Milano brinda al 2017 con un successo

Il Milano apre il 2017 vincendo contro il Varese. Un derby giocato sottotono a causa di roster largamente rimaneggiate, sia da squalifiche che da infortuni, oltre al divario tecnico esistente. Milano spadroneggia e costruisce il successo nel primo tempo in cui concede agli avversari un solo tiro, messo a referto da Marco Andreoni, dopo 15.33 di gioco.

2017_01_03-milano-varese-4Avvio di partita a ritmi blandi, al terzo affondo i meneghini aprono le danze: Pozzi resiste ad un avversario, ma riesce a passare il disco a Petrov , il quale, a due passi dallo slot, buca la gabbia difesa dall’ex rossoblù Tesini,ora portiere titolare dei Mastini. Un 1’24” più tardi il taglio verticale di Vanetti pesca Perna appostato all’altezza della blu d’attacco, per l’italocanadese, portatosi davanti allo slot, è un gioco da ragazzi raddoppiare. Varese resiste stoicamente al primo penalty killing, esaurita la penalità Tesini si esalta sulla doppia conclusione di Vanetti e Piccinelli. Ma non sono le uniche, perché se il passivo dei gialloneri non diventa una voragine gran merito è il suo e riprova ne è il salvataggio a tu per tu su Mondon Marin. Tuttavia l’estremo difensore non riuscirà a ripetersi, nella seconda parte del periodo, sui due goal di Perna (il primo messo a segno con un’iniziativa personale, il secondo in power play) e quello di Piccinelli, sul quale ha qualche responsabilità.

2017_01_03-milano-varese-8A risultato acquisito, nel secondo tempo al Milano non rimane che controllare le operazioni di gioco, la frazione centrale è ancora un monologo dei padroni di casa interrotto a metà gara da Lorenzo Mandelli al termine di una discesa. La rete galvanizza i Mastini subito pericolosi con Privitera. Riprese saldamente in mano le redini del gioco, la formazione saimina torna a bersagliare la gabbia degli ospiti: Vanetti colpisce la traversa e Pozzi mette a segno il sesto goal.

2017_01_03-milano-varese-3Nel terzo tempo, alquanto noioso, i tifosi hanno un sussulto, quando Tura, in situazione di uomo in meno, si lascia sfuggire dalla pinza un disco innocuo scagliato da Andreoni fulmineamente bloccato. Milano si rimette presto in carreggiata con il settimo goal della serata di Mondon Marin, mentre Betti nelle fasi conclusive fissa il punteggio sul definitivo 8-1 in power play.
Il Milano tornerà di fronte ai propri tifosi venerdì 6 gennaio (ore 19.00), l’avversario di turno sarà l’Appiano. Una partita da vincere a tutti i costi.

Milano Rossoblù – Varese 8-1 (5-0; 1-1; 2-0)
Milano Rossoblù:
 Alessandro Tura (Riccardo Pignatti); Aleesandro Re – Stefan ilic – Lorenzo Piccinelli – Federico Betti – Andrea Fadani; Marcello Borghi – Aleksandr Petrov – Domenico Perna – Matteo Mondon Marin – Andrea Vanetti – Marco Pozzi – Stefano Gherardi – Tommaso Terzago – Simone Asinelli. Coach: Massimo Da Rin
Varese: Federico Tesini (Davide Bertin); Francesco Borghi – Luca Rivoira – Luca Termanini – Edoardo Papalillo; Massimo Ziliani – Salvatore Sorrenti – Marco Andreoni – Riccardo Privitera – Lorenzo Mandelli – Pietro Borghi – Riccardo Mandelli – Nicolas Principi – Erik Steve Mazzacane. Coach: Massimo Fedrizzi.
Arbitro: Marco Bagozza Linesmen: Alessio Bedana e Antonio Piras
Penalità: Milano Rossoblù 12 (8/2/2) – Varese 14 (10/2/2)
Tiri: Milano Rossoblù 70 (32/19/19) – Varese 18 (1/6/11)
Marcatori: (1-0) 01.19 Aleksandr Petrov (Marco Pozzi – Tommaso Terzago), (2-0) 03.03 Domenico Perna (Andrea Vanetti – Marcello Borghi); (3-0) 17.55 Domenico Perna (Andrea Vanetti – Marcello Borghi); (4-0) 19.24 Domenico Perna (Marcello Borghi – Stefan Ilic); (5-0) 19.43 Lorenzo Piccinelli (Tommaso Terzago – Alessandro Re); (5-1) 29.49 Lorenzo Mandelli (Riccardo Privitera – Edoardo Papalillo); (6-1) 35.56 Marco Pozzi (Tommaso Terzago – Aleksandr Petrov); (7-1) 48.11 Matteo Mondon Marin (Domenico Perna – Stefan Ilic); (8-1) 58.12 Federico Betti (Andrea Vanetti – Marcello Borghi) PP
Spettatori: 1.515

2017_01_03-milano-varese-2