KHL, aria di sorpassi ad Est

Settimana densa di traguardi, in Kontinental Hockey League: le prime tre corazzate della Conference Ovest si sono assicurate la matematica certezza di approdare ai playoff, mentre ad Est il Sibir di Novosibirsk ha affiancato l’Avangard Omsk in vetta alla Chernyshev Division. E il Metallurg Magnitogorsk ha ormai nel mirino il Bars Kazan. Giovedì 22 gennaio sono in programma due big-match da non perdere: CSKA – SKA e AK Bars – Magnitogorsk. Tutto questo mentre sale l’attesa per l’All Star Game di Sochi di domenica.

Niente sorprese – Alzi la mano chi, anche solo per un attimo, ha pensato che CSKA Mosca, SKA San Pietroburgo e Jokerit Helsinki potessero non approdare alla postseason. Le tre corazzate della Conference Ovest hanno conquistato la matematica certezza di proseguire la loro stagione con più di un mese di anticipo sul termine della stagione regolare. Gli stellati di San Pietroburgo hanno anche superato “quota 100” punti, grazie alla vittoria ai rigori in quel di Riga nel pomeriggio di giovedì, quando i tifosi amaranto erano già pronti a festeggiare il secondo sgambetto consecutivo ai blasonati “vicini di casa”. Ma la certezza della postseason è arrivata grazie alla vittoria nel successivo impegno contro il Severstal, proprio mentre i giullari di Helsinki sgambettavano i primi della classe del CSKA con una rete del solito Steve Moses, festeggiando così lo stesso traguardo. Nel pomeriggio di martedì per gli stellati del Nord è arrivata un’altra vittoria ai rigori, stavolta contro il Torpedo, condita dal primo shutout di Mikka Koskinen – ex portiere del Sibir – che dopo 65 minuti perfetti è stato però richiamato in panca in occasione dei rigori, affidati al giovane Igor Shestyorkin. I cervi di Nizhny Novgorod, mai vittoriosi nei 60′ regolamentari da più di dieci turni, continuano così a scendere inesorabilmente la classifica, e ora si ritrovano in bilico tra l’ottava e la nona posizione, appaiati ad un altrettanto deludente Vityaz.

Il cielo sopra Mosca – Situazione ostentatamente tranquilla in casa CSKA, anche se nuvole dense potrebbero presto profilarsi all’orizzonte. Nelle ultime partite è stato progressivamente ridotto il minutaggio delle bocche da fuoco più temute dagli avversari, fino al turnover completo nell’ultimo impegno, quello di ieri contro la Dinamo Riga, dove hanno riposato sia Stephane da Costa che Alexander Radulov. Le preoccupazioni maggiori riguardano proprio lo stato di forma del capitano, che salterà quasi sicuramente lo scontro al vertice di domani contro lo SKA. In dubbio anche la sua partecipazione all’All Star Game di domenica.

Il Sibir mette la freccia – Nella Conference Est, il Sibir di Novosibirsk ha finalmente appaiato i falchi di Omsk in testa alla Chernyshev Division. Gli snowmen coronano così un periodo eccezionale, che in 30 partite li ha visti portare a casa 69 punti – più di qualsiasi altra squadra nella Lega – frutto di 23 vittorie e una sconfitta ai supplementari. Tanto per dare dei termini di paragone, gli schiacciasassi del CSKA nello stesso lasso di partite hanno conquistato 63 punti, le Dinamo di Minsk e di Mosca 58. I falchi di Omsk, seconda forza della Eastern combinando i risultati delle ultime trenta apparizioni, 57. Purtroppo non sono all’orizzonte degli scontri diretti tra le due pretendenti; è probabile quindi che le due squadre continueranno a sfidarsi a distanza per la vetta della Division, come del resto stanno facendo da mercoledì scorso, quando gli snowmen avevano approfittato della sconfitta dei falchi per mano del Magnitogorsk, salvo poi fallire il sorpasso perdendo malamente col Salavat Yulaev.

Dio benedica la KHL – Aria di sorpasso anche in vetta alla Kharlamov, dove il Bars Kazan è nel bel mezzo di una tempesta inaspettata, trasformatasi per ora in quattro sconfitte consecutive, tra cui il delicatissimo scontro al vertice di domenica, dove le tigri bianche sono state superate per 3:1 dai campioni in carica di Magnitogorsk e la molto meno delicata sfida casalinga contro l’Avtomobilist, persa malamente con lo stesso passivo. Il “boccone” rossonero stava per risultare indigesto anche alle volpi di Mike Keenan, che ne hanno avuto ragione solamente ai rigori nel pomeriggio di martedì. Ora a separare i campioni in carica dai rossoverdi e dalla vetta della Eastern Conference è rimasto un misero punticino, e – Dio benedica la KHL – domani (giovedì) pomeriggio le due pretendenti si sfideranno in uno scontro diretto assolutamente imperdibile.

La scocciatura della scelta – Proprio così: il pomeriggio di giovedì 22 gennaio propone due delle più interessanti sfide hockeystiche al mondo, ebbene… sono in contemporanea. Alle 17 italiane scenderanno sul ghiaccio AK Bars e Metallurg Magnitogorsk, che si contenderanno la vetta della Kharlamov Division. Solo mezz’ora dopo, si accenderanno i riflettori sulla “Battaglia delle Armate rosse” tra CSKA Mosca e SKA San Pietroburgo, due nomi che da soli sono una garanzia di hockey aggressivo, offensivo e altamente spettacolare. Una volta tanto, però, ci sentiamo di consigliare agli internauti la sfida della Eastern, che di solito propone un hockey molto più tattico e molto meno spettacolare, ma in questo caso mette di fronte due squadre non ancora matematicamente ai playoff e la vetta della Division e della Conference.

La corsa ai playoff – Il Lada Togliatti stoppa la corsa della Dynamo Mosca con una sorprendente vittoria di misura nel pomeriggio di martedì: i rossoblu sono ora in nona posizione ad Est, a quattro punti dall’Avtomobilist e dal sogno dei playoff. Continua invece la cavalcata di Dinamo Minsk e Lokomotiv Yaroslavl, rispettivamente quinta e sesta forza ad Ovest, mentre riprende un po’ di slancio anche il Sochi, andato a punti in tutte le ultime quattro gare.

Ecco gli All-Stars – Nel frattempo sono state completate le selezioni delle rappresentative di All-Stars che si sfideranno nel pomeriggio di domenica alla Bolshoy Ice Dome di Sochi, nel consueto “scontro” tra Est e Ovest. Le prime linee, che avranno l’onore di aprire le danze, sono state scelte dai fans attraverso un sondaggio su internet e sono così composte:

Team Ovest
Portiere: Alexander Yeryomenko (Dynamo Mosca); Difensori: Nick Bailen (Dinamo Minsk) e Ryan Gunderson (Jokerit); Attaccanti: Alexander Radulov (CSKA), Ilya Kovalchuk (SKA) e Steve Moses (Jokerit).

Team Est
Portiere: Konstantin Barulin (Avangard); Difensori: Kirill Koltsov (Salavat Yulaev) e Chris Lee (Metallurg Magnitogorsk); Attaccanti: Sergei Mozyakin (Metallurg Magnitogorsk), Danis Zaripov (Metallurg Magnitogorsk) e Sergei Kostitsyn (Ak Bars).

Le seconde linee sono invece state selezionate da un pool di giornalisti specializzati:

Team Ovest
Portiere: Stanislav Galimov (CSKA); Difensori: Nikita Zaitsev (CSKA) e Andrei Mironov (Dynamo Mosca); Attaccanti: Artemy Panarin (SKA), Jonathan Cheechoo (Dinamo Minsk) e Wojtek Wolski (Torpedo).

