Bolzano: a Torino massimo risultato col minimo sforzo

La classifica non lascia spazio alle interpretazioni e sembra che si possa giocare solo per il secondo posto. Con una media di 10 gol fatti e uno subìto il Bolzano quest’anno pare essere di un altro pianeta ed è già matematicamente qualificato per la finale di Coppa Italia. «Questa situazione non fa comodo nemmeno a noi – ha detto a fine partita il dirigente delle Eagles Manfred Klotz, allenatore ad interim – soprattutto in ottica nazionale». Non avere avversari di pari livello porta infatti le giocatrici a non abituarsi durante la stagione alla giusta intensità. L’aggiunta dell’americana Furlani non è certo l’unica ragione per cui il Bolzano abbia una tale differenza di potenziale: il roster non ha visto ritocchi rispetto all’anno scorso ma ha perso anzi degli elementi. Potrebbe essere che sia la squadra che ha avuto meno abbandoni o che abbia un gruppo più affiatato. Piuttosto che una preparazione migliore.

Tuttavia, almeno per quanto riguarda la sponda piemontese, a gennaio le cose potrebbero cambiare. Il Real Torino parte infatti per questa Coppa Italia con pesantissime assenze destinate a riassorbirsi nel corso della stagione. Denise Orifici, infortunatasi l’anno scorso, sta facendo riabilitazione, Elisa Ballardini, Anna De la Forest e Chiara Traversa sono all’estero per studiare, Carignano, Gili e Battaglia restano tesserate del Real Torino e potrebbero reinserirsi quando vogliono.

Per la seconda rivincita della scorsa finale, nel Bolzano mancano sempre Kaser e Elliscasis. In pista dal primo minuto i backup: Klotz per le ospiti e la giovanissima Bonnal per le piemontesi. Classe 1997, Marta Bonnal gioca nelle giovanili dei Falchi Lecco. Miglior portiere al torneo di Lecco under 13, è stata convocata nella selezione della Lombardia (maschile) per lo scorso memorial Obkircher di Bressanone.
Dopo il minuto di silenzio per le vittime dell’alluvione ligure, il Bolzano si dimentica di stare giocando la quinta partita in una settimana e si spinge a tutta in attacco. Al 3:14 Da Rugna fa tintinnare il palo. Il Real paga il suo debutto nella stagione agonistica con alcune disattenzioni, come l’incappare nei numerosi fuorigioco e le sei giocatrici su ghiaccio che portano al primo powerplay. Il Bolzano non perdona: al 5:39 il classico schema di superiorità numerica conduce Angeloni al tiro dalla blu; sulla corta respinta Gius a mezzo metro può alzare il disco appena sotto la traversa. Al 9° il Real ha il suo powerplay ma viene vanificato dalla trattenuta del bastone di Casassa. Sulla successiva situazione di superiorità ancora Gius fa 2 su 2: Bonnal para bene ma fa spesso troppa fatica a trattenere il disco facilitando i “falchi” dell’attacco biancorosso. Due minuti e arriva il terzo gol: batti e ribatti e il disco non vuole essere spazzato via dallo slot. Angeloni ha tutto il tempo e lo spazio per prendere la mira e freddare la lecchese.
L’allenatore Zurek prova a mescolare un po’ le linee per trovare l’alchimia giusta. Al 16° Casassa parte in contropiede ma i terzini del Bolzano riescono in extremis a recuperare. Un altro powerplay del Torino non va a buon fine, micidiale invece quello del Bolzano (il terzo su tre occasioni): ennesimo tiro potente da lontano di Angeloni e deviazione vincente della Furlani. L’americana non vuole essere appariscente ma la determinatezza del suo gioco si fa vedere eccome. Imposta il gioco, recupera dischi, crea spazi, sistema le compagne all’ingaggio e soprattutto, ci dicono, s’è integrata alla perfezione nel gruppo.
Il secondo tempo inizia come il primo, ovvero con un palo della lamonese Da Rugna. Bolzano attacca e Torino riesce ad affacciarsi nel terzo d’attacco solo al 5° grazie alla penalità fischiata a Furlani. Al 10:45 la più combattiva delle piemontesi, Eugenia Casassa, si divincola bene dalle maglie di difesa altoatesine ma il tiro viene neutralizzato con sicurezza da Klotz. A metà gara Conte prende il posto di Bonnal tra i pali del Real e viene impegnata al 12:10 da Gius che, involatasi in solitaria, non incanta il goalie di Pinerolo. Al 12:49 Torino ha un doppio powerplay a disposizione e finalmente riesce a rovinare ancora lo shutout di Klotz, lasciata sola in balia delle continue conclusioni da rete delle piemontesi. Il tocco vincente è della comasca Michelle Masperi, classe ’96, alla sua seconda rete col Real dopo la marcatura ad Agordo lo scorso anno. Il Torino prende coraggio e al 13:39 Ballardini angola bene il tiro che però viene parato; al 16° il portiere ospite deve neutralizzare un’altra bella triangolazione del Real. Il secondo tempo si chiude con un tiro di Furlani in pancia a Conte e una bastonata a 19 secondi dalla fine di Saletta che consente al Bolzano di iniziare l’ultimo drittel in powerplay.
Il Bolzano, che gioca a due linee contro le due e mezza delle avversarie, torna in pista stanco. Al 3:10 Avanzi ha l’occasione più ghiotta sola davanti a Klotz: tiro di prima intenzione su passaggio perfetto da dietro gabbia, fermato dal gambale del goalie biancorosso. Al 9:01 sull’altro fronte Da Rugna non riesce a trovare la rete personale: si porta a spasso il disco per lo slot ma non riesce a superare Conte. Al 10:47 la coppia Avanti-Galliana in 2 contro 1 non ha successo tirando il disco fuori dallo specchio. Il digiuno di reti bolzanino si interrompe all’11:17 con Furlani che aggira la porta avversaria e deposita in rete. 20 secondi dopo le Eagles dilagano con Bonafini che si trova la porta vuota, spingendovi dentro il disco respito dal portiere. Da Rugna esce dal ghiaccio dolorante dopo uno scontro e il Bolzano comincia a giocare più fisico. Al 16° Bonafini si accomoda in panca per una carica alla balaustra ma il Real ha finito la benzina. Al 16:11 Galliana si fa scappare Furlani ed è costretta ad uncinarla. In 4 contro 4 il Bolzano chiude i conti: triangolazione che smarca Furlani, la quale fa partire un tiro a mezzaltezza che si infila dalla parte opposta sulla sinistra di Conte. In doppia inferiorità il Real rischia l’ottava rete ma Conte fa buona guardia: il tiro di Angeloni viene deviato sulla traversa, quelli di Da Rugna e Furlani neutralizzati.

