Guida ai Play-off (Western conference)

Di Filippo A.
CALGARY FLAMES-CHICAGO BLACKHAWKS
Stagione da ricordare per i giovani di Chicago che hanno riportato la squadra alla post season dopo sette anni, le opzioni offensive dei Blackhawks sono molte Kane, Toews, Martin Havlat, Patrick Sharp e Kris Versteeg, ed anche il contributo dalla blu dei difensori è buono con Brian Campbell, Duncan Keith, Cam Barker e Dustin Byfuglien.
Una squadra veloce con molti giovani però con poca esperienza di playoff, questa può però arrivare da altri giocatori uno fra tutti Nikolai Khabibulin che nel 2004 con i Lightning la coppa l’ha alzata.
Calgary ha una prima linea di valore Iginla, Mike Cammalleri e Jokinen, ma un giocatore come Dion Phaneuf è reduce da una stagione non proprio esaltante, e lo stesso goalie Miikka Kiprusoff ha dovuto giocare anche questa stagione 70 partite dunque non arriverà sicuramente fresco ai playoff.
Per contro ci sono giocatori come Cammalleri e Jokinen che hanno una gran voglia di ben figurare in questi playoff.

Chicago ha concluso la sua stagione regolare in quarta posizione (104 punti) con 46 vittorie 24 sconfitte 12 partite perse all’OT/SO.
Per Calgary invece quinta posizione (98 punti) con 46 vittorie 30 sconfitte 6 partite perse all’OT/SO

Per i Blackhawks l’ultima vittoria nella Stanley cup è dell’anno 1961, mentre l’ultima apparizione in finale è nel 1992, ed è stato nel 2002 l’ultima partecipazione ai playoff.
I Flames invece l’ultima finale è datata 2004.

Chiavi statistiche della serie

Chicago ha il dodicesimo power play della lega con 19.3% mentre Calgary è al ventunesimo posto con il 17.0%.

In inferiorità numerica Chicago si piazza in diciottesima posizione con 80.6% Calgary invece è quarta 83.4%

I giocatori che effettuano più cariche in balaustra per le due formazioni sono Brent Seabrook (224), Dustin Byfuglien (169) e Troy Brouwer (125) per i Blackhawks, mentre Dion Phaneuf (159), Cory Sarich (134) e Curtis Glencross (123) per i Flames

Negli ingaggi i leader delle due squadre sono Jonathan Toews per i Blackhawks 54.7% e Mike Cammalleri per i Flames 60.3%

Nelle fila di Calgary Mike Cammalleri è risultato nonno nella lega con 39 gol, Jarome Iginla decimo con 54 assist e sempre Iginla ottavo con 89 punti

Per Chicago Duncan Keith ha conquistato la quarta posiozione nel plus minus con un +33, Martin Havlat ha chiuso in nona posizione con un + 29

Per i Flames Mike Cammalleri è secondo nella lega con 19 power play gol, mentre per i Blackhawks Kris Versteeg ha chiuso in quarta posizione per quanto i gol in inferiorità numerica segnandone 4.


ST LOUIS BLUES-VANCOUVER CANUCKS
Vancouver, ha tutte le carte in regola per puntare all’obbiettivo massimo, un gran portiere Luongo che nelle ultime partite ha fatto vedere che sta recuperando la condizione migliore; i gemelli Sedin che si sono dimostrati davvero letali.
Mat Sundin ha la grande occasione della carriera per puntare alla coppa, anche se nel corso della stagione non ha propriamente ripagato la fiducia di chi lo ha voluto ai Canucks.
Unico neo per i canadesi potrebbe essere il fatto che nessun giocatore delle squadra ha vinto già la coppa, la squadra manca dunque di esperienza.
St Louis è approdata ai playoff con un’incredibile rincorsa vincendo 13 partite tra marzo e la fine della stagione, vittime di questa folle corsa sono state Minnesota, Nashville, Edmonton e Dallas.
Già aver centrato l’obbiettivo è una gioia, le possibilità per i Blues di accedere alle semifinali sono però sono legate alle prestazioni dell’attacco che ha portato a questa incredibile qualificazione Brad Boyes, David Backes, Keith Tkachuk.
In gabbia Chris Mason e stato una rivelazione in quest’anno ed è alla seconda