Presentato il libro “La Dinastia – 25 anni di Hockey Club Milano Quanta”

“La Dinastia”, il libro che racconta i primi 25 anni di storia dell’Hockey Club Milano Quanta è stato presentato ufficialmente ieri alla Libreria dello Sport di Milano. Moderato dal giornalista RAI Alberto Ambrogi, il dibattito ha coinvolto il presidente del Gruppo Quanta Illo Quintavalle, il presidente dell’H.C.Milano Quanta Riki Tessari e l’autore del libro, Giorgio Prando.

Una storia, quella dei Rinoceronti, indissolubilmente legata alla figura del ‘presidente-per-sempre’ Umberto Quintavalle:

“Lui ha voluto questo libro – ha detto il figlio Illo – come celebrazione di una passione travolgente. Dapprima per l’hockey ghiaccio, nel quale entrò prima come sponsor del Milano poi acquisendo la squadra a metà degli anni novanta. Poi per l’hockey inline, nel quale concentrò l’attività agonistica della squadra dopo aver lasciato il ghiaccio in polemica con una Federazione a dir poco ostile”.

E proprio dal racconto del burrascoso periodo ‘95/’97, con i due scudetti vinti dal Bolzano sul Milano tra le polemiche, il libro prende avvio:

“In quegli anni – ha ricordato Riki Tessari, allora in pista con le maglie di Devils e Varese – l’hockey su ghiaccio italiano ha perso il treno dello sviluppo. C’erano le condizioni per la diffusione di questo bellissimo sport oltre i tradizionali confini del NordEst, ma è mancata a livello istituzionale la reale volontà di farlo. Salvo i brevi periodi di sciopero NHL, in Italia non si è più visto hockey di quel livello, mentre le altre nazioni si sono evolute”.

Dalle lame alle rotelle in linea: la sera della prima storica esibizione di hockey inline al PalaSesto (aprile 1995), Umberto Quintavalle intuisce le potenzialità del nuovo sport:

“Fu l’inizio di una grande avventura – prosegue Tessari, che proprio quella sera esordì in rossoblu – dai primi anni assolutamente pionieristici, che a noi portarono delusioni prima e gioie poi (double scudetto coppa nel ’99), fino alla ripartenza dalle serie minori, mentre al Quanta Club iniziavamo a sviluppare il settore giovanile. La svolta è arrivata nella stagione 2011/12: la società era ormai matura, il gruppo solido e sul mercato riuscimmo a piazzare un paio di colpi decisivi”. Dallo scudetto del 2012 a oggi, il Quanta non si è più fermato: 25 anni, 25 trofei. “Ma ci toccherà scrivere una nuova edizione del libro – ha scherzato Illo Quintavalle – perché quest’anno abbiamo iniziato subito col botto, vincendo la Supercoppa. E non ci fermiamo qui, abbiamo altri 4 obiettivi nel mirino”.

Tra i protagonisti del recente successo contro i Diavoli Vicenza, anche Emanuele Ferrari, 23 anni, emozionato in platea nel ricordare la sua militanza in rossoblu:

“Ho iniziato a 5 anni al Quanta Club facendo tutta la trafila. Devo tantissimo al dottor Quintavalle, che mi ha aiutato e ha creduto in me. Questa maglia è una seconda pelle e farò di tutto per continuare a onorarla”.

Anche la storia di Ferrari, il ‘Cobra’ di Bruzzano, arricchisce le pagine del libro “La Dinastia”, da oggi nelle librerie e acquistabile online qui: http://www.skira.net/books/la-dinastia

Tags: