Torna l’”hockey Family Day” a Cortina. Festa per i 90 anni della SGC

(com. stampa SG Cortina) – Cortina, Tre Cime Auronzo, Feltre, Trento, Pergine, Zoldo-Alleghe, Pieve di Cadore, Bolzano Academy, Bolzano Junior, Pinerolo e Alta Badia. Saranno queste le undici squadre Under 9 che da sabato 11, e fino a domenica 12, si sfideranno sul ghiaccio dell’Olimpico per il torneo Hockey Family Day, ormai una tradizione per la Sportivi Ghiaccio Cortina, che per il quinto anno di seguito vuole terminare così le attività della sua stagione sportiva.

Ma quest’anno l’appuntamento è reso ancora più speciale perché coincide con i festeggiamenti per i 90 anni della società ampezzana, fondata nel lontano 1924, e quindi il programma è ancora più fitto, e per tutti i gusti: venerdì sera, alle ore 20.30, si terrà il saggio di pattinaggio artistico “Le leggende delle Dolomiti”, organizzato in collaborazione con le Regole d’Ampezzo e con il settore artistico della Sportivi Ghiaccio Cortina.

Sabato pomeriggio, alle 15.00, prenderà il via il torneo “Hockey Family Day”, e dalle 19.00 ci sarà la serata in musica organizzata dall’associazione “Cortina for us”. Domenica, infine, alle ore 11.30, in sala medaglie d’oro, saranno consegnati gli attestati di merito a tutti gli atleti che, nel corso di quasi un secolo, hanno vestito la maglia della Sportivi Ghiaccio Cortina, in modo da dare il giusto riconoscimento a tutti coloro che hanno regalato fama e gloria al capoluogo ampezzano. Infine, alle 15.30 la finale del torneo e poi la premiazione, affidata ai campioni di ogni generazione.

«In questo week-end vogliamo valorizzare i campioni di ieri e i campioni di domani», dicono dalla Sportivi Ghiaccio. «I protagonisti saranno infatti gli ex atleti – non solo hockey, ma anche pattinaggio artistico e pattinaggio di velocità – e i piccoli campioncini dell’Under 9, insieme agli altri ragazzi del settore giovanile il cuore pulsante della nostra società, la nostra garanzia per il futuro. Rivolgiamo a tutti un invito a partecipare numerosi, per far capire quanto Cortina sia grata a tutti coloro che, nel corso dei decenni, ci hanno regalato emozioni, gioia e trofei».

A seguire alcune note storiche sulla Sportivi Ghiaccio Cortina e i nomi di coloro che si sono laureati campioni d’Italia vestendo la maglia del Cortina.

Girone A

Sabato
Ore 14:30 Cortina – Auronzo
Ore 15:00 Alta Badia – Hockey Academy
Ore 15:30 Trento – Bolzano
Ore 16:15 Cortina – Alta Badia
Ore 16:45 Auronzo – Bolzano
Ore 17:15 Trento – Hockey Academy
Ore 18:00 Cortina – Trento
Ore 18:30 Hockey Academy – Bolzano
Ore 18:30 Auronzo – Alta Badia
Ore 19:00 Cortina – Hockey Academy

Domenica
Ore 8:30 Cortina – Bolzano
Ore 9:00 Auronzo – Trento
Ore 9:00 Alta Badia – Bolzano
Ore 9:30 Hockey Academy – Auronzo
Ore 10:00 Alta Badia – Trento

Girone B

Sabato
ore 14:30 Pieve – Feltre
ore 15:00 Zoldo/Alleghe – Pergine
ore 15:30 Feltre – Pinerolo
ore 16:15 Feltre – Zoldo/Alleghe
ore 16:45 Pergine – Pinerolo
ore 17:15 Pieve – Zoldo Alleghe
ore 18:00 Feltre Pergine
ore 19:00 Pieve – Pinerolo

Domenica
ore 8:30 Pieve – Pergine
ore 9:30 Pinerolo – Zoldo /Alleghe


La Sportivi Ghiaccio Cortina è la più antica società hockeistica d’Italia. Nel registro della Federazione Italiana Sport Ghiaccio è registrata come “002” (il codice “001” apparteneva a un’altra associazione ampezzana, gli “Amatori Cortina”, che non esiste più da qualche anno), ed è stata la protagonista indiscussa degli sport del ghiaccio italiani fin dalla sua fondazione.
Vari i cambi di denominazione: nata come “Gruppo Sportivo Dolomiti Cortina Hockey”, nel 1935 mutò il nome in “Associazione Sportiva Ghiaccio Cortina” a causa delle regole linguistiche imposte dal regime fascista. Solamente nel dopoguerra, dal 1946, assunse l’attuale nome “Sportivi Ghiaccio Cortina”.
È stata insignita, per meriti sportivi, delle stelle d’Oro e d’Argento del C.O.N.I..

