QFG2 : Hotham e l’amico OT

A 72 ore esatte dall’ingaggio di gara 1 avvenuto all’Odegar, nella serata di martedì in quel di Appiano va in scena gara 2. Di fronte a 758 spettatori, di cui una sessantina provenienti dalla regione veneta, le due squadre si presentano senza alcun mutamento a roster : Lacroix, in dubbio fino all’ultimo minuto, gioca; per l’Asiago sempre assente Borrelli e il blocco dei giovani, quest’ultimo impiegato con il Pergine.
Rispetto a gara 1, cambio di terzini asiaghesi nello starting VI iniziale : Vallini, Ceresa, F. Ebner, Vallerand, T. Ebner, Waldner per i padroni di casa; Marozzi, Sullivan, Marchetti, M. Tessari, DeVergilio, Magnabosco per gli ospiti.

Prima frazione che parte in sordina, dove il primo tiro è quello di Waldner al minuto 2:50. L’Asiago risponde poco meno di 2’ dopo con Iori e Benetti, ma i gambali di Vallini si attivano all’istante. Marozzi chiude Vallerand al minuto 5:59, mentre al minuto 7:16 P. Jaitner guadagna una superiorità a favore dell’Appiano : serpentina in zona offensiva, con sgambetto di Iori. PP che l’Appiano gestisce con diligenza ma senza trovare la rete, anzi, ritornato sul ghiaccio l’ex fassano spedisce in panca puniti De Hart : Sullivan più volte dalla blu, oltre ad una personale azione dello stesso Iori, ma il risultato non si sblocca. I padroni di casa trovano il vantaggio al minuto 14:09, in situazione di 5vs3, su discutibili penalità inflitte ai giallorossi : Eisenstecken trova il piazzato dalla media, imparabile. Un coast-to-coast di Casetti al minuto 16:32 fa alzare le braccia ai tifosi ospiti, ma il puck si deposita sulla rete esterna. I primi 20’ si chiudono con un PP a favore dell’Asiago, dove prima Bentivoglio (alto) e successivamente DeVergilio (due volte contro Vallini) non trovano la rete del pareggio.

Ritorno sul ghiaccio e Vallerand spara subito uno slap di poco largo. L’Asiago incappa in un’altra penalità al minuto 22:54, quando Presti effettua uno sgambetto, ma la gestione dei pirati non si avvicina minimamente a quella del primo periodo. Al minuto 25:55 viene fischiata una carica irregolare ai danni di Iori, reo di averla solamente chiusa : per fortuna degli ospiti, il PP di Ceresa & Co. non produce nemmeno un tiro dalle parti di Marozzi. Vallini stoppa M. Tessari al giro di boa del periodo centrale, prima di un periodo buio di gioco della durata di 5’. E’ lo stesso M. Tessari a riattivarlo, accomodandosi in panca puniti per gancio con bastone. Passa 1’ e una stecca alta di Vallerand su Bentivoglio porta il gioco in una situazione di 4vs4, dove Marchetti e Hotham vanno vicino alla rete dalla blu una volta tornati in superiorità numerica. L’arbitraggio alza le mani, lascia correre svariati falli da una parte e dall’altra e al termine della seconda frazione scatta la rissa collettiva. Una situazione che porta all’espulsione di quattro giocatori, due per formazione : Messner (5+20) e Vallerand (comportamento antisportivo) per l’Appiano, M. Tessari (5+20) e DeVergilio (comportamento antisportivo) per l’Asiago. Come da regolamento, Vallerand e DeVergilio non saranno presenti in gara 3.

Nonostante la pesante esclusione di Vallerand, l’uomo più pericoloso dei pirati, al minuto 40:23 trovano la rete del doppio vantaggio : grande azione di squadra, dove Hazen effettua una slalom tra i difensori e trova un libero Waldner che piazza il puck sotto l’incrocio alla sinistra di Marozzi. L’Asiago cerca di rispondere subito con Benetti ma Vallini si conferma attento. Magnabosco e Bentivoglio impensieriscono il terzo arretrato ospite al minuto 45:00, mentre al minuto 46:59 Hotham incappa nella settima penalità di serata inflitta all’Asiago. Un PP che l’Appiano torna a giocare con diligenza, dove Eisenstecken e Raffeiner trovano un vigile Marozzi. Fra il minuto 50:10 e il minuto 54:50 i padroni di casa incappano in due penalità, dove l’Asiago gestisce il puck e la voglia di riaprire la partita in modalità rivedibili. John Parco prova il tutto per tutto togliendo Marozzi a 2’ dalla sirena finale e l’azzardo viene ripagato : i giallorossi trovano due reti nel giro di 43’’, prima con una deviazione di Nigro su tiro di Ulmer (58:31) e successivamente con un rebound dalla media di Iori a gabbia praticamente libera (59:14). Gli ospiti cercano di spingere anche nei secondi finali ma la partita approda all’OT.

Overtime che le squadre affrontano a viso aperto, dove in poco meno di 3’ rischiano quattro volte di subire la rete del definitivo ko. Il risultato finale viene fissato al minuto 62:52, a favore dell’Asiago : in una situazione di due contro uno, Nigro trova Hotham. Puck piazzato sul primo palo, Vallini trafitto e serie sull’1-1. Giovedì 26 Febbraio, gara 3 in quel di Asiago.

HC Appiano Roi Team – Asiago Hockey 1935 2-3 OT (1-0, 0-0, 1-2, 0-1)

HC Appiano Roi Team : G.Vallini (Grossgastaiger); M.Eisenstecken, A. De Hart, F.Ebner, P.Beber, M.Messner, P.Stimpfl; J.Hazen, S.Unterkofler, J.Waldner, P.Platter, R. Raffeiner, D.Ceresa, P.Jaitner, Von Payr, D.Peruzzo, T.Ebner, A.Jaitner, M.O. Vallerand, S.Lacroix
Allenatore : Patrice Lefebvre

Asiago Hockey 1935 : V.Marozzi (Tura); S.Marchetti, S.Hotham, E.Miglioranzi, L.Casetti, M.Strazzabosco, D.Sullivan; N.Presti, N.Tessari, A.Nigro, M.Tessari, L.Ulmer, S.Bentivoglio, K Devergilio, F.Benetti, D.Iori, J.Magnabosco
Allenatore : John Parco

PIM : 60-64 (4-6, 52-56, 4-2, 0-0)

Tiri : 19-35 (6-11, 7-10, 5-10, 1-4)

Spettatori : 758

Tags: