QFG4: Valpe vittoriosa, la serie è sul 3 a 1

Di Beatrice Badariotti

Finalmente la Valpe si fa sentire. Colpo dei Bulldogs che piegano il Milano al Cotta Morandini. I valligiani accorciano le distanze con una vittoria per 5 a 3 in un match a ritmi sostenuti, con molti ribaltamenti di fronte che hanno regalato un bello spettacolo a tutto il pubblico presente sugli spalti. Oltre ai soliti Gron e Latin, per i milanesi, è assente anche l’attaccante Petrov, per la Valpe assente lo squalificato Signoretti.

I padroni di casa partono bene e dopo appena 1’29” vengono premiati con il gol Campbell, assistito da capitan Johnson. I minuti passano ed è sempre la Valpe a rendersi pericolosa con le incursioni di Di Casmirro e Campbell, provano a rispondere gli avversari con il loro top scorer Vallorani. Al 7’56” si presenta un’importante possibilità per i piemontesi in superiorità numerica: prima Johnson e poi De Biasio tentano la conclusione, ma il disco non trova la porta. I biancorossi proseguono con la pressione ai danni delle difesa lombarda con Nicolao e Campbell. I rossoblu controbattono con Waddel e Frei. Al 13’39” ottima occasione per gli ospiti: Caletti manca di un soffio la porta, poco dopo ci prova Migliore in contropiede senza esito. Il Milano riprende il possesso del puck sul finale facendo fare gli straordinari a Sidor con le incursioni di Vallorani e Frei. I padroni di casa rilanciano con Montgomery, in superiorità numerica, ma Caffi neutralizza tutto. L’ultimo sussulto del periodo è tutto biancorosso: serie di occasioni che arrivano sulla stecca di DiCasmirro e Campbell.

In avvio di secondo tempo la Valpe parte nuovamente bene con De Biasio e Johnson, tuttavia al 22’33” il power play a favore del Milano annulla tutto: Murray dalla blu lancia una fucilata che Caletti devia in porta. La risposta valligiana non tarda ad arrivare al 23’58”: Brine angola un buon tiro e sigla il gol del sorpasso. Prosegue il momento d’oro per la Valpe: al 25’48” Pope si infila tra la difesa avversaria e lancia in rete. Con il risultato sul 3 a 1 i padroni di casa non mollano la presa e al 27’47” raggiungono il quarto gol con  contropiede solitaro di Silva. Coach Curcio decide quindi di far uscire il portiere Alex Caffi sostituito da Federico Tesini. Il Milano prova a rispondere con i soliti Vallorani e Fontanive. Da qui ha inizio una serie di occasioni per i rossoblu, approfittando di una situazione in cinque contro tre al 36’07”. I ritmi continuano ad essere molto sostenuti con una successione di occasioni per entrambe le squadre nel finale: da una parte Fontanive e Murray, dall’altra  Johnson e Pope.

Nel terzo periodo, con il risultato sul 4 a 1 la Valpe  cerca di gestire il disco coprendosi bene in difesa, nonostante la serie di penalità inflitte a sfavore dei biancorossi nei primi minuti. I primi dieci minuti passano, i Bulldogs provano a resistere ma, al 50’25”, Migliore accorcia le distanze grazie anche al buon assist di Murray. Pochi minuti più tardi l’allenatore milanese decide di fa rientrare in pista Caffi. Nonostante il punteggio sul 4 a 2, l’atmosfera è molto tesa: i valligiani serrano ulteriormente la difesa ma, al 58’47”, Lutz riesce a spezzarla. A pochi secondi dalla fine si riesce a percepire un certo timore tra gli spalti biancorossi. Pat Curcio richiama il portiere in panca per tentare l’ultimo assedio con i sei giocatori di movimento, la mossa consente a Brine di recuperare il disco e a segnare a porta vuota il 5 a 3 definitivo per  i padroni di casa.

HC Valpellice Bodino Engineering – Hockey Milano Rossoblu 5-3 (1-0, 3-1, 1-2)

MARCATORI: 1-0 Nate Di Casmirro (superiorità numerica) (nessun assist) 1:29; 1-1 Edoardo Caletti (superiorità numerica) (Christhopher Murray, Tommaso Migliore) 22:58; 2-1 David Vincent Brine (Marco Pozzi, Francesco De Biasio) 23:58; 3-1 Matt Pope (superiorità numerica) (Francesco De Biasio, Trevor George Johnson) 25:48; 4-1 Alex Silva (Trevor George Johnson, Francesco De Biasio) 27:47; 4-2 Tommaso Migliore (Tommaso Terzago, Christhopher Murray) 50:25; 4-3 Andreas Lutz (Nicola Fontanive, David Vallorani) 58:47; 5-3 David Vincent Brine (porta vuota) (nessun assist) 59:48.
Arbitri: Nadir Ceschini e Glauco Colcuc; Giudici di linea: Cristiano Biacoli e Luca Zatta. Spettatori: 1,348.

Tags: