Gli orsi hanno ragione della aquile solo ai rigori

di Andrea Berardo

Davanti ad un pubblico decisamente meno numeroso del solito, solo 15087, il Berna non riesce nell’impresa di vincere nei tempi regolamentari e riesce a regolare un Servette fin’ora molto sottotono solo ai tiri di rigore..

La partita comincia con i ginevrini all’attacco, con diverse occasioni da rete. Per contro il Berna non riesce mai a rendersi pericoloso, neanche quando l’arbitro fischia una penalità a John Gobbi per bastone alto. Il Ginevra macina gioco su gioco, e riesce a realizzare al 14:23 con il solito Thomas Deruns, assistito magistralmente da Paul Savary. Il primo periodo si conclude 1 a 0 per gli ospiti, risultato a dir la verità anche stretto, vista la completa assenza di gioco da parte dei bernesi.

Il secondo periodo si riapre come era finito il primo, con le aquile sempre in attacco e gli orsi a difendere. Ai minuti 31:36 Salmelainen si fa dare 10 minuti per condotta antisportiva ed il Berna si ritrova in powerplay, che comincia a giocare male, tanto che Walsky prende il disco e si invola verso la porta avversaria. Nel tentativo di superare un rinato Dubé aggancia stupidamente con il bastone l’attaccante bernese e si fa mandare in panca puniti. In 5 contra 3 gli orsi non falliscono e si riportano sull’1 a 1 con Gardner, assistito da Pluss e Berger. In meno di 5 muniti al 38:17 sono gli orsi a portarsi in vantaggio, con Philipp Furrer, assistito fantasticamente da Gardner e Berger. Finisce il secondo periodo con il punteggio di 2 a 1 per L’SC Bern.

Nel terzo periodo il gioco degli orsi diventa scoppiettante, tanto da giocare bene anche in box play quando prima Jobin e poi Scherwey si fanno penalizzare. A guastare la festa bernese ci pensa Paul Savary, che insacca un disco alle spalle di Buhrer e riporta il il punteggio in parità. Gli ultimi minuti sono concitati, una nuova penalità per il Ginevra fischiata a Deruns non viene sfruttata dal Berna, neanche dopo che Larry Huras tenta la carta di togliere il portiere per giocare in 6 contro 4 negli ultimi 15 secondi.

Finisce 2 a 2 e si v all’overtime, dove il Berna gioca ancora qualche secondo in powerplay senza fortuna. Da segnalare un fantastico salvataggi di Marco Buhrer sul top scorer ginevrino Richard Park, in situazione di 1 contro 1.

Si va ai rigori dove proprio Park commette l’errore decisivo sparando il disco del suo secondo rigore sulla traversa a portiere battuto.

Finisce 3 a 2 con un Berna che vince ma non convince e il Ginevra che se vuole rimontare in classifica dovrà evitare le sempre troppe penalità.

www.geneva-hockey.ch


Berna – Servette 3-2 dr (0-1 2-0 0-1 0-0)

PostFinance-Arena: 15’087 spettatori
Arbitri: Eichmann, Stricker, Fluri, Müller

Reti:
15′ Déruns (Savary) 0-1
34′ Gardner (Plüss, Berger, 5 contro 3) 1-1
39′ Furrer (Gardner, Roche) 2-1
58′ Savary (Fritsche) 2-2

Rigori:
Gardner 1-0
Park 1-1
Berger 2-1
Déruns 2-2
Gardner 3-2,

Penalità:
2 x 2′ contro il Berna
5 x 2′ + 1 x 10′ (Salmelainen) contro il Servette

Berna: Bührer; Roche, Furrer; Jobin, Hänni; Gerber, Krueger; Stettler; Vigier, McLean, Scherwey; Dubé, Plüss, Rüthemann; Berger, Gardner, Gamache; Neuenschwander, Froidevaux, Vermin.

Servette: Stephan; Vukovic, Bezina; Pothier, Mercier; Gobbi, Breitbach; Déruns, Savary, Salmelainen; Toms, Park, Fritsche; Walsky, Trachsler, Conz; Rivera, Berthon, Cadieux; Randegger.

Note:
Berna senza Dominic Meier, Kwiatkowski (sovrannumero)
Al 7′ Rivera, Toms e Pothier sono usciti per infortunio
Berna senza portiere tra il 59’54” e il 60’00”.

Tags: ,