Team Est
Portiere: Jakub Kovar (Avtomobilist); Difensori: Patrik Hersley (Sibir) e Ilya Nikulin (Ak Bars); Attaccanti: Denis Parshin (Avangard), Nigel Dawes (Barys) e Dmitry Kugryshev (Sibir).

Le terze linee sono invece state scelte dalla Lega:

Team Ovest
Difensori: Matt Gilroy (Atlant) e Nikita Shchitov (HC Sochi); Attaccanti: Dmitry Kagarlitsky (Severstal), Sergei Plotnikov (Lokomotiv) e Andre Petersson (HC Sochi).

Team Est
Difensori: Erik Gustafsson (Avangard) e Mike Lundin (Barys); Attaccanti: Justin Azevedo (Ak Bars), Nikita Gusev (Ugra) e Yury Petrov (Lada).

Conference Ovest

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
47
32
3
4
1
0
7
163-77
111
2
48
31
2
2
2
2
9
181-109
105
3
48
30
2
1
1
2
12
141-111
99
4
47
26
4
1
6
0
10
138-101
94
5
47
23
3
4
3
1
13
144-121
87
6
48
21
2
3
6
1
15
132-118
80
7
48
18
2
2
3
3
20
126-140
68
8
49
16
2
4
0
4
23
129-153
64
9
48
14
1
6
5
3
19
119-122
64
10
49
17
0
3
3
2
24
109-132
62
11
48
14
0
5
6
4
19
120-139
62
12
48
15
1
3
4
3
22
120-133
60
13
49
14
3
3
1
2
26
121-156
57
14
49
14
0
4
6
1
24
114-140
57

Conference Est

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
48
27
2
3
5
0
11
138-99
96
2
49
27
1
2
2
4
13
146-112
93
3
48
26
3
4
2
1
12
141-97
95
4
47
28
2
1
0
2
14
146-98
92
5
49
21
2
1
4
1
20
134-138
74
6
48
17
1
4
5
3
18
141-138
69
7
46
17
1
4
3
3
18
112-122
67
8
48
16
2
1
4
2
23
105-123
60
9
49
14
2
4
0
2
27
105-128
56
10
45
13
4
4
1
0
23
123-141
56
11
48
13
4
1
4
2
24
115-140
55
12
48
11
2
5
4
2
24
133-162
53
13
46
8
2
4
1
2
29
84-155
39
14
50
9
0
3
4
1
33
101-176
38

Ovest – Bobrov division

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
48
31
2
2
2
2
9
181-109
105
2
48
30
2
1
1
2
12
141-111
99
3
47
23
3
4
3
1
13
144-121
87
4
49
17
0
3
3
2
24
109-132
62
5
48
15
1
3
4
3
22
120-133
60
6
49
14
3
3
1
2
26
121-156
57
7
49
14
0
4
6
1
24
114-140
57

Ovest – Tarasov division

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
47
32
3
4
1
0
7
163-77
111
2
47
26
4
1
6
0
10
138-101
94
3
48
21
2
3
6
1
15
132-118
80
4
48
18
2
2
3
3
20
126-140
68
5
49
16
2
4
0
4
23
129-153
64
6
48
14
1
6
5
3
19
119-122
64
7
48
14
0
5
6
4
19
120-139
62

Est – Kharlamov division

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
48
27
2
3
5
0
11
138-99
96
2
48
26
3
4
2
1
12
141-97
95
3
46
17
1
4
3
3
18
112-122
67
4
48
16
2
1
4
2
23
105-123
60
5
49
14
2
4
0
2
27
105-128
56
6
48
13
4
1
4
2
24
115-140
55
7
48
11
2
5
4
2
24
133-162
53

Est – Chernyshev division

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
49
27
1
2
2
4
13
146-112
93
2
47
28
2
1
0
2
14
146-98
92
3
49
21
2
1
4
1
20
134-138
74
4
48
17
1
4
5
3
18
141-138
69
5
45
13
4
4
1
0
23
123-141
56
6
46
8
2
4
1
2
29
84-155
39
7
50
9
0
3
4
1
33
101-176
38

Tags: