Frank De Frenza saluta il pubblico italiano

di Beppe Turina

Dà l’addio all’hockey giocato Francesco De Frenza, l’anno scorso al Real Torino in A2 e nel finale di stagione alla Valpe dei miracoli. Sopprannominato “The Archer” dai suoi tifosi, molto amato dai tifosi della Valpellice, giocatore sanguigno, a tratti rissoso, ma adorabile come persona fuori pista. Per chi ha avuto il privilegio di conoscerlo lascia un ottimo ricordo di sé in qualsiasi squadra abbia giocato, ma sopprattutto in Piemonte.
Sperando di rivederlo presto in Italia magari sotto altre vesti, auguriamo a Frank un caloroso grazie per tutto cio che ha dato all’hockey italiano.

Allegiamo una lettera di addio che Frank Defrenza a mandato in esclusiva per Hockeytime

Colgo l’occasione attraverso questa lettera per annunciare il mio ritiro dall’hockey professionistico. Sono trascorsi quattordici anni, molto, anzi forse troppo velocemente. Mi sembra ieri quando sono arrivato in Italia, un giovane ragazzo pieno di passione per il mio lavoro… adesso ricomincio da uomo, ma con lo stesso amore per lo sport più bello al mondo.

Prima di tutto desidero ringraziare tutti coloro che mi hanno dato l’opportunità di lavorare e di giocare: Willi Stofner (Vipiteno), Alex Hofer (Appiano), Valter Cappellaro (Pontebba), Piercarlo Mantovani (Asiago), Roberto Barbero (Valpellice), Ico Migliore (Milano), Marco Cogno (Valpellice) e soprattutto la famiglia Traversa (Torino).
L’hockey per me non è un diritto ma un privilegio e spero che la nuova generazione di giocatori capisca questo.
Desidero ringraziare tutti i miei compagni di squadra, sono figlio unico ma ogni anno avevo venti fratelli con me nello spogliatoio.
A tutti i tifosi dico “grazie”, un grazie speciale, sappiate che ho sempre giocato con il cuore per la mia e la vostra maglia e che vincere è sempre stato l’unico pensiero che avevo nella testa.
Non cambierei niente, mi porto dietro tantissimi ricordi meravigliosi, tanti amici e soprattutto ho conosciuto la donna della mia vita.
Mi auguro che l’hockey in Italia possa tornare ad essere quello che era una volta, però per riuscirci dobbiamo essere positivi e propositivi e lavorare insieme per raggiungere obiettivi comuni.
Adesso inizierò la seconda fase della mia vita, ma sempre con la stessa passione e la stessa voglia di vincere.
Grazie a tutti coloro che in un modo o nell’altro mi hanno aiutato a diventare l’uomo che sono oggi.
In bocca al lupo!
Francesco De Frenza.