Le prime, epiche battaglie, vennero combattute dagli “scoiattoli” sul ghiaccio dello Stadio Apollonio: è qui che il Cortina si laurea campione d’Italia per la prima volta, al termine della stagione 1931/1932.
In occasione delle Olimpiadi invernali del 1956, viene costruito lo Stadio Olimpico, che sarà teatro degli altri quindici scudetti vinti dal Cortina e che testimonia il dominio della squadra ampezzana negli anni Sessanta e Settanta: l’entusiasmo legato all’organizzazione dei giochi olimpici e il contestuale declino delle squadre milanesi, infatti, danno slancio al Cortina che sarà il protagonista indiscusso dell’hockey nazionale ed europeo per oltre vent’anni.
Nel 2002 c’è una pausa per i lavori di copertura dello stadio del ghiaccio. Ma già dalla stagione 2003/2004 il Cortina torna a fare stabilmente parte del lotto delle migliori formazioni italiane, sfiorando la conquista del suo sedicesimo scudetto nel Campionato successivo: dopo una stagione esaltante che ha avuto nell’americano Matt Cullen la sua stella più luminosa, infatti, gli ampezzani abbandonano i sogni di gloria solo in gara 7 di finale contro il Milano.
E il sedicesimo scudetto arriverà, invece, al termine della stagione 2006/2007, ancora contro il Milano. A Cortina è festa grande: la squadra sfila per Corso Italia e in Piazza Venezia tutto il paese festeggia i campioni d’Italia.
Nel 2012 il Cortina conquista la sua terza Coppa Italia, battendo prima il Valpusteria in semifinale e quindi il Bolzano in un’appassionante finale.
Ma il nome della Sportivi Ghiaccio non è solo legato all’hockey: hanno vestito (metaforicamente, s’intende!) la casacca biancoceleste anche numerosi atleti del pattinaggio artistico e del pattinaggio di velocità, ottenendo gratificanti risultati a livello nazionale e internazionale.

Inoltre, contestualmente alle attività agonistiche della prima squadra di hockey, la Sportivi Ghiaccio Cortina ha costantemente curato il suo numerosissimo settore giovanile (hockey e pattinaggio artistico), che ha permesso a centinaia di ragazzi, nel corso dei decenni, non solo di crescere sportivamente e di approdare nello spogliatoio della prima squadra (l’ossatura della nazionale italiana di hockey, per decenni, è stata costituita da giocatori cresciuti nel settore giovanile della Sportivi Ghiaccio Cortina), ma anche di poter effettuare sana attività sportiva, di apprendere i valori dello sport e del gioco di squadra, di conoscere lo spirito del volontariato, della crescita e dell’aiuto collettivi, di confrontarsi e di misurarsi con i propri coetanei.
Nel 2013 l’associazione si sdoppia: nella Sportivi Ghiaccio Cortina Associazione Sportiva Dilettantistica rimangono le attività del settore giovanile, mentre la gestione della prima squadra confluisce nella neonata Sportivi Ghiaccio Cortina Società Sportiva Dilettantistica a Responsabilità Limitata; l’obiettivo dichiarato di questa trasformazione societaria è quello di permettere ai rispettivi gruppi dirigenti di poter seguire, con sempre maggiore attenzione, le attività di competenza, potendo accentuare, ampliare e potenziare da una parte i piani di sviluppo e di crescita dei giovani che si avvicinano agli sport del ghiaccio, e dall’altra le attività legate alla squadra iscritta al campionato di Serie A.

I campioni d’Italia del Cortina:

1931-1932: Egidio Apollonio, Rinaldo Bigontina, Eraldo De Zanna, Francesco De Zanna, Guido Franceschi, Leo Menardi, Gigi Zambelli, Rinaldo Zardini, Roberto Zardini.

1956-1957: Luciano Alberti, Elio Alverà, Angelo Bernardi, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Luigi Da Rin, Bruno Frison, Giampaolo Gaspari, Paolo Gaspari, Francesco Macchietto, Giulio Oberhammer, Wilfred Thrasher, Carmine Tucci.

1958-1959: Elio Alverà, Enrico Benedetti, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Vittorio Denadal, Paolo De Zanna, Bruno Frison, Paolo Gaspari, Ivo Ghezze, Giulio Oberhammer, Wilfred Trasher, Carmine Tucci, Giulio Verocai, Giuseppe Zandegiacomo.

