. E’ l’unica azione degna di nota dei biancorossi che subiscono, nei minuti successivi, l’iniziativa Azzurra, sebbene i tiri latitino. Il break polacco è opera di Kruczek e Pasiut, quest’ultimo concretamente più vicino al vantaggio con il diagonale deviato a lato dal biscotto di Andreas Bernard. A raffreddare gli ardori degli slavi ci pensa Ihnacak, il quale, dopo aver vinto un ingaggio, riceve di ritorno il puck da Insam, pietrificando Radziszewski. Il buon momento del Blue Team è confermato anche nelle due situazioni d’inferiorità di fine periodo, quando gli Azzurri nel primo penalty killing impediscono agli avversari di tirare in porta e, nel secondo,  Andreas Bernard sventa egregiamente su Laszikiewicz.

2015_04_19 polonia italia bernardNel rimanente minuto e mezzo di power play, in avvio di frazione centrale, i polacchi sono incapaci di impensierire la retroguardia italiana. La gara, meno brillante del primo tempo, dà vita ad una lunga fase interlocutoria interrotta dal goal del pareggio di Pasiut che finalizza, davanti allo slot Azzurro, il passaggio da dietro la gabbia di Kowalowka. Sostenuta da 9.456 spettatori la Polonia rende il terzo difensivo dell’Italia terra di conquista; gli Azzurri, incapaci di reagire, non sono più in grado di costruire azioni: Bryk prova ad impensierire Andreas Bernard, il puck finisce sopra la traversa, nel proseguo dell’azione Galant guadagna una superiorità ai danni di di Casmirro. Con l’Italia ancora a zero tiri nello specchio della gabbia polacca, si preannuncia un penalty killing di sofferenza, tuttavia Anton Bernard serve Ramoser, il rimbalzo del disco favorisce lo stesso Bernard che lo depone alle spalle del goalie biancorosso. Gli Azzurri non si accontentano e sono di nuovo pericolosi con Morini la cui conclusione, al termine di una discesa, è bloccata da Radziszewski. L’ultimo brivido ai polacchi lo regala Luca Zanatta, mentre a dare speranze ai polacchi tocca a Kalinowski neutralizzato dal portiere Azzurro.

2015_04_19 polonia italia 434 htE’ Morini ad aprire le ostilità nel terzo tempo, sulla ribattuta Andergassen tenta la via del goal senza fortuna; la Polonia si ripropone in avanti con il backhand di Pasiut bloccato dall’estremo difensore italiano. La gara vive sul filo dell’equilibrio, Anton Bernard prova a spezzarlo trovando l’opposizione di Radziszewski. E’ un Blue Team che sta uscendo alla distanza riprendendo quelle redini del gioco perse, a lunghi tratti, nella frazione centrale, malgrado Kalinowski tenti di rovinare i piani dell’Italia. A metà periodo Rompowski è invitato ad accomodarsi nel penalty box, in una fase d’attacco Gander rovina involontariamente sul portiere polacco, il quale reagisce sfoderandogli un pugno. Gli arbitri comminano a Radziszewski una penalità partita, mentre Gander è penalizzato con i canonici 2’. Con circa 3’ di superiorità l’Italia ha l’occasione di chiudere la pratica, ciò nonostante gli Azzurri sono di rado veramente pericolosi vanificando il vantaggio numerico sul ghiaccio. Nei minuti finali l’Italia gestisce la gara senza patemi  e al suono della sirena può festeggiare il meritato successo.

2015_04_19 polonia italia 436 htL’Italia tornerà sul ghiaccio martedì (ore 16.30) affrontando l’Ucraina, sconfitta dal Kazakistan 5-2.

Polonia – Italia 1-2 (0-1; 1-1; 0-0)
Marcatori:
(0-1) 13.49 Brian Ihnacak (Marco Insam); (1-1) 26.22 Grzegorz Pasiut (Sebastian Kowalowka – Rafal Dutka); (1-2) 33.34 Anton Bernard (Joachim Ramoser) SH

Classifica: Kazakistan p.ti 3; Ungheria p.ti 3; Italia p.ti 3; Polonia p.ti 0; Giappone p.ti 0; Ucraina p.ti 0.

Prossimo turno:
Kazakistan – Ungheria (h. 13.00)
Italia – Ucraina (h. 16.30)
Polonia – Giappone (h. 20.00)