Milano corsaro a Canazei

Un Fassa inconsistente e poco determinato incappa in una brutta debacle nel recupero della 21esima giornata, e il Milano ne approfitta espugnando lo Scola per 4-1 e portandosi a +12 dai ladini in classifica. Nessuna assenza per i meneghini, nel Fassa assenti Casagranda e Trottner, mentre fa il suo esordio stagionale David Turon.

S.H.C. Val di Fassa Volvo – Hockey Milano Rossoblu 1-4 (0-2; 0-2; 1-0)

In avvio di match è subito il Fassa a farsi vedere in avanti, e solo grazie al palo alla sinistra di Dainton il risultato rimane fermo sullo 0-0. Al termine di un powerplay mal gestito dalla truppa di Kostner però il Milano prende possesso del ghiaccio, mettendo a ferro e fuoco la difesa di casa, prima con Migliore e DiDIomete, poi con Fontanive. Vallini è bravo a sventare su un tentativo di Estoclet, mentre poco dopo è Sindel a sbagliare un goal fatto quando, a botta sicura, spara su Dainton. Sul finale però il Milano trova due reti ravvicinate, prima con Caletti che insacca un rebound su tiro di Ranallo, poi con Schell in superiorità numerica, ma in questo caso il disco è deviato nel sacco dal pattino di Laine.

Nel secondo periodo il Fassa ci prova subito con Kostner, ma in inferiorità numerica subisce anche il 3-0 ad opera di Fontanive, dimenticato dalla difesa di casa nello slot. I ladini avrebbero l’occasione di accorciare lo svantaggio quando il Milano incassa 3 penalità consecutive, ma i tentativi di Iori, Turon e ancora Iori s’infrangono sui pali della porta difesa da Dainton. Il Milano è più cinico del Fassa in superiorità numerica e il 4-0 è cosa fatta quando Gellert insacca un polsino dalla blu con l’uomo in più sul ghiaccio. Sul finale i ritmi calano, e l’unico a provarci è Diego Iori che non riscuote però il successo desiderato davanti a Dainton.

Nel terzo periodo cala il Milano e cresce un po’il Fassa, che ci prova con Turon, Jeslinek e Laine ma Dainton risponde presente. Vallini fa un salvataggio miracoloso su DiDiomete, mentre in situazione di superiorità numerica è ancora Sindel a centrare ancora il palo alla destra dell’estremo meneghino. In situazione di superiorità numerica però arriva la rete della bandiera con la firma di Jakub Sindel, che fa tutto da solo e s’inventa un back-hand che s’insacca all’incrocio. Sul finale gran pressione ladina, ma il risultato non cambia più fino al sessantesimo.

Il Milano non sbaglia l’approccio in una partita che “vale doppio” ed esce dallo Scola con il bottino pieno, visto che oltre alla vittoria si allontana in classifica un Fassa che iniziava a fare paura. Il Fassa invece deve solo recriminare per un approccio alla partita decisamente sbagliato, e coach Kostner avrà un bel da fare per raddrizzare una situazione difficile per i prossimi due incontri ravvicinati. Nel prossimo turno, il Fassa sarà di scena a Collalbo contro il Renon, mentre il Milano ospiterà il Cortina.

S.H.C. Val di Fassa Volvo – Hockey Milano Rossoblu 1-4 (0-2; 0-2; 1-0)
Marcatori
: 15:51 (0-1) E.Caletti (M.Ranallo/T.Goi); 17:49 (0-2) B.J.Schell (PP, E.Caletti/A.Lutz); 24:06 (0-3) N.Fontanive (PP, A.A.Estoclet/A.Lutz); 32:56 (0-4) A.Gellert (PP, A.Lutz/B.J.Schell); 55:05 (PP, 1-4) J.Sindel (D.Turon/F.Gilmozzi)

Le tre stelle di serata:
1. Paul Dainton (Mil), 0.975% SVS
2. Andreas Lutz (Mil), 3 pti (0+3)
3. Edoardo Caletti (Mil), 2pti (1+1)

Arbitri: Colcuc, Pianezze (DeToni, Piniè)
Tiri in porta: 40-45 (7-20; 18-13; 15-12)
Penalità: 10-18 (2-2; 6-8; 2-8)
Spettatori: 275