1960-1961: Enrico Benedetti, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Renzo De Gasperi, Paolo De Zanna, Bruno Frison, Paolo Gaspari, Ivo Ghezze, Giuseppe Lorenzi, Francesco Macchietto, Giulio Oberhammer, Carmine Tucci, Giulio Verocai, Giuseppe Zandegiacomo.

1961-1962: Enrico Benedetti, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Paolo De Zanna, Bruno Frison, Paolo Gaspari, Ivo Ghezze, Giuseppe Lorenzi, Francesco Macchietto, Silvano Marzenta, Giulio Oberhammer, Carmine Tucci, Giulio Verocai, Giuseppe Zandegiacomo.

1963-1964: Isidoro Alverà, Dino Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Bruno Frison, Paolo Gaspari, Bruno Ghedina, Ivo Ghezze, Ernesto Franceschi, Giuseppe Lorenzi, Francesco Macchietto, Giovanni Mastel, Giulio Oberhammer, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1964-1965: Franco Alverà, Isidoro Alverà, Paolo Bernardi, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Paolo Gaspari, Bruno Ghedina, Ivo Ghezze, Bruno Frison, Giuseppe Lorenzi, Francesco Macchietto, Giovanni Mastel, Giulio Oberhammer, Italo Scuderi, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1965-1966: Franco Alverà, Isidoro Alverà, Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Bruno Frison, Paolo Gaspri, Bruno Ghedina, Ivo Ghezze, Giuseppe Lorenzi, Francesco Macchietto, Giovanni Mastel, Giulio Oberhammer, Ruggero Savaris, Italo Scuderi, Ruggero Savaris, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1966-1967: Franco Alverà, Isidoro Alverà, Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Bruno Frison, Bruno Ghedina, Mario Lacedelli, Giuseppe Lorenzi, Giovanni Mastel, Remigio Morocutti, Ruggero Savaris, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1967-1968: Franco Alverà, Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Giovanni Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Bruno Frison, Bruno Ghedina, Giuseppe Lorenzi, Giovanni Mastel, Remigio Morocutti, Ruggero Savaris, Italo Scuderi, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1969-1970: Francesco Alverà, Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Franco Costantini, Giulio Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Bruno Frison, Bruno Ghedina, Giuseppe Lorenzi, Mario Lacedelli, Giovanni Mastel, Claudio Pompanin, Ruggero Savaris, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1970-1971: Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Silvio Bernardi, Franco Costantini, Giulio Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Renato Franceschi, Bruno Frison, Bruno Ghedina, Antonio Huber, Mario Lacedelli, Renato Lacedelli, Giuseppe Lorenzi, Giovanni Mastel, Lorenzo Menardi, Fabio Polloni, Ruggero Savaris, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1971-1972: Enrico Benedetti, Paolo Bernardin, Silvio Bernardi, Franco Costantini, Giulio Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Renato Franceschi, Bruno Frison, Bruno Ghedina, Antonio Huber, Mario Lacedelli, Renato Lacedelli, Bruno Lorenzi, Giovanni Mastel, Fabio Polloni, Ruggero Savaris, Jack Siemon, Giulio Verocai.

1973-1974: Enrico Benedetti, Paolo Bernardi, Giulio Costantini, Giovanni Da Deppo, Alberto Da Rin, Ferdinando Da Rin, Gianfranco Da Rin, Sergio Fiorese, Renato Franceschi, Aldo Lacedelli, Marco Lacedelli, Mario Lacedelli, Renato Lacedelli, Giuseppe Lorenzi, Sergio Manaigo, Giovanni Mastel, Fabrizio Menardi, Fabio Polloni, Vincenzo Polloni, Ruggero Savaris, Giorgio Triches, Giulio Verocai.

1974-1975: Joe Bertagna, Giulio Costantini, Alberto Da Rin, Gianfranco Da Rin, Paul Giandomenico, Bruno Ghedina, Antonio Huber, Marco Lacedelli, Renato Lacedelli, Sergio Manaigo, Giovanni Mastel, Federico Menardi, Fabio Polloni, Ruggero Savaris, Giulio Verocai. Allenatore: Anton Hauckvic.

2006-2007: Jeff Maund, Andrea Alberti, Adriano Menardi, Jeff Dwyer, Luca Zandonella, Robert Mulick, Luigi Da Corte, Matt Smith, Martin Wilde, Giovanni Marchetti, Enrico Chelodi, Francesco Adami, Kenny Corupe, Luca Ansoldi, Giorgio De Bettin, Felice Giuliano, Franco Narcisi, Francesco Alberti, Federico Adami, Nick Deschenes, Mike Souza, Christian Menardi. Allenatore: Rich Gosselin.

Tags: