Un grande Milano stende la corazzata Vipiteno

di Groden

MILANO – VIPITENO 3-1 (0:0)(1:0)(2:1)

Dopo la sconfitta subita domenica scorsa ad opera del Caldaro, il Milano si ripresenta all’Agorà per vendere cara la pelle alla capolista Vipiteno, forte del lettone Sorokins. Nella squadra di casa presenti anche Migliavacca al ritorno dall’esperienza in Repubblica Ceca e Hood alla sua ultima apparizione all’Agorà, invece assente Migliore per squalifica.
Davanti a un pubblico caldo e numeroso, le due squadre si rendono protagoniste fin da subito. La prima occasione arriva per il Milano al 1.24 grazie a Tomasello che però non riesce a deviare in rete. Subito dopo sale sugli scudi Della Bella che prima para su Hamilton e poi su Gander. Passata incolume la prima penalità, 2′ a Johnson, è la squadra di casa che si rende pericolosa prima con il capitano Tomasello poi con una discesa di Dias ma viene lasciato troppo solo e non riesce a concludere e ancora dopo con un tiro dalla blu di Hood.

Il drittel centrale è caratterizzato da molto nervosismo, dovuto anche a qualche decisione arbitrale molto discutibile. Inizia subito in avanti il Vipiteno con Pichler e Hamilton ma para l’estremo milanese prima del boato che al 6.03 si sente dagli spalti grazie alla discesa di Dias che segna il vantaggio Rossoblu.
A questo punto incomincia lo show di De Col che nel giro di pochi minuti infligge 6 penalità di fila, 4 contro il Milano e 2 contro il Vipiteno, quasi tutte discutibili.
Il tempo si conclude con ottime parate dell’estremo rossoblu su Mair, Bustreo, Soronkins, Rainer e Gander.

Il terzo drittel si apre con un tiro che lambisce il palo di Peruzzo e con un paio di conclusioni di Soronkins in doppia superiorità numerica. Al 6.50 la svolta della partita: prima viene punito Gander con un 5’+20′ e subito dopo Scardoni con 2′.
La doppia superiorità viene ben sfruttata dal Milano che al 7.21 realizza la rete del doppio vantaggio grazie ad un tiro dalla blu di Hood. Dopo un paio di azioni pericolose del Milano con Lo Presti e Peruzzo, sono ancora i padroni di casa a realizzare con Dias in superiorità causa una penalità inflitta a Bustreo.
Il finale è caraterizzato dall’assalto del Vipiteno che si concretizza con la rete di Hamilton e l’ultimo disperato tentativo di coach Oly Hicks che toglie Tragust per far spazio ad un uomo di movimento in più ma senza fortuna.
Il Milano raggiunge così in vetta alla classifica gli stessi Broncos e si prepara per un’altra battaglia domenica al Pranives di Selva di Val Gardena.

Reti:
1° Periodo  senza reti
2° Periodo: 26.03 Dias (M), 47.21 Hood (M) in doppia superiorità
3° Periodo: 51.11 Dias (M) in superiorità, 57.37 Hamilton (V)