Vittoria austriaca contro la nazionale italiana U16

Nell’ambito del torneo Austrian Hockey Board Tournament di Sankt Pölten nell’Austria del Nord, l’Italia under 16 di Giovanni Marchetti non sorride come quelli dell’under 20. Contro l’Austria è stata una sconfitta maturata nei primi 5 minuti di gara: due inferiorità numeriche, due gol. Contro il portiere austriaco Daniel Polzl, miglior giocatore dell’incontro, non c’è stato niente da fare.
Gli Azzurri proveranno a rifarsi tra poco contro l’Ungheria.

freccia Formazioni

Risultati U16 Austrian Hockey Board Tournament
St. Pölten, Austria, 6-8 novembre

giovedì 6 novembre 2014
Italia – Austria 0-3 (0-2, 0-1, 0-0)
Slovenia – Ungheria 1-3 (0-1, 0-2, 1-0)

venerdì 7 novembre 2014
Ore 15:40 Ungheria – Italia
Ore 19:10 Austria – Slovenia

sabato 8 novembre 2014
Ore 10:10 Slovenia– Italia
Ore 13:40 Austria – Ungheria

Classifica pt i V -wt P gol +-
Austria     3 1 1 0-0 0 3-0  3
Ungheria    3 1 1 0-0 0 3-1  2
Slovenia    0 1 0 0-0 1 1-3 -2
Italia      0 1 0 0-0 1 0-3 -3

Tabellini

Italia – Austria 0-3 (0-2, 0-1, 0-0)
Marcatori: 00:43 (0-1, PP) Prosenz Laurin (Rassl Benjamin, Singer Jean), 04:07 (0-2, PP) Singer Jean (Artner Fabio, Zitz Marcel), 24:34 (0-3) Wallenta Elias J. (Rassl Benjamin, Fridman Sergej)
Italia: Quagliato Robin (Tava Mattia); Gios Gregorio, Spornberger Peter; Galassiti David, Lauton Ivan, Delpiccolo Stefan; Defrancesco Marco, Forte Franceco; Kaslatter Hannes, Oberpertinger Jakob, Topatigh Tommaso; De Colle Diego, Laitner Maximilian; Frescura Alessandro, Alverà Tommaso, Finessi Samuele; Talamini Mirco, Moroder Florian; Schiavone Davide, Holzknecht Leo, Trottner Nick. Head Coach: Marchetti Giovanni – Assistant Coach: Manni Walter – Team Manager: Donati Renato
Austria: Pölzl Daniel (Nußbacher Felix); Schreier Lukas, Stückler Patrick; Zitz Marcel, Artner Fabio, Singer Jean; Fridman Sergej, Prosenz Laurin; Wallenta Elias J., Maxa Alexander, Rassl Benjamin; Hauser Michael, Zeloth Florian; Maurer Philipp, Valtiner Raoul, Mitsch Jakob; Rother Florian, Rattensberger David; Greier Moritz, Pusnik Julian, Tröthan René. Head Coach: Brucker Andreas – Assistant Coach: Walch Anton; Gruber Gerd
Penalità: 10-10 (8-4, 0-2, 2-4)
Spettatori: 60
Arbitri: Hofer Florian (Fichtner Patrick, Tschrepitsch Sebastian)
Miglior giocatore per l’Italia: Galassiti David

Slovenia – Ungheria 1-3 (0-1, 0-2, 1-0)
Marcatori: 03:34 (0-1) Kedves Richard (Peter Andor), 24:43 (0-2) Peter Andor (Revesz Marcell, Kedves Richard), 32:07 (0-3) Madacsi Benedek (Löczi Arpad, Kreisz Bruno), 40:18 (1-3, PP) Kujavec Anej (Kosmac Luka, Stojan Nejc)
Slovenia: Plavc Uros (Legat Jure); Stojan Nejc, Urukalo Ziga; Sodja Jaka, Sersen Gasper, Brglez Nik; Ilovar Nejc, Jugovic Jakob; Sturm Jaka, Kujavec Anej, Kosmac Luka; Brus Nejc, Vuk Zan; Lapornik Lovro, Rus Jure, Svetina Erik; Sabanovic Zemir, Klofutar Tine; Tislar Patrik, Korosec Gasper, Jovan Jurij. Head Coach: Jaka Adlesic – Assistant Coach: Dejan Varl – Team Manager: Vros Ban
Ungheria: Szeles Martin (Nagy Kristof); Horvath Oliver, Bognar Patrik; Szigeti Akos, Csiki Attila, Nagy Akos; Fejes Nanndor, Kiss Tamas; Löczi Arpad, Kreisz Bruno, Madacsi Benedek; Sandor Florian, Szecsi Patrik; Revesz Marcell, Kedves Richard, Peter Andor; Pokornyi David, Makovics Bence; Korchma Bence, Bugar Gabor, Szalma Zsolt. Head Coach: Janosi Csaba – Assistant Coach: Szongoth Kristof – Team Manager: Mercz Orsolya
Penalità: 12-18 (4-0, 4-14, 4-4). al 28:30, 2+10 per carica altezza collo a Nagy Akos (UNG)
Spettatori: 40
Arbitri: Lendl Sebastian (Karadakic René, Legat Konrad)


I Buss di Torino si felicitano per il ritorno in nazionale di Federico Gobbo

(com. stampa Torino Bulls) – Per Federico Gobbo non sarà la prima esperienza con la maglia azzurra, ma tra quelle vissute finora sarà sicuramente la più avvincente. Tra venerdì e domenica, il giovane atleta dei Torino Bulls sarà impegnato in Austria in un torneo amichevole con la nazionale giovanile di categoria under 16. Al quadrangolare parteciperanno anche la formazione di casa e due rappresentative tedesche.

“È un test che serve ai tecnici per vedere le qualità individuali, l’intesa e i movimenti in campo a livello di squadra” spiega Federico, “possiamo dire che da questi meeting si inizia a lavorare per costruire la nazionale maggiore del futuro”.

Una bella soddisfazione per questo ragazzo torinese classe 2000, dotato di talento cristallino e di grande voglia di allenarsi e migliorare. La prima convocazione in azzurro risale a luglio:

“quest’estate ho partecipato a un primo stage dal quale è stato scelto un gruppo di venti giocatori” racconta, “poi a inizio settembre abbiamo giocato un match in Austria, che è servito agli allenatori per fare un ulteriore selezione”.

Oggi Federico Gobbo è ancora nel team nazionale giovanile, insieme a qualche ragazzo piemontese e a molti giocatori del Trentino Alto Adige.

“Mi sono subito trovato bene” afferma, “e sono sicuro che anche quella del prossimo fine settimana sarà una bella esperienza”.

Federico veste la maglia gialloblu dei Torino Bulls da due stagioni, ma la sua vita sul ghiaccio è cominciata molto tempo prima, nei primissimi anni dell’infanzia.

“Non ricordo esattamente ma avrò avuto due o tre anni e iniziai a pattinare nelle valli di Lanzo. Poi un allenatore mi prese con un gruppetto di bambini e mi insegnò le basi. Qualche anno dopo ho cominciato a pattinare anche qui a Torino, alla pista Massari, dopodiché sono passato all’hockey su ghiaccio”.

Con i Torino Bulls Federico Gobbo ha conquistato il terzo posto nel campionato under 14 della passata stagione e quest’anno sta disputando un buon torneo under 16, che attualmente vede i gialloblu in lotta per il terzo posto nel girone. Velocità, visione di gioco, tiro, senso della posizione; le qualità individuali non si discutono ma Federico vede oltre:

“se sono in nazionale giovanile lo devo anche e soprattutto ai miei compagni di squadra” conclude, “con loro il rapporto è fantastico; mai una discussione, ci alleniamo e giochiamo con tranquillità e serenità. Tutto questo mi fa stare bene e mi permette di dare il meglio in campo”.