Mercato EBEL – Bolzano: Pokel sì, Pokel no? Matt Siddall sbarca a Innsbruck

 

E’ ancora in un inusuale quanto canonico standby lo sviluppo del mercato in casa Bolzano. Un ossimoro voluto: da una parte una scena vista e rivista negli anni della Serie A e anche l’anno scorso, a poche settimane dall’inizio della EBEL, quando la squadra era ancora un cantiere aperto, dall’altra una situazione singolare se pensiamo che la squadra campione in carica, con una Champions League da giocare in prima fascia tra circa tre mesi, non ha ancora confermato giocatori, né visti di nuovi in entrata. Tanti rumors, ma nulla di ufficiale. Compresa la permanenza di coach Tom Pokel sulla panchina biancorossa: sembra ormai fatto il suo trasferimento ai Vienna Capitals, il che comporterebbe anche un abbandono della Nazionale italiana, ma proprio finché i Mondiali in atto a Minsk non saranno finiti l’accordo non sarà reso ufficiale. Anzi, tanto per non lasciare nulla al caso e per lasciare l’ultimo focolare di speranza ai tifosi dei Foxes, Pokel si è subito affrettato a sottolineare come lui, ancora, non abbia firmato niente. La conclusione della vicenda, francamente, sembra però già scritta.

L’unico nuovo rumor ufficiale per quanto riguarda i giocatori, dando Jaroslav Hübl come quasi sicuro partente, è un possibile arrivo di Frederic Cloutier a difesa della gabbia bolzanina: esatto, proprio lui, il goalie tanto sportivamente “odiato” dai tifosi del capoluogo quando militava tra le fila del Renon. Lui, che a settembre dovrebbe diventare italiano, fattore che gioca indubbiamente a suo favore. Cloutier si è messo completamente a disposizione di un eventuale ingaggio nei Foxes: il ghiaccio della EBEL il (per ora ancora) canadese l’aveva già calcato nella stagione 2011/12 e quella successiva, dopo aver smesso la casacca dell’altopiano, quando era finito a difesa della porta del Graz prima di andarsene per incomprensioni con la società. Poi l’ultima stagione in DEL2, diviso tra gli Starbulls Rosenheim e i Bietigheim Steelers. Chi vivrà, vedrà.

E le altre squadre? E’ un periodo di stallo generale, a dirla tutta, tranne che per l’Innsbruck. I cugini tirolesi del Bolzano hanno provveduto a confermare l’impianto generale della squadra e a continuare con nuovi innesti: resta all’ombra del Goldenes Dachl l’ossatura austriaca composta dai difensori Florian Pedevilla, Florian Stern, Stefan Pittl, Christoph Hörtnagl e Dominique Saringer, gli attaccanti Andreas Hanschitz, Benedikt Schennach, Daniel Frischmann, Maximilian Steinacher e Fabio Schramm, e il goalie Manuel Litterbach.
All’età di 38 anni si ritira invece Marek Malik, che ha chiuso quindi la sua carriera in Tirolo: il ceco ha giocato per anni in NHL tra Hurricanes, Rangers e Lightning. Lo statunitense Luke Salazar invece saluta l’Austria per trasferirsi all’Asplöven, in Allsvenskan, dopo una stagione in cui aveva raccolto 37 punti in 53 partite. La notizia che però più colpisce, anche perché riguarda il campionato italiano, è lo sbarco in EBEL di Matt Siddall, che dal Renon si trasferisce quindi proprio nella vicina Innsbruck: Siddall torna nel campionato mittel-europeo dopo una breve esperienza al Medvescak Zagabria, che aveva anticipato il suo arrivo in Italia tra le fila del Cortina. I Rittner Buam perdono uno dei protagonisti principali dello scudetto.
Per finire i Die Haie sembrano interessati al difensore svedese Johan Björk, al Malmö nell’ultima stagione.

L’unica altra squadra attiva sul mercato, al momento, è lo Znojmo. I cechi si sono mossi molti in entrata, con un acquisto per reparto: a difesa della gabbia arriva il 25enne slovacco Tomas Tomek, dall’SHK 37 Piestany (prima lega slovacca), in difesa il 24enne ceco Marek Drtina, dall’HC Pardubice (prima lega ceca), in attacco l’esperienza del 37enne ceco David Hruska, che arriva dal KLH Chomutov (prima lega ceca). In prestito dall’HC Litvinov sbarca a Znojmo anche il giovane portiere Patrik Nechvatal.

Per quanto riguarda le altre formazioni, c’è da segnalare soltanto il rinnovo a Vienna del difensore austriaco Patrick Peter e di un rumor che vede l’attaccante ungherese Istvan Bartalis vicino al Sapa Fehervar, che intanto conferma il canadese Andrew Sarauer.