Le decisioni prese dalle Assemblee di NL e Swiss League

A Ittingen si sono svolte le Assemblee dei club di National League e Swiss League per definire alcuni aspetti del campionato 2021/22. La SIHF ha ufficializzato il calendario (scaricabile qui) della massima serie che prenderà il via il prossimo 7 settembre, si spera, a piena capienza degli impianti.

Il risultati del sondaggio promosso tra i tifosi nei mesi scorsi ha contribuito a definire alcune decisioni prese dagli undici club di National League: il numero delle partecipanti alla massima serie potrà raggiungere il numero massimo di 14; verrà reintrodotto il girone di qualificazione che coinvolge anche la vincitrice della Swiss League.
E’ stato prolungato il contratto con il Comitato organizzatore della Spengler Cup: il torneo amichevole per club più antico del mondo rimarrà nella sua collocazione natalizia fino al 2026.
Il numero degli stranieri aumenterà dalla stagione 2022/23 sulla base delle iscritte: se la Lega è composta da 12 squadre, il numero di stranieri autorizzati rimane invariato a 4. Se il numero sale a 13 o 14 squadre, il numero di stranieri aumenta rispettivamente a 5 e a 6. Qualora in numero delle partecipanti dovesse diminuire, dalla stagione successiva il contingente stranieri sarà ridotto. I giocatori che potrebbero partire per la NHL sono già inclusi in queste quote e non possono più essere compensati da giocatori stranieri aggiuntivi.
E’ stato affrontato anche il tema delle licenze svizzere: qualsiasi giocatore attualmente ne sia in possesso  (ottenuta militando per almeno cinque anni con una nuova squadra svizzera nelle categorie da U9 a U20) la mantiene in modo permanente. Qualsiasi giocatore che abbia iniziato la sua formazione in Svizzera durante la stagione 2021/22 e che soddisfi le condizioni previste dai regolamenti esistenti può anche ottenere lo status duraturo di “svizzero” nella Lega Nazionale. Dalla stagione 2026/27, i giocatori di nazionalità straniera allenati in Svizzera e con lo status di “svizzeri” manterranno questo status solo fino al compimento dei 23 anni. Oltre a ciò, faranno parte del contingente di giocatori stranieri, purché non abbiano acquisito nel frattempo il passaporto svizzero.
I club hanno deciso di introdurre, nell’ambito di un accordo, il Fairplay Finanziario per la stagione 2021/22, per poi continuare a svilupparlo. Quest’ultimo sarà utilizzato anche per affrontare questioni come i massimali salariali e le eventuali sanzioni.

Per quanto concerne il campionato cadetto i rappresentanti degli undici club hanno stabilito che al termine del torneo 2021/22 nessuna squadra sarà retrocessa in MySports League; possibile, invece, la promozione dalla terza divisione elvetica in Swiss League, fermo restando che le società promosse soddisfino i criteri sportivi ed economici richiesti.
Oltre alla questione della retrocessione in MySports League, durante l’Assemblea sono state discusse questioni formali e organizzative per la stagione 2021/22.