Tutto facile alla prima per il Milano

Dopo 6 mesi e 19 giorni torna a giocare una partita di campionato il Milano.
Dopo un’estate fatta di speranze e ambizioni eccoci al via di una nuova stagione e aggiungerei finalmente.
Serata piacevole anche dentro il palazzo, pubblico numeroso, compreso un discreto numero di tifosi trentini, per una partita che almeno sulla carta non doveva rappresentare un grosso problema per la squadra di casa, e così è stato, e forte di alcuni innesti, Ansoldi e Lutz su tutti ma anche senza Peruzzo per infortunio e Della Bella, incontra la neopromossa Pergine.
Davanti ai propri tifosi si presentano i nuovi stranieri: lo slovacco Klouda e il canadese Constant.
A difesa della propria gabbia coach Da Rin lancia il nuovo portiere svizzero Terrazzano, praticamente inoperoso questa sera. Circa 1300 anime sono presenti, pubblico quasi delle grandi occasioni e Migliore e soci non hanno deluso. La curva rossoblu all’inizio della partita ha esposto il seguente striscione: “ La serie cadetta ci sta stretta”.

Il presidente Migliore quest’estate ha lavorato molto per seguire la linea della curva ed è riuscito a costruire una squadra che non sfigurerebbe nemmeno nella massima serie: la prima linea è di tutto rispetto: Klouda. Ansoldi e Migliore fanno paura ma anche la seconda con Caletti, Wunderer e Lo Presti, privo del proprio compagno di mille battaglie, Peruzzo, non è male. La terza Borghi M., Migliavacca e Mazzacane è forse quella che più ha impressionato questa sera.

La squadra di casa subito in avanti con gli ospiti che provano a rispondere in cotropiede: sembra questo il tema della serata.

I primi pericoli verso la gabbia di Commisso vengono da Borghi F., Constant, Klouda e Migliore ma è bravo in questa fase l’estremo trentino. Al 10.36 prima penalità della partita: i Rossoblu fanno girare bene il disco e 13 secondi più tardi è Klouda a realizzare con un tiro che finisce nel sette. Al 16.22 il protagonista è Lutz, il nuovo acquisto del Milano si fa un cost to cost in solitaria ma il suo tiro viene respinto dall’estremo avversario, raccoglie la respinta ma spara fuori di poco. Al 17.07 il Milano raddoppia con Migliavacca, pronto a raccogliere una respinta di Commisso su tiro di Mazzacane. Giusto un minuto più tardi i Rossoblu chiudono la partita: Ansoldi, sì proprio lui, raccoglie una respinta di Commisso su tiro di Wunderer e realizza. Le squadre vanno a bere il the, anche se questa sera visto la temperatura all’interno del palazzo, non c’è bisogno.

Il secondo drittel si apre con il Milano ancora in rete, con l’idolo della curva Caletti, ben assistito da Lo Presti. Al 5.07 arriva la prima penalità della stagione per il Milano: vince il premio, si fa per dire, Peter Stimpfl per carica scorretta. Ma nemmeno con un uomo in più, il Pergine, riesce a pungere. Normale amministrazione per Terrazzano. È sempre la squadra di casa a rendersi pericolosa, prima con Lutz, poi con Caletti e infine con Ansoldi in un paio di occasioni. La curva ospite è quasi commovente nell’incitare la propria squadra ma non basta. Le squadre vanno alla seconda pausa con il risultato di 4 a 0 per i Rossoblu.

Nel terso tempo la musica non cambia: il Milano controlla e il Pergine fa quello che può. Al 2.54 è la volta di Klouda a servire in centro lo smarcato Wunderer che non può sbagliare. Nel frattempo già dal drittel centrale coach Da Rin aveva messo Wunderer in prima linea al posto di Migliore per dare un pò più di velocità alla prima e peso alla seconda. Il resto è normale amministrazione: il Milano controlla e gli ospiti ci provano con Bertoldi A. e Piva ma senza successo. Il tempo di vedere ancora qualche pericolo creato da Ansoldi e Lutz e i tifosi tornano a casa contenti.

Vero che è troppo presto per sbilanciarsi, ma se il buongiorno si vede dal mattino potrebbe essere sicuramente l’anno buono per Da Rin e soci; comunque già le prime risposte alle nostre domande le avremo domenica prossima quando il Milano andrà a fare visita ad una squadra, come l’Egna; capace di strapazzare il Gherdeina alla prima giornata.

Hockey Milano Rossoblù – Pergine Solarplus 5-0 (3-0, 1-0, 1-0)
Reti: 1:0 Peter Klouda (10.49), 2:0 Mirko Migliavacca (17.07), 3:0 Luca Ansoldi (18.07), 4:0 Edoardo Caletti (24.41), 5:0 Peter Wunderer (42.54)
HC Milano Rossoblù: Pasquale Terrazzano (Mattia Mai); Ryan Constant, Andreas Lutz, Alessandro Re, Federico Betti, Peter Stimpfl, Francesco Borghi, Niccolò Latin; Luca Ansoldi, Peter Klouda, Tommaso Migliore, Edoardo Caletti, Manuel Lo Presti, Peter Wunderer, Mirko Migliavacca, Michael Mazzacane, Marcello Borghi, Nicolò Lo Russo. Allenatore: Massimo Da Rin
HC Pergine: Thomas Commisso (Daniele Facchinetti); Troy Barnes, Per Braxenholm, Lorenzo Casetti, Giulio Bosetti, Alberto Meneghini, Fabio Rigoni; Pontus Morén, Michele Bertoldi, Andrea Bertoldi, Manuel Accarrino, Andrea Costantino, Alessandro De Polo, Davide Mantovani, Stefano Piva, Alessandro Reffo, Alex Tava, Riccardo Tombolato, Alberto Virzi. Allenatore: Marco Liberatore

Intervista a Ansoldi e Liberatore

httpvh://www.youtube.com/watch?gl=IT&v=gRx1Ya0Fy_8

Tags: