Serie A2: Giochi quasi fatti in vista dei Playoff

La penultima giornata già ha emesso dei verdetti. Nel girone A l’Appiano ha perso la sua quarta gara sulle 5 di questi gironcini spianando la strada al Vipiteno che aspetterà ai play-off l’ultima classificata del girone B, attualmente il Milano. Non un grande affare visto che nell’ultima sfida a Milano furono i rossoblu a festeggiare e anche l’anno scorso ne uscì un quarto di finale spinoso. Contro l’Appiano una rete ad inizio secondo tempo e una nei primi minuti bastano al Vipiteno per avere la meglio sull’Appiano che al 50° può solo accorciare.
Una partita sì e una no è favorevole al Real Torino. Questo era il turno del “sì”: vittoria 5-4 contro l’Egna e la partita per il terzo posto non è ancora conclusa.  In svantaggio 0-3, l’Egna in 47 secondi s’era portata sul 2-3 in inferiorità ma sullo stesso powerplay i piemontesi sono tornati ad avere un doppio vantaggio di sicurezza. Nell’ultimo drittel Amado De Melo (tre reti per lui) pareggia già in avvio ma David Stricker si improvvisa match winner per il 5-4 finale.

Decisiva sarà l’ultima giornata con il Real impegnato in casa con l’Appiano e l’Egna (che ha detto addio al secondo posto) a Vipiteno.

Appiano -Vipiteno 1-2 (0-0; 0-1; 1-1)
Real Torino – Egna 5-4 (1-0; 3-2; 1-2)
Classifica:
Vipiteno 29
Appiano 22
Egna 18
Real Torino 17
Ultimo turno mercoledì:
Real Torino – Appiano
Vipiteno – Egna

Nell’altro raggruppamento il Milano che l’altroieri ha sorpreso tuti vincendo sul Merano è crollato a Caldaro per 7-0, il passivo più pesante di questa stagione. Mai Della Bella, recentemente eletto miglior portiere di A2, ha dovuto raccogliere più di 6 dischi dalla gabbia. 2 gol dei Lucci in 20 minuti nel secondo periodo, uno ad inizio del terzo e altri 4 in 7 minuti. Un terzo posto che potrebbe voler dire derby ai quarti con l’Appiano, per la gioia dei cassieri e la comodità della trasferta.
Avvincente l’altra sfida col Gherdeina che stava per agguantare la capolista Merano già alla penultima giornata ma che ha dovuto aspettare i rigori. Primo tempo a reti inviolate, secondo con i ladini che in 3 minuti segnano altrettante reti. Trenta secondi dopo il Merano accorcia e basta un altro minuto e 40 per fare 2-3. Il Gheredina riesce a chiudere la seconda frazione sul 4-2 ma nel terzo periodo in un minuto e mezzo il Merano pareggia. Altro vantaggio dei ragazzi di Adey poco dopo e ancora pareggio al 56° con Lyness in power play. Nulla all’overtime, ai rigori segnano due volte a testa Hilden per il Merano e Wallenberg per il Gherdeina. Bernakevitch al 7° giro di tiri buca Baur per il successo rossoblu.

Merano – Gherdeina 5-6 rig (0-0; 2-4; 3-1; 0-0; 0-1)
Caldaro – Milano 7-0 (2-0; 0-0; 5-0)
Classifica:
Merano 25
Gherdeina 23
Caldaro 18
Milano 16
Ultimo turno mercoledì:
Caldaro – Merano
Gherdeina – Milano