Intervista con Marco Moisio, GM dell’ Hc Torino Bulls.

di Francesco Tomacelli.

HT: l’anno prossimo parteciperete al campionato di serie A, cos’è cambiato rispetto l’anno scorso e quali sono i vostri obiettivi?

MM: Si, l’ufficializzazione della nostra partecipazione risale a poco più di 48 ore fa, devo precisare subito un punto, noi non abbiamo fatto alcuna pressione verso la federazione, ci dispiace tanto che una piazza storica come Merano non possa partecipare al massimo campionato. Per quanto riguarda il Torino ci apprestavamo ad allestire
una squadra per la seconda divisione, adesso dovremo cambiare alcune cose, il nostro obiettivo è quello di rimanere in serie A ed evitare di fare su e giù tra A e B vorremo dare una continuità e così far crescere la squadra.
L’anno scorso siamo finiti nei play-out per un punto, ma devo dire che la nostra retrocessione è stata meritata, le altre squadre effettivamente erano superiori al Torino.

Quest’anno inoltre possiamo contare su Jukka-Pekka Vuorinen come nostro direttore sportivo oltre che direttore per l’hockey sul ghiaccio alle olimpiadi che si terranno a Torino nel 2006. Siamo una squadra in fase di costruzione, ma arriveremo puntuali a settembre con tutto l’organico al completo.

HT: Si parla di un accordo con l’HCValpe, che disputerà la serie B, come vostro farm team, cosa ci può dire?

MM: Per adesso non c’è ancora nulla, questa è una decisione che deveprendere il presidente. Per noi sarebbe un’ottima cosa, le due società si conoscono molto bene, siamo quasi una famiglia, potremmo far giocare da loro dei giovani per farli crescere. Vogliamo puntare molto sui giovani, perchè hanno voglia di giocare e di fare gruppo.

Ringraziamo Marco Moisio e l’HC Torino Bulls per la disponibilità.