Milano – Ritten: il commento

di Fabrizio Prina

MILANO – RENON 1-2 (0:0; 1:2; 0:0)

Seconda partita in casa per il Milano e prima sconfitta.
Vipere sfortunate che fanno praticamente tutto da sole, passano in vantaggio meritatamente e rovinano tutto con una dormita colossale durante un poco accorto cambio di linea. Sfortunate perché Milano tiene il pallino del gioco per quasi tutta la partita ma tra imprecisioni nel tiro, un ottimo Cloutier e tanta sfortuna il disco non ne vuole sapere di entrare nella gabbia alto atesina.
Renon certamente più cinico e dotata di giocatori di esperienza ai quali non si può concedere la minima disattenzione senza rischiare di essere puniti.
Inizio partita su buoni livelli di gioco e velocità con Milano che spinge subito sull’acceleratore e mette in difficoltà il goalie avversario fin da subito con il giovane Lorini.
Il Renon non sta a guardare e con Mather prima e Hafner dopo si rende insidioso costringendo Szuper a due belle parate d’istinto.
Scandella per i milanesi non riesce, in ottima posizione, ad imprimere la forza giusta al disco per impensierire davvero il portiere, poi è Di Stefano a sciupare una meravigliosa occasione da pochi passi mandando a lato.
Il tempo si chiude con una bella azione Astashenko – D’accordo con quest’ultimo che colpisce precipitosamente concludendo malamente un’azione che poteva essere pericolosa.
Il secondo drittel si apre con il Milano che spinge con costanza e determinazione cogliendo il frutto dell’impegno, in superiorità numerica, al 4° minuto con Iannone che assistito da Evans indirizza all’incrocio un forte e preciso disco sul quale Cloutier deve capitolare.
Disco al centro e subito dopo l’ingaggio è Kurtz a far emergere il valore del goalie atesino.
Penalità contro i Vipers ed è Dorigatti a non sfruttare una ghiotta occasione da due passi dalla gabbia.
A metà tempo Pozzi salta in dribbling due avversari e costringe Cloutier a respingere con i gambali l’insidioso tiro del n° 26 rossoblù.
I Ritten Baum pareggiano in power play con Olson al 15’ e 17 assistito da Gruber e Mather finalizzando una bella azione forse facilitata da una difesa un po’ disattenta.
Dopo appena un paio di minuti Milano fa harakiri quando, durante un cambio linea un po’ lento e inappropriato, regala un contropiede a Dorigatti e Tuzzolino con quest’ultimo che ringrazia e impallina di precisione l’incolpevole Szuper.
Terzo periodo con Milano che si butta in avanti deciso a pareggiare ma Cloutier non ne vuole sapere e sventa un’incursione di Evans.
Ancora Evans e poi Iannone provano senza risultato a superare il goalie canadese.
I Vipers non riescono a sfruttare le superiorità numeriche anche per l’attenta difesa del Renon con Cloutier sugli scudi quando riesce a sventare l’ennesimo attacco di un solitario Stephenson assistito bene da Trevisani.
Ultimi minuti di partita a senso unico con Insam che cambia la composizione delle linee con Di Stefano insieme a Stephenson e Simon e Scandella con Evans e Iannone sperando di scompaginare la difesa alto atesina che fa buona guardia. In chiusura doppia superiorità del Milano che non riesce a gestirla, anzi Scandella si fa scioccamente trovare in fallo e prende due minuti che facilitano la difesa del Renon e malgrado l’uscita nell’ultimo minuto di Szuper per avere l’uomo in più nel finale il risultato non cambia.
In breve una buona partita, peccato per il Milano che tra la bravura di Cloutier, l’imprecisione in fase di tiro, un po’ di sfortuna e qualche grosso regalo agli avversari abbiano impedito alle Vipere di ottenere un risultato positivo.
Prossima partita in casa, dopo la trasferta di sabato a Pontebba, il 9 ottobre contro il Fassa.

HCJ MILANO VIPERS- HC RITTEN SPORT 1-2 (0-0, 1-2, 0-0)

MILANO: Szuper (Della Bella); Trevisani- Kurtz, Kelly- Strazzabosco, Lehtinen- Raymo, Mair; Scandella- Simon- Stephenson, Iannone- Evans- Di Stefano, Mantovani- Pozzi- Lorini, Mazzacane, Migliore. All. Adolf Insam.

RENON: Cloutier (Niederstatter); Vodrazka- Astashenko, Egger- Gruber, Hafner- Ploner F., Ploner K., Bregenzer; Tuzzolino- Bustreo- Daccordo, Olson- Scelfo- Smith, Dorigatti- Mather- Rottensteiner, Unterfrauner, Senn. All. Paul Adey..

RETI: 24.54 (1-0) Iannone (Evans, in sup. num.), 35.17 (1-1) Olson (Mather- Gruber, in sup. num.), 37.14 (1-2) Tuzzolino (Dorigatti- Egger), .

TIRI: Milano 41 (9, 16, 16) Renon 28 (9, 12, 7)

MINUTI DI PENALITA: Milano (6’, 4’, 8’) Renon (2’, 4’, 10’)

ARBITRI: Soraperra, Benvegnu e Gastaldelli.

Tags: