INL: Egna sul tetto della Inter-National League

Egna trionfa in gara 3 e vince la Inter-National League. Nella prima gara della serie finale giocata in terra austriaca, disputatasi nel palaghiaccio di Feldkirch, le Oche selvagge conquistano il titolo all’overtime grazie alla rete di Christian Willeit siglata a 68:18. Una grande soddisfazione per gli uomini di Teppo Kivela, che portano il titolo nel territorio italiano costringendo il Bregenzerwald ad abdicare. Davanti a 3720 spettatori, le due squadre giocano una gara intensa, che fatica a decollare e finisce a gabbie inviolate dopo due drittel. A 44:01 il Bregenzerwald rompe l’equilibrio con Nilsson-Grans, fuggito dalla zona neutra e capace di superare Caffi con un ottimo tocco. Trascorrono poco più di due minuti, e l’Egna pareggia i conti in superiorità numerica. Margoni coglie l’ottimo invito di Willeit, fuggito in transizione, e deposita facilmente il puck in rete. Le penalità fischiate da una parte e dall’altra, a Wolf e Willeit, non vengono capitalizzate dai due roster. Poi, dopo otto minuti dall’inizio dell’overtime, è lo stesso Willeit a catapultare l’Egna verso il titolo, segnando il gol decisivo. Con un netto 3-0 nella serie, ottenuto non senza fatica ma con assoluto merito, l’Egna festeggia la conquista titolo della Inter-National League, dopo una stagione che ha visto le Wild goose sempre tra le prime posizioni, determinate nei playoff e capaci di mettere sul ghiaccio un gioco efficace quando necessario, forte di un gruppo formato da tanti giocatori d’esperienza, un ottimo goalie come Alex Caffi, e un coach capace di dare una vera identità al team. Il Bregenzerwald viene eliminato a testa alta. Titubante nella Regular Season, la formazione neroverde ha giocato una Post season eccezionale, vincendo tutte le gare di un Qualifying Round B conquistato a mani basse, ed eliminando due italiane, Appiano e Gherdeina, senza però ripetersi nella finale contro l’Egna. Così, la seconda lega austriaca, per la prima volta allargatasi oltre i confini, premia una squadra non austriaca. Egna è in festa.

Finale gara3, sabato 5 aprile

egna thum logoEHC Bregenzerwald – HC Egna Riwega 1:2 o.t (0:0; 0:0; 1:1; 0:1)
Reti: 
1:0 Nillson-Grans (44:01), 1:1 Margoni in superiorità numerica (46:56), 1:2 Willeit (68:18)
EHC Bregenzerwald: Ostlund (Dieber); Fussenegger, Wolf P., Mitgutsch, Stadelmann, Purkhard, Kauppila, Holzer, Pohl; Glanznig, Judex, Haidinger, Putnik, Nillson-Grans, Haussle, Ban, Bereuter, Wolf M., Pfeiffer, Hauser. Coach: Henrik Alfredsson
HC Egna Riwega: Caffi (Rizzi); Sullmann A., Zucal, Pelletier, Bertignoll, Nedved, Willeit, Lazzeri, Steiner; Wilenius, Bustreo, Sullmann M., Peiti, Kilpatrick, Margoni, Simonazzi, Dorgatti, Walter. Coach: Teppo Kivela

Penalità: Bregenzerwald 5 (10:00)/ Egna 5 (10:00)
Spettatori: 3720
Arbitri: Benvegnu; Gruber, Marent