Un Lugano finalmente convincente

Kloten battuto di misura 4.3 dalle doppiette di KAMBER e dell’ex RINTANEN. Sono piaciuti l’orgoglio e il ritrovato spirito con cui tutta la squadra ha saputo superare i momenti di difficoltà. Torna a funzionare il power-play in un match caratterizzato dall’elevato numero di penalità. 

La vittoria di Langnau ha riportato il sereno nell’ambiente bianconero, piuttosto allarmato dall’esito negativo delle ultime prestazioni della squadra (vedansi sconfitte con Zurigo e Bienne), che sembrava aver smarrito tutto d’un tratto quanto di buono aveva fatto dopo l’avvento in panchina di Larry HURAS. Lugano che trova di fronte oggi alla Resega il Kloten, reduce dalla vittoria nel match casalingo di ieri contro il Bienne, grazie alla rete decisiva di SANTALA, proprio uno dei giocatori che sembra essere l’oggetto dei desideri della società del presidente MANTEGAZZA. Da notare che, nonostante manchino ancora diverse partite al termine della stagione regolare, è proprio la campagna acquisti ad essere in primo piano in questi giorni. Dopo la notizia del trasferimento di Kevin ROMY al Ginevra è fresco di ieri l’annuncio ufficiale della società ticinese che ha siglato un accordo biennale con Glen METROPOLIT, centro canadese, già protagonista della conquista del titolo nella stagione 2005/2006 con la maglia bianconera e idolo dei tifosi.   

Tornando all’hockey giocato, va ricordato come il nome Kloten evochi quest’anno per il Lugano. soprattutto la clamorosa sconfitta per 9.0, giunta nel mese di ottobre alla Kolping Arena, cui sono seguite le dimissioni irrevocabili dell’allora coach Barry SMITH e la conseguente svolta stagionale. Diverse le assenze tra gli aviatori che devono fare a meno di BERGER, WICK, DU BOIS, LEMM, NORDGREN e KELLENBERGER. Tra i pali FLUCKIGER sostituisce un po’ a sorpresa RUEGER che viene comunque premiato per aver raggiunto le 1000 presenze in LNA. Per quanto riguarda la squadra di casa assente dell’ultimora NUMMELIN,ancora dolorante dopo il colpo al gomito, oltre ai soliti VAUCLAIR  e NIEDERMAYER. Turno di riposo per JORG.

Kloten subito pericoloso in avvio con la conclusione di BODENMANN respinta da CONZ e successivamente in contropiede con HERREN su cui arranca in copertura KIENZLE. Sembra particolarmente ispirato BEDNAR le cui scorribande creano apprensione alla difesa ospite. STANCESCU colto in fallo per colpo di bastone finisce tra i penalizzati e il Lugano complice un po’ di fortuna sa subito approfittare della circostanza favorevole. Un disco innocuo messo al centro da KAMBER trova la fortuita deviazione di DUPONT che beffa il proprio portiere (1.0) al minuto 04:42. Pronta reazione ospite e bravo CONZ a salvare su tre conclusioni consecutive di DUPONT, SANTALA e STANCESCU nell’ordine. Qualche scintilla sul ghiaccio e a farne le sono da una parte HOLLENSTEIN e dall’altra DOMENICHELLI. Doppia penalità per il giocatore zurighese e bianconeri a godere di un nuovo power-play. BEDNAR e HIRSCHI provano in più occasioni a scardinare la retroguardia ospite con tiri dalla distanza ma FLUCKIGER non si fa sorprendere. Clamorosa, a pochi secondi dal termine della penalità, l’occasione capitata sul bastone di BURKI che non trova incredibilmente l’impatto col disco a porta praticamente sguarnita. Sembrava goal fatto. Imperdonabile errore anche degli zurighesi che non finalizzano un contropiede 3 contro 1 condotto da JENNI in collaborazione con BODENMANN. La compagine di ELDEBRINK sale di tono e i bianconeri fino ad ora molto attenti e disciplinati soffrono la pressione degli avversari. HENDRY è costretto al fallo e lascia i suoi in inferiorità numerica. CONZ prima riesce a salvarsi miracolosamente su LINIGER ma non può nulla sulla conclusione ravvicinata di HOLLENSTEIN ottimamente servito da BODENMANN (1.1) al minuto 15:18. L’incontro a questo punto aumenta ancora di intensità e fioccano le penalità. SCHELLING reo di un’ostruzione si accomoda tra i penalizzati ma LUGANO incapace nell’occasione di offendere. Anzi, seppur con l’uomo in più, subisce un pericoloso contropiede e per un soffio la deviazione al volo di JACQUERNET non beffa CONZ. Una carica scorretta di DOMENICHELLI riporta la parità sul ghiaccio prima del suono della sirena in un periodo dalle due facce. Primi dieci minuti condotti con buona autorità dai padroni di casa e KLOTEN che esce alla distanza creando non pochi pericoli alla squadra di HURAS.

BEDNAR soffia il disco a MARTI e serve MURRAY che alza troppo la mira. SANTALA protagonista di un aggancio falloso finisce fuori per due minuti che nemmeno in questa occasione il Lugano sfrutta a dovere. Due chances, la prima con DOMENICHELLI il cui tiro viene deviato a lato da FLUCKIGER e quindi la successiva con STEINER la cui conclusione incoccia su SANNITZ davanti allo slot. Nell’azione seguente un rovescio velenoso di SUTTER passo in mezzo alle gambe di un difensore bianconero ingannando CONZ (1.2) al minuto 24:06. La squadra di casa non si perde d’animo e complice nell’ennesima penalità questa volta ai danni di HOLLENSTEIN trova subito la rete del pareggio ancora con KAMBER che capitalizza, appostato in ottima posizione al limite dell’area di porta, un’azione partita dalla stecca di DOMENICHELLI(2.2) al minuto 26:53. Non bastano tre conclusioni a ripetizione di BEDNAR per realizzare quel goal che porterebbe in vantaggio i bianconeri. Alla fine ci si mette allora la panchina ospite. Troppi uomini sul ghiaccio ed ennesimo power-play questa volta regalato al Lugano. DOMENICHELLI proprio allo scoccare del 30’minuto non trova la deviazione giusta sul preciso servizio di KAMBER e sul prosieguo dell’azione FLUCKIGER è bravo a bloccare la potente conclusione di un mai domo capitan HIRSCHI. La foga nella ricerca del goal sbilancia pericolosamente i bianconeri che concedono di nuovo una pericolosa azione in transizione agli ospiti ma JENNI è però impreciso nella sua finalizzazione. Kloten particolarmente falloso questa sera. STEINER finisce disteso sul ghiaccio caricato in maniera irregolare da STANCESCU e finalmente la coppia BEDNAR-RINTANEN si illumina ricordandosi del suo valore e confeziona la rete del nuovo vantaggio bianconera con l’attaccante finlandese che mette con eleganza il ginocchio sul ghiaccio per battere FLUCKIGER (3.2) al minuto 34:01. Lo stesso RINTANTEN si fa cogliere immediatamente in un’ingenua trattenuta costringendo i suoi all’inferiorità numerica superata però senza particolari patemi. Il finale del periodo centrale è un susseguirsi di penalità inflitte dall’arbitro MASSY particolarmente fiscale nelle sue decisioni. Un minuto dopo CONNE, tocca ancora ad HOLLENSTEIN finire fuori per via di una trattenuta. Maggiori spazi in 4 contro 4. BEDNAR serve HIRSCHI ma la sua botta è respinta da FLUCKIGER che è bravo poi a bloccare il successivo tentativo di HENDRY. Periodo che si chiude dopo aver mostrato un Lugano in salute, bravo nel recuperare il momentaneo svantaggio senza scomporsi, concedendo poco agli avversari.            