La Coppa Italia si prende una pausa per la nazionale. Si torna a giocare tra due weekend con la doppia sfida tra Torino e Appiano, e la trasferta delle Eagles ad Agordo.

Real Torino – Eagles Bolzano 1-7 (0-4, 1-0, 0-3)
Marcatrici: 5:39 Samantha Gius (0-1, PP) (Michela Angeloni, Chelsea Furlani), 11:03 Samantha Gius (0-2, PP) (Chelsea Furlani, Michela Angeloni), 13:07 Michela Angeloni (0-3) (Eleonora Bonafini, Beatrix Larger), 19:02 Chelsea Furlani (0-4, PP) (Michela Angeloni, Diana Da Rugna), 33:00 Michelle Masperi (1-4, PP2) (Eugenia Casassa, Elena Ballardini), 51:17 Chelsea Furlani (1-5) (Diana Da Rugna), 51:37 Eleonora Bonafini (1-6) (Beatrix Larger, Samantha Gius), 56:32 Chelsea Furlani (7-1) (Diana Da Rugna, Nadine Zaccherini)
Real Torino: Bonnal Marta (dal 29:44 Conte Stefania); Ballardini Elena, Galtieri Federica; Ricca Valentina, Di Giovanni Melissa; Di Mase Alessandra, Saletta Carola, Masperi Michelle; Galliana Valentina, Casassa Eugenia; Avanzi Virginia, Rossi Chloè; Giubergia Giulia, Pagliasso Valentina, Colombo Alessandra. Allenatore: Zurek Drahoslav
Eagles Bolzano: Klotz Daniela (Mazzocchi Giulia); Sacchi Alice, Angeloni Michela; Farinella Miriam, Zaccherini Nadine; Larger Beatrix, Bonafini Eleonora, Gius Samantha; Furlani Chelsea, Da Rugna Diana, Battisti Giorgia. Allenatore: Manfred Klotz
Tiri: 23-49
Penalità: 18-16 (6-4, 4-8, 8-4)
Arbitri: Mauro Costa e Francesco Coccioli

Class.   P.ti G V-P -ot  gol  +/-
Bolzano    15 5 5-0 0-0 52-5  +47
Appiano     3 3 1-2 0-0  6-19 -13
Real Torino 0 2 0-2 0-0  2-17 -15
Agordo      0 2 0-2 0-0  3-22 -19

[TABLE=201,0]