Coppa Campioni: Bolzano in Polonia contro Planegg, Bytom e Valladolid

di Marco Depaoli

Che la nuova avventura delle Aquilotte di Bolzano in Coppa Campioni possa iniziare. La IIHF ha pubblicato i raggruppamenti della nuova stagione con ai nastri di partenza le Eagles, alla loro quinta partecipazione continentale.
Dopo l’insormontabile ostacolo rappresentato dal Lugano l’anno scorso, i sorteggi hanno dato alle bolzanine un altro osso durissimo: le campionesse tedesche del Planegg-Würmtal. Le ragazze di Agordo già conoscono la formazione bavarese avendola affrontata due anni or sono in EWHL, perdendo in casa ma battendole sulla loro pista per 9-5. Fu poi proprio il Planegg a vincere quella manifestazione. Nel 2008 i destini delle venete e delle tedesche si incrociarono invece proprio in Coppa Campioni ma allora il Planegg vinse nettamente sulle venete per 15-3.

L’altra avversaria da tenere d’occhio è il Polonia Bytom che ospiterà il girone nell’omonima località sita in Slesia, la regione che fino al 1918 era territorio asburgico e che ha come capoluogo Katowice. Bytom (in tedesco Beuthen) è un centro collinare di 188mila abitanti e si trova a 85 km da Ostrava, cittadina ceca prossima al confine.
Il Polonia Bytom si rifà al club maschile che milita in seconda divisione e alla più famosa versione calcistica. Fino a due anni fa i ragazzi del’hockey erano inseriti in Polska Liga Hokejowa e un decennio fa raggiunsero il terzo posto nazionale, ultimo podio dopo i sei campionati vinti tra gli Anni 80 e 90. In campo femminile il Polonia Bytom è leader nazionale da alcuni anni ma i risultati in campo internazionale sono stati modesti. L’anno scorso, alla prima partecipazione di una squadra polacca in EWCC, le slesiane sono state inserite nel girone lettone vinto dal Vålerenga. Persero tre gare su tre contro il Laima Riga 1-8, il Vålerenga Oslo 4-8 e le danesi dell’Herlev Hornets 5-15.

Le Eagles ritroveranno anche quest’anno le spagnole di Valladolid, cittadina castigliana di 320.000 abitanti. Le Panteras hanno vinto anche la terza edizione del campionato iberico e rappresenteranno ancora loro la Spagna in Coppa Campioni. L’anno scorso chiusero il girone bolzanino con zero punti: sconfitte dalle sudtirolesi 0-5, dal Lugano 0-16 e 0-5 anche dalle inglesi dello Slough. L’anno precedente non andò meglio. Nel girone lettone piovvero le sconfitte 0-5 da Riga, 2-9 dalle norvegesi dello Sparta Sarpsborg e 2-7 dalle inglesi degli Sheffield Shadows.

La formula dell’ottava edizione dell’European Women’s Champions Cup replica quella dell’anno scorso con 4 gironi preliminari che impegneranno un totale 16 squadre, nel weekend che partirà dal 28 ottobre prossimo. Oltre al girone polacco del Bolzano ci saranno i concentramenti in Lettonia, Romania e Slovacchia, tutti quanti nell’Est Europa.
Un numero complessivo di 20 squadre confermato ormai da 4 anni, il doppio della prima edizione targata 2004/05.
Le “big” entreranno in gioco nella seconda fase del torneo.
La vincente del girone dove sono impegnate le Eagles se la vedrà nel raggruppamento di semifinale nella terra dei Grandi Laghi con le finniche del’HPK Hämeenlinna e le sempre presenti kazake dell’Aisulu Almaty, più la vincente del girone slovacco. Quest’ultimo verrà deciso tra le ceche dello Slavia Praga, le austriache delle Sabres Vienna della bolzanina Valentina Bettarini, le ungheresi del Budapest Stars e le padrone di casa dello Spisska Nova Ves.
Nell’altra semifinale attendono i verdetti le moscovite del Tornado, desiderose di riprendersi il titolo, e le Lions di Zurigo (campionesse di Svizzera per la prima volta) grazie al terzo posto del Lugano raggiunto lo scorso anno. Per le Leonesse è la prima partecipazione a questa manifestazione, come del resto per le “cavaliere” dell’Hämeenlinna che sono riuscite nel patrio suolo a sconfiggere la pluri-decorate formazioni di Espoo e Tampere.
Non parteciperanno nemmeno a questa edizione di Coppa Campioni formazioni della Svezia.