Parte a tutta velocità la formazione zurighese alla ricerca del pareggio. STANCESCU trovato sulla blu direttamente dal suo terzo difensivo impegna in una difficile respinta CONZ. Bravo anche a salvare su BODENMANN nell’azione successiva. Lugano che non sta a guardare e prova a farsi minaccioso con alcune pericolose ripartenze. NODARI trattiene un avversario ma soprattutto HENDRY scaglia solo sei secondi dopo il disco accidentalmente fuori dalla pista costringendo i suoi ad un problematico 3 contro 5. Bastano infatti pochi secondi e il Kloten trova immediatamente il pareggio con il capitano STANCESCU che ribadisce in rete il disco sottomisura riprendendo una corta respinta di CONZ su tiro di SANTALA (3.3) al minuto 46:14. Lo stesso SANTALA impegna ancora due volte CONZ prima dello scadere della penalità di HENDRY. SANNITZ ha una buona opportunità ma la deviazione trova la risposta di FLUCKIGER in due tempi. BEDNAR non si perde d’animo ma il suo tiro è alto. Conclusioni pericolose ancora per DOMENICHELLI e KIENZLE e Lugano che da l’impressione di volerci provare fino alla fine mostrando una condizione atletica invidiabile. SUTTER costringe i suoi all’inferiorità per ritardo di gioco e la sfortuna si accanisce ancora con DUPONT colpevole di una deviazione decisiva sulla conclusione di RINTANEN (4.3) al minuto 53:03.

LINIGER si catapulta in avanti e sfiora subito il pareggio così come DUPONT la cui conclusione è deviata di pattino da CONZ. Il ceco POLAK commette un fallo non visto su REUILLE, che accenna a reagire, ma intelligentemente ci ripensa. DUPONT cerca in tutti i modi di farsi perdonare ma ancora una volta trova un attento CONZ a negargli la gioia del goal che manderebbe la sfida all’overtime. Finale spasmodico con ELDEBRINK che toglie il portiere. DOMENICHELLI ha l’occasione per mettere il sigillo a questa importantissima vittoria ma il suo tiro a porta vuota centra la base del palo. Disperato time-out chiesto dalla panchina ospite ma dalla mischia seguita all’ultimo ingaggio esce con il disco sulla stecca BEDNAR che allontana provvidenzialmente sul suono della sirena per la gioia dei tifosi soddisfatti per la prestazione dei propri beniamini.

Finisce in gloria per la squadra bianconera mai come quest’oggi decisa a far suo il risultato in virtù di una ottima condizione fisica. Decisive le situazioni speciali con tutte le segnature degli uomini di HURAS realizzate in superiorità numerica. A differenza delle ultime prestazioni casalinghe pone maggiore attenzione il reparto difensivo che non si è mai disunito concedendo poco agli avversari forse anche disturbati dalle notizie di stampa che indicano la società zurighese in gravi difficoltà economiche. Sei punti nell’ultimo week-end per il Lugano atteso dopo la sosta alla sfida col Berna capolista, in un campionato che mostra tutto il suo equilibrio soprattutto al vertice.  

LUGANO – KLOTEN FLYERS  4. 3 ( 1 . 1 – 2 . 1 – 1 . 1 )

04:42  1.0  79.KAMBER (76.DOMENICHELLI ) PP1

15:18  1.1  91.HOLLENSTEIN (13.BODENMANN) PP1

24:06  2.1  19.SUTTER (95.MARTI – 71.HERREN)

26:53  2.2  79.KAMBER (76.DOMENICHELLI – 26.BLATTER) PP1

34:01  3.2  23.RINTANEN (21.BEDNAR) PP1

46:14  3.3  22.STANCESCU (41.LINIGER – 25.SANTALA) PP2

53:03  4.3  23.RINTANEN (21.BEDNAR) PP1

 

PENALITA’ :     LUGANO  7 X 2 MIN.        KLOTEN : 10 X 2 MIN.

ARBITRO :       MASSY          LINESMAN : MAURON – TSCHERRIG

SPETTATORI :  3914