Stanley Cup Playoff : I Kings volano in Finale di Conference

Los Angeles Kings @ Anaheim Ducks 6-2 [3-0;2-1;1-1]
I Kings vincono la serie per 4-3

Reti : 04:30 PPG Justin Williams (1-0) ; 08:48 Carter (4) (2-0) ; 15:12 Richards (3-0) ; 22:02 Kopitar (4-0) ; 34:08 PPG Gaborik (5-0) ; 37:02 Palmieri (5-1) ; 43:42 Perry (5-2) ; 53:54 Pearson (6-2)
Three Stars : Mike Richards (1+1) ; Jonathan Quick (26sv) ; Justin Williams (1+1)

Dura poco meno di 20′ il derby della Città degli Angeli tra Ducks e Kings con gli ospiti ad espugnare con un roboante 6-2 l’ Honda Center di Anaheim. LA si dimostra team intrattabile nelle “elimination game” quest’anno dopo esser stata ad un niente dal baratro nel primo round contro gli squali di SJ per uno storico sweep dopo lo 0-3 maturato nelle prime tre uscite (!) mentre nella stracittadina, dopo aver vinto per 2-1 Gara 6, riesce nell’impresa di far sua Gara 7 e di volare direttamente in finale contro Chicago, già nella primissima serata di domenica sera @ Windy City. Alla rete iniziale di Williams in PP che raccoglie il rebound concesso da Gibson su conclusione velenosa di Richards, segue 4 minuti dopo la rete in solitaria di Carter a fulminare il giovane goalie dei Ducks che capitola al 15mo anche su conclusione tutt’altro che trascendentale di Richards assolutamente scatenato in questa contesa. I Ducks provano a reagire ma Quick è come sempre in grande spolvero nei momenti clou della post-season a chiudere a doppia mandata il proprio slot e dopo soli 2′ del secondo terzo cala il sipario sulla contesa col polsino di Kopitar a spedire sotto la doccia l’enfant-prodige di casa Ahaneim. Fanno addirittura 5 i Kings al 34mo in PP con Gaborik (nona rete in PS!) a chiudere un bellissimo scambio in PP. Ultimo sussulto d’orgoglio per i rassegnati Ducks che rendono meno drammatica l’ultima uscita in carriera del leggendario Teemu Selanne con le reti di Palmieri e Perry con Pearson di LA a segnare la rete del 6-2 solo per gli annali statistici.

Al minuto 59 standing ovation per il 43enne Finnish Flash che salutato dalla platea, abbracciato dai compagni di squadra ed omaggiato dagli avversari di LA si avvia mestamente verso la balaustra per il ritiro definitivo dalle competizioni di una delle maggiori stelle europee delle ultime due decadi ad aver solcato i palaghiacci NordAmericani dopo 1451 partite in regular season condite da 684 reti e 773 assistenze con bilancio in parità in post season di 44+44 in 129 uscite e la celebre tazza portata a casa al termine della cavalcata Play-Off del 2007.

La truppa di Darryl Sutter si guadagna quindi un altra Finale di Conference al cospetto dei BlackHawks di Chicago, col proprio splendido team a cogliere la sesta vittoria consecutiva nelle elimination game ad un niente dalle vacanze anticipate, trascinata dagli specialisti Gaborik, Richards e Williams capaci di vincere  tutte e 5 le settime partite giocate in carriera.