Bolzano alla seconda vittoria consecutiva, Zagabria battuto 2 a 1

(Comun. stampa HC Bolzano) – Trasferta dell’Est da 6 punti per l’HCB Alto Adige Alperia, che dopo il successo ottenuto ieri sera a Fehervar riesce a violare anche la Dom Sportova di Zagabria, battendo i padroni di casa per 2 a 1. Match molto intenso, deciso dalla rete nel finale di Mike Angelidis. Di Angelo Miceli e Tyler Morley le altre due marcature di una serata caratterizzata anche dalla scazzottata nel tunnel degli spogliatoi tra DeSousa e Zanoski.
La cronaca. Il match parte sul filo dell’equilibrio, con le squadre che si affrontano a testa alta e il Bolzano che si rende pericoloso con un paio di incursioni interessanti. Al 06:52 i Foxes sbloccano il risultato: tiro di Tomassoni sporcato da Petan, Poulin concede il rebound e Angelo Miceli infila l’1 a 0. Quarto goal in tre partite per l’attaccante italo-canadese. I biancorossi vanno vicini anche al raddoppio, con Monardo che da due passi non riesce a concretizzare il contropiede condotto da Angelidis. Bolzano troppo indisciplinato, ma il powerplay croato non punge e le squadre vanno negli spogliatoi sullo 0-1. Bagarre dopo il suono della sirena, con un tafferuglio che si chiude con diverse sanzioni: 2+2 minuti a Rajsar e 2 a Mahmobd per lo Zagabria, 2 minuti a testa invece per Miceli, Petan e Halmo in casa Foxes. Incredibile poi quello che succede nel tunnel degli spogliatoi: DeSousa e Zanoski vengono alle mani e per entrambi scatta la penalità partita.

Dopo il nervosismo di fine primo tempo, la seconda frazione ricomincia nuovamente con grande equilibrio in pista. Il Bolzano va vicino al raddoppio con una bella azione personale di Oleksuk, fermato da Poulin. Poi è Tuokkola a dire di no a un tiro a botta sicura di Mahbod, con una parata da cineteca. Foxes che nel finale di tempo devono resistere ad altri due powerplay croati, dando sfoggio di un penalty killing roccioso: molto pericoloso comunque lo Zagabria, a pochi millimetri dal goal con Morley bravo a raccogliere un rebound concesso da Tuokkola. Ancora 1 a 0 per il Bolzano alla seconda sirena.
Zagabria che parte forte nei primi minuti del terzo drittel, mentre i Foxes rispondono con Angelidis, che va vicino al raddoppio. Con Petan in panca puniti, i croati ci provano ancora in powerplay, senza riuscire a superare un Tuokkola sempre presente, e in contropiede Halmo va a prendersi un rigore: nella sfida persona con Poulin, però, è l’estremo difensore di casa ad avere la meglio e il risultato resta sull’1 a 0. Lo Zagabria trova la via del pareggio con Morley, ma la rete viene annullata dalla quaterna arbitrale per un fallo di ostruzione su Tuokkola. Passano una manciata di secondi e l’1 a 1 arriva comunque: conclusione di Mahbod dalla distanza, il disco rimbalza sulla balaustra e arriva sulla stecca di Morley, che questa volta insacca senza irregolarità. Il momento sembra buono per lo Zagabria, ma il fallo di Boivin su Tomassoni regala il secondo powerplay al Bolzano: al minuto 56:04 Sointu fa partire una conclusione che Poulin non trattiene e Angelidis non ha difficoltà a centrare il 2 a 1. L’assalto finale dei croati viene contenuto dal Bolzano, che alla sirena finale può festeggiare un’altra vittoria fondamentale.
Egger e compagni la prossima settimana potranno contare su due match casalinghi: martedì 19 dicembre, alle 19:45, al Palaonda arriverà il Fehervar, venerdì 22 dicembre invece, alla stessa ora, i Foxes affronteranno i Graz 99ers.

Medvescak Zagabria – HCB Alto Adige Alperia 1 – 2 [0-1; 0-0; 1-1]
Reti: 06:52 Angelo Miceli (0-1); 53:31 Tyler Morley (1-1); 56:04 Mike Angelidis PP1 (1-2)
Arbitri: Gruber, Piragic / Ettlmayr, Zgonc
Spettatori: 4.799