Dopopartita Milano-Alleghe: intervista a Blake Evans.

di Filippo Restelli

HOCKEYTIME:"Partita difficile, poco spettacolare, ma alla fine avete vinto. L’Alleghe è stato un avversario ostico?"

BLAKE EVANS:"Si, giocano duro, hanno un ottimo portiere, e per tutto il match hanno battagliato molto. I nostri due punti sono stati fortunati."

HT:"In generale, ora che avete affrontato almeno una volta tutte le altre avversarie, quali pensi possano essere favorite per lo scudetto?"

BE:"In tante possono vincerlo. Noi dobbiamo pensare a non mollare, la nostra squadra è forte e può dire la sua, con i campioni che ha. Dobbiamo solo continuare il duro lavoro che abbiamo fatto fino ad ora."

HT:"Come ti trovi in linea con Lysak e Christie?"

BE:"Bene, è un’ottima linea. Tra di noi ci troviamo molto bene, ci impegniamo per conoscerci meglio, lavorare duro e giocare bene insieme. Con loro mi piace fare questo."

HT:"Cosa ti aspettavi dall’Italia prima di venire qui?"

BE:"Guarda, non avevo realmente idea di cosa aspettarmi. Qui c’è un buon campionato, selettivo. Milano è un ottimo posto in cui giocare, poi: presidente, un allenatore competente. E’ un bell’ambiente, non potrei essere più contento."

HT:"Quindi fino ad ora sei soddisfatto della scelta?"

BE:"Assolutamente si, non potevo fare scelta migliore, ogni cosa qui è ottima."

HT:"Secondo i giocatori della NHL che furono qui durante lo sciopero, una delle sorprese più grosse furono i tifosi…tu cosa ne pensi?"

BE:"Verissimo, adoro i nostri fans, prima e dopo il match. Sono fantastici, ti supportano, cantano…amo avere un simile pubblico, ti creano un’ottima atmosfera."

HT:"Per finire, starai qui a Milano qualche anno o farai altre scelte?"

BE:"Mi piacerebbe molto, ma non dipenderà solo da me, i miei legami sono in Canada per ora…vedremo, se fosse per me giocherei qui altri dieci anni."

Si ringraziano il giocatore e l’H.C.J. Milano Vipers per la disponibilità

Tags: