Russian Superleague 2007/08: terze partite dei quarti di finale

di Alessandro Seren Rosso

Si sono disputate in giornata le terze partite dei quarti di finale.

Severstal Cherepovets – Salavat Yulajev Ufa 0 – 3 (serie 0 – 3)

È il Salavat la prima semifinalista di questi playoffs, il cui 3-0 nella partita corrisponde al punteggio totale nella serie. Dopo soli cinque minuti gli ospiti vanno in vantaggio con un tocco di Medvedev dallo slot. Due minuti più tardi è Antipov a ribattere in rete un tiro di Konstantin Koltsov. Nel finale di partita Tereschenko a porta vuota fissa il 3-0 nel match e nella serie.

Dinamo Mosca – Metallurg Magnitogorsk 3 – 2 (serie 2 – 1)

Grande partita a Mosca, con un finale emozionantissimo. E pensare che la Dinamo era passata in vantaggio soltanto al quarto minuto del primo tempo, con Stolyarov lasciato liberissimo davanti al portiere dopo un bell’invito di Badyukov dalla sinistra. Il primo tempo è dominato dalla squadra di casa, a cui il vantaggio di una sola rete alla prima sirena sta stretto. Nel periodo centrale il Metallurg prende in mano il match, senza però riuscire a trovare la rete, ma subito al primo minuto della terza frazione una staffilata di Marek in powerplay pareggia i conti. Tipico gol della formazione di Postnikov, con Kaigorodov a incrociare il passaggio verso Marek nel cerchio sinistro, conseguente tiro al volo e portiere battuto. La reazione della Dinamo è veemente e dopo soli tre minuti è Rylov a riportare in avanti i suoi: Fedorov, lanciato da Emeleev, vede sulla sinistra l’ex rookie dell’anno (stagione 2004/05) che di prima mette il disco alle spalle di Scott. Ma non è finita qui. A quaranta secondi dal termine un contropiede di Landry (con la complicità di Scott) porta il vantaggio della squadra di casa a due reti, poi a venti secondi dalla sirena Atyushov accorcia le distanze, ma non c’è tempo, sarà a favore della Dinamo il primo match point.

Ak Bars Kazan – CSKA Mosca 3 – 2 (serie 3 – 0)

Nonostante i proclami bellicosi di Bykov (“A Kazan per vincere e riaprire la serie”), l’Ak Bars Kazan supera il CSKA in casa e spazza via gli avversari, guadagnandosi l’accesso alle semifinali in sole tre partite. È Stepanov a portare in vantaggio i suoi, con l’evidente complicità del mediocre Lawson che para il tiro, ma si lascia sfuggire il disco in rete. Al diciannovesimo la squadra di casa raddoppia: in powerplay Zinovjev serve Morozov sulla destra, per l’ex Pittsburgh è un gioco da ragazzi infilare Lawson sul primo palo. Nel secondo periodo il CSKA riapre la partita con una staffilata di Belov in powerplay, dopo un ingaggio vinto in zona offensiva. La partita è molto bella, con diverse occasioni da ambo le parti e una serie di buone parate da parte dei portieri, in particolare Esche su Suglobov e Lawson su Seleznev. Al primo cambio del terzo periodo però Morozov in forecheck sottrae il disco a Korneev, servendo Zinoviev solo davanti a Lawson, libero di insaccare il 3-1. Il CSKA non si arrende e con uno slap di Misharin deviato davanti alla gabbia riapre la partita, ma non basta, complice anche uno strepitoso intervento di Giroux a togliere praticamente il puck dalla porta dopo una parata acrobatica, ma non perfetta, di Esche su conclusione di Saprykin. L’Ak Bars Kazan è la seconda semifinalista.

SKA S. Pietroburgo – Lokomotiv Yaroslavl 0 – 2 (serie 1 – 2)

Ottima vittoria del Lokomotiv a San Pietroburgo, con tanto di shut-out per Varlamov. Dopo due periodi conclusi a reti inviolate, nel terzo periodo il Lokomotiv mette la freccia con un gol di Konkov da due passi dopo un’incertezza di Sokolov. Cinque minuti più tardi Yashin, lanciato da Irgl, con un gran gol chiude i conti, assegnando quindi il primo match-ball alla sua squadra.

Tags: