Ladies – 4 Nazioni ancora canadese

Usa e Canada alimenteranno le perplessità di Jacques Rogge dimostrando al mondo di rimanere ben più di una spanna sopra tutte anche al torneo 4 Nazioni che s’è svolto a St. John’s sull’isola di Terranova (Canada). Un totale di 29.218 spetatori paganti spalmati nelle 8 partite (5.459 solo per la finale), 5.200 in più rispetto al record del 2002 nel torneo giocato sempre in Canada a Kitchener (Ontario) quando le canadesi batterono le americane 4-2. Cifre che in Canada sono normali, da noi è difficile anche immaginarlo.
La vittoria finale vede la riconferma del Canada che già conquistò l’anno scorso in Finlandia (Vieuramaki) il prestigioso trofeo giunto alla 15ª edizione. La prima volta il 4 Nazioni venne giocato nel 1996 ad Ottawa.

La finale è stata la rivincita perfetta della gara del gironcino: 3-2 al prolungamento dei 60 minuti ma questa volta con epilogo favorevole alle Foglie d’Acero con la rete decisiva all’overtime di Rebecca Johnston di Sudbury al 6:21.

Nel girone preliminare la grande sfida s’è giocata subito il primo giorno con la vittoria americana ai rigori davanti a 3.892 spettatori. Due volte in vantaggio gli USA si sono fatti rimontare con il Canada in powerplay. Ai rigori segna solo Hilary Knight con il portiere americano Jessie Vetter premiata poi miglior giocatrice, vincendo la sfida a distanza sulla collega Szabados. L’allenatore canadese Ryan Walter riconfermerà la 24enne per la finale mentre per gli USA di Katey Stone la scelta ricadrà su Molly Schaus. Walte, ex giocatore NHL e vice allenatore dei Canucks l’anno scorso, è stato chiamato per il 4 Nazioni in sostituzione di Melody Davidson. Dopo la vittoria è stato confermato anche per i prossimi mondiali in programma in aprile a Zurigo e Winterthur.
Nelle altre partite l’anteprima della finalina ha visto la Finlandia battere la Svezia e per il resto sonore sconfitte delle scandinave contro il Canada e due 0-4 contro gli USA. Anche nella finale europea 3°-4° posto le finniche hanno rimarcato la supremazia sulle Tre Corone vincendo 2-1.

Il Canada vince questo trofeo per la 12ª volta, tre gli argenti in favore di altrettante vittorie americane, l’ultima nel 2008 a Lake Placid. Il confronto tra le due nord-americane in questo torneo è impietoso: 22 vittorie canadesi, 8 americane, un pareggio. Nella nazionale biancorossa 12 giocatrici hanno avuto l’oro olimpico 2010 al collo.

Risultati:
Finlandia – Svezia 3-0 (0-0 2-0 1-0)
Canada – USA 2-3d.r. (0-1 2-1 0-0, 0-0, 0-1)
Reti: 00:11 (0-1) Jenny Potter (Jocelyne Lamoureux), 22:07 (1-1=PP) Marie-Philip Poulin (Caroline Ouellette, Tessa Bonhomme), 30:18 (1-2) Meghan Duggan (Caitlin Cahow), 32:36 (2-2=PP) Meaghan Mikkelson (Jocelyne Larocque, Haley Irwin).
Svezia – Canada 1-8 (1-2 0-3 0-3)
USA – Finlandia 4-0 (2-0 2-0 0-0)  
USA – Svezia 4-0 (1-0 1-0 2-0)
Canada – Finlandia 15-0 (3-0 6-0 6-0)

         P.ti V  ot P  gol
1 USA       8 2 1 0 0 11:2    9
2 Canada    7 2 0 1 0 25:4   21
3 Finlandia 3 1 0 0 2  3:19 -16
4 Svezia    0 0 0 0 3  1:15 -14 

Finali:
Canada – USA 3-2 ot (1-0, 1-2, 0-0)
Reti: 16:46 (1-0) Rebecca Johnston (Haley Irwin, Meghan Agosta), 29:07 (1-1) Julie Chu (Jocelyne Lamoureux), 30:24 (1-2) Kendall Coyne (Monique Lamoureux, Jenny Potter), 38:11 (2-2=PP) Meaghan Mikkelson (Haley Irwin, Meghan Agosta), 66:21 (3-2=PP) Rebecca Johnston (Meaghan Mikkelson, Haley Irwin)
MVP: Rebecca Johnston (C), Molly Schaus (U)
Finlandia – Svezia 2-1 (2-0, 0-1, 0-0)
Reti: 02:59 (1-0) Karoliina Rantamäki (Michelle Karvinen), 16:58 (2-0) Annina Rajahuhta (Tea Villila), 47:45 (2-1) Pernilla Winberg (Elin Holmlov)
MVP: Annina Rajahuhta (F), Erika Grahm (S)