Aria di novità anche per la partecipazione delle Budapest Stars al posto delle abbonate UTE Marilyn, avversarie anche dell’Agordo sia in Coppa sia in EWHL. Novità assoluta la presenza di una squadra bielorussa: a rappresentare lo stato ex sovietico sarà la Pantera Minsk che potrebbe iscriversi anche in EWHL. E’ una società nata l’anno scorso che raccoglie gran parte delle giocatrici di una nazionale che ancora non s’è affacciata sul panorama dei campionati del mondo. L’anno scorso le bielorusse hanno giocato nel campionato lettone vincendo 16 gare su 16 e realizzando 142 gol, subendone solo 13.

L’anno scorso una squadra finlandese, il Tampere, superando nel girone finale Mosca e il Lugano, ha fermato l’egemonia russa (due volte sul trono con Torpedo Mosca e Nizhny Novgorod) e svedese (4 titoli del’AIK Stoccolma). Saranno ancora finlandesi e russe a giocarsi il ruolo di favorita 2012.

2011-2012 European Women’s Champions Cup

Primo turno, 28-30 ottobre 2011

  • Gruppo A, Bytom (Polonia)
    Polonia Bytom (POL)
    ESC Planegg (GER)
    Bolzano Eagles (ITA)
    Valladolid Panteras (ESP)
  • Gruppo B, Csikszereda (Romania)
    SC Miercurea Ciuc (ROM)
    Pantera Minsk (BLR)
    Grenoble Brûleurs de Loups (FRA)
    Milenyum Ankara (TUR)
  • Gruppo C, Riga (Lettonia)
    Laima Riga (LAT)
    Sparta Sarpsborg (NOR)
    Herlev Hornets (DAN)
    Sheffield Shadows (GBR)
  • Gruppo D, Spisska Nova Ves (SVK)
    HC Spisska Nova Ves (SVK)
    Slavia Praga (CEC)
    Sabres Vienna (AUT)
    Budapest Stars (UNG)

Secondo turno, 2-4 dicembre 2011

  • Gruppo E, Hämeenlinna (FIN)
    HPK Hämeenlinna (FIN)
    Aisulu Almaty (KAZ)
    Vincitrice Gruppo A
    Vincitrice Gruppo D
  • Gruppo F, luogo da definire
    ZSC Lions Zurigo (SVI)
    Tornado Moscow Region (RUS)
    Vincitrice Gruppo B
    Vincitrice Gruppo C

Finali, 24-26 febbraio 2012

Partecipano le prime due classificate dei gironi di semifinale, luogo da definire.

________________________________

freccia dx LIlves Tampere è CAMPIONE DEUROPA!!! Lugano terzo Tutto sulla Coppa Campioni 

Albo d’oro
2011 Ilves Tampere (FIN) (2° SKIF Nizhny Novgorod, RUS) – 20 squadre
2010 Torpedo Mosca (RUS) (2° Blues Espoo, FIN) – 20 squadre
2009 SKIF Nizhny Novgorod (RUS) (2° Lohja, FIN) – 20 squadre
2008 AIK Solna (SVE) (2° Blues Espoo, FIN) – 20 squadre
2007 AIK Solna (SVE) (2° Tornado Mosca, RUS) – 17 squadre
2006 AIK Solna (SVE) (2°) – 12 squadre
2005 AIK Solna (SVE) (2° SKIF Mosca, RUS) – 10 squadre

Le partecipazioni italiane
2011 Eagles Bolzano (primo turno)
2010 Agordo Hockey (girone di semifinale)
2009 Agordo Hockey (primo turno)
2008 Eagles Bolzano (primo turno)
2007 Eagles Bolzano (primo turno)
2006 nessuna
2005 Eagles Bolzano (primo turno)