I 2.000 dell’Agorà spingono alla vittoria un Milano sprecone

Ultima giornata del girone di andata con il Milano impegnato a confermare il buon momento, sei vittorie consecutive, quarto posto in classifica, anche se con una partita in più, contro un Fassa reduce dalla bella vittoria casalinga contro la Valpe, impegnata oggi con un Asiago privo del proprio campione Michele Strazzabosco a cui auguriamo una pronta guarigione. Bello lo striscione della curva “Strazza tieni duro”. Nel Milano ancora assente Lutz, squalificato, e Terzago, infortunato. Coach Curcio schiera in attacco Colombo con Borghi e Piccinelli; Caletti con il duo delle meraviglie Fontanive e Vallorani; Migliore con Petrov e Gron. In difesa si gira a cinque con Murray, Re, l’instancabile Campanale, Lo Russo e Latin. Negli ospiti assenti per infortunio Chelodi e Casagranda. Il primo pericolo è dei padroni di casa al 2.05 e capita sulla stecca di Piccinelli ma il tiro di quest’ultimo viene respinto da un attento Tillanen.
CaffiIl Milano preme, Gron tira a lato da buona posizione. Al 4.20 viene fischiata la prima penalità alla panchina ospite per troppi uomini sul ghiaccio, sconta Bernard. Recuperata la paritá numerica sul ghiaccio è il momento di Caffi che respinge un tiro di Castlunger e poi, dopo un errore di Murray, blocca una conclusione di Ryhanen. Al minuto 8.29 la coppia delle meraviglie crea; questa volta è Fontanive a servire Vallorani ma la sua conclusione ravvicinata viene respinta dal goalie ladino. Il Milano gioca, si diverte e crea pericoli con Petrov e Gron. Al minuto 11.21 viene fischiata una penalità dubbia a Gron, ma il Fassa non sfrutta la superiorità. Recuperata la parità numerica, Fontanive compie un vero miracolo servendo in back un disco d’oro a Matt Campanale che non può far altro che infilarlo in rete per il meritato vantaggio milanese. I Rossoblu non si fermano e creano ancora con uno scatenato Fontanive. Il tempo si chiude con una doppia penalità fischiata a Gron e Vidgren e poi una a Marchetti ma il risultato non cambia.

ValloraniNel secondo drittel il Fassa entra sul ghiaccio più determinato e, dopo un pericolo creato da Colombo, impegnano Caffi con Ryhanen. È il preludio della rete del pareggio. Al minuto 8.03 un diagonale di Ryhanen sorprende il portiere rossoblù. Tutto da rifare per i padroni di casa. Il Milano spreca un’altra superiorità e prima Petrov e poi Caletti si fanno fermare da un attento Tillanen. A 5.02 dalla fine l’azione più pericolosa del drittel dei padroni di casa: Fontanive serve Caletti che serve Vallorani ma il suo tiro viene respinto. Il tempo si chiude con un bolide dalla blu di Murray senza fortuna e con il Fassa costretto a sostituire il goalie titolare per infortunio.

Il terzo drittel inizia con una superiorità degli ospiti ma con un uomo in meno sono i Rossoblu a creare i pericoli maggiori con Vallorani. Coach Kostner rimette Tillanen ma sono i ragazzi di Curcio a realizzare grazie alla coppia delle meraviglie: Vallorani serve Fontanive che buca la rete per il 2 a 1. Dopo la rete il goalie titolare dei ladini lascia definitivamente il ghiaccio. Il Milano preme e al 6.36 un tiro di Petrov respinto da Scola viene deviato in rete da Tommaso Migliore. Gli ospiti reagiscono ed accorciano con Marchetti. La stanchezza sale, il Milano è alla quarta partita in otto giorni, e qualche errore di troppo, da ambo le parti, favorisce il gioco dei rispettivi attacchi e così, al 9.19, i Rossoblu allungano con un contropiede di Fontanive, ben lanciato da Campanale. Il Fassa non ci sta ed è ancora Marchetti a realizzare il 4 a 3. Passa solo 1.21 e  Migliore allunga nuovamente. Sembra finita ma c’è ancora il tempo per la quarta rete ospite con De Tos. Coach Kostner tenta il tutto per tutto togliendo Scola per un uomo di movimento in più ma il risultato non cambia più. Settima vittoria consecutiva per Migliore e soci e prossimo impegno in trasferta contro lo stesso Fassa Martedì 28 Ottobre.

Hockey Milano Rossoblu – SHC Fassa 5-4 (1-0, 0-1, 4-3)
Reti: 1-0 Matthew Campanale (Nicola Fontanive, David Vallorani) 13:37, 1-1 Sami Juhani Ryhanen (Per Filip William Bjork) 28:03, 2-1 Nicola Fontanive (David Vallorani, Lorenzo Piccinelli) 44:38, 3-1 Tommaso Migliore (Alexander Petrov) 46:36, 3-2 Michele Marchetti (Thomas Dantone, Martin Castlunger) 48:26, 4-2 Nicola Fontanive (Matthew Campanale, Niccolo Lo Russo) 49:19, 4-3 Michele Marchetti (Sami Juhani Ryhanen, Thomas Dantone) 56:35, 5-3 Tommaso Migliore (Alexander Petrov, Tyler Gron) 57:56, 5-4 Manuel Da Tos (Matteo Dantone) 58:07
Tiri: Milano 45, Fassa 29
Penalità: Milano 3 (6 minuti), Fassa 6 (12 minuti)
Arbitri: Alex Lazzeri e Fabio Lottaroli; Giudici di linea: Simone Lega e Stefano Terragni
Spettatori: 1999