Varese imbarazzante, l’Ora passa senza problemi

La striscia positiva del Varese si interrompe con la peggiore gara stagionale: attacco abulico, mancanza di gioco di squadra e una difesa inguardabile sono le maggiori pecche della squadra di coach Kudrna. Broggi e Marchetti  non sono stati supportati a dovere dal reparto difensivo, risultando incolpevoli sui goal degli altoatesini. A parziale giustificazione per l’incolore prestazione c’è da registrare le assenze del capitano Andreoni (squalificato), Mannini e Ceccato. A rimpolpare l’esiguo roster dei Mastini è stato aggiunto Lo Russo del farm team Milano Rossoblu.
A beneficiare del blackout giallonero è l’Ora che si presenta al Palalbani con le chiare intenzioni di conquistare la totalità della posta in gioco con lo scopo di raggiungere il primo posto in classifica sfruttando il turno di riposo del Dobbiaco. Il maggiore piglio degli ospiti consente loro di trovare la rete dell’1-0 al 3.33 con il diagonale di Olivotto, lasciato libero di agire dai varesini. Il Varese abbozza una sorta di reazione con Sorrenti al 4.37, il tiro, tuttavia, è troppo debole per impensierire Casaril; l’Ora tiene le redini del gioco sovrastando sia fisicamente che tecnicamente i Mastini: all’8.50 Olivotto ricevuto il disco da Zelger batte a colpo sicuro con davanti a sé la porta sguarnita, in extremis Broggi interviene negandogli la gioia del goal; al 9.08 Zanotti tenta il raddoppio con una conclusione dalla blu, dal capovolgimento di fronte, 30” più tardi, Privetera mette Senigagliesi in condizione di segnare, ma l’attaccante è ipnotizzato dal goalie dei Frogs che non permette la finalizzazione. Privitera è protagonista anche al 12.13 in situazione di superiorità: entrato nel terzo d’attacco, s’incunea tra due avversari, cadendo allunga la stecca tentando di infilare il puck nel five hole del portiere senza però beffarlo; al termine dell’azione Negri è sanzionato dall’arbitro, la serata negativa dei gialloneri perdura anche nei 44” di 5 contro tre, durante i quali i ragazzi capitanati, per l’occasione, da Sorrenti non creano reali pericoli agli antagonisti. Al 17. 45 Cortenova dalla blu serve Di Vincenzo, appostato sul palo alla destra del portiere, l’attaccante non imprime la necessaria forza al disco per gettarlo nella gabbia. La formazione della Bassa Atesina raddoppia al 18.55, in penalty killing, grazie a Zelger, il quale blocca sul nascere una ripartenza dei Mastini intercettando il disco e depositandolo alle spalle di Broggi.
Nella frazione centrale gli ospiti scendono sul ghiaccio con l’obiettivo di aumentare il bottino: al 22.58 il portiere giallonero sventa due conclusioni ravvicinate di Negri , ma è costretto a capitolare al 23.42 dopo il rebound concesso a Tscholl sul tiro di Zanotti. Come capitato nel primo tempo, Varese può recriminare anche per il pessimo power play, al 27.25 Calovi recupera il puck nel terzo difensivo, involatosi verso Broggi, il goalie dei Mastini deve mettere una pezza. Al 32.06 il palo strozza l’urlo di gioia di Lo Russo, al 35.15 stessa sorte capita all’altoatesino Calovi. Tuttavia la formazione della Bassa Atesina ha modo di rifarsi al 36.24 con la quarta rete messa a segno da Demattio su un passaggio orizzontale di Tscholl.
Rientrati sul ghiaccio, dopo il secondo intervallo, coach Kudrna presenta tra i pali il backup Marchetti al posto di Broggi, ma la solfa non cambia: gli ospiti vanno a segno in altre cinque occasioni, i goal di Di Vincenzo al 46.15 e quello di Privitera al 58.02 rendono meno amara la pillola, ma per Varese rimane notte fonda

Varese – Auer/Ora 2-9 (0-2; 0-2; 2-5)
Varese:
 Lorenzo Broggi (dal 40.00 Ilario Marchetti); Luca Barbieri – Dario Cortenova – Alessandro Gaggini – Nicolò Russo – Rudi Rossi; Daniele di Vincenzo – Marco Fiori – Erik Steve Mazzacane – Filippo Milo – Lorenzo Piccinelli – Riccardo Privitera – Salvatore Sorrenti – Fabio Senigagliesi. Coach: Zdenek Kudrna
Auer/Ora: Lukas Casaril (Sebastian Gallmetzer); Marcello Cembran – David Florian – Manuel Hanspeter – Daniel Kastl – Fabian Negri – Christian Olivotto – Simon Stuppner – Florian Trentini – Hannes Andergassen – Philipp Calovi – Andreas Decarli – Marco Demattio – Martin Olivotto – Rainer Saltuari – Manuel Tscholl – Lorenz Walthaler – Robert Zanotti – Andreas Zelger. Coach: Paolo Bonazzo.
Arbitro: Matteo Rigoni Linesmen: Nicola Basso e Giovanni Strazzabosco
Penalità: Varese 22 (6/8/8) – Auer/Ora 18 (8/6/4)
Tiri: Varese 26 (10/5/11) – Auer/Ora 54 (16/25/13)
Marcatori: (0-1) 03.43 Robert Zanotti (Christian Olivotto) PP; (0-2) 18.55 Andreas Zelger SH; (0-3) 23.42 Manuel Tscholl (Robert Zanotti); (0-4) 36.24 Marco Demattio (Manuel Tscholl – Philipp Calovi); (0-5) 40.31 Andreas Zelger (Hannes Andergassen); (1-5) 46.15 Daniele Di Vincenzo; (1-6) 49.25 Manuel Tscholl (Philipp Calovi) PP; (1-7) 49.40 Andreas Zelger (Hannes Andergassen – Robert Zanotti); (1-8) 49.56 Lorenz Waldthaler (Marco Demattio – Manuel Tscholl); (1-9) 54.38 Andreas Zelger SH; (2-9) 58.02 Riccardo Privitera (Rudi Rossi)
Spettatori: 397

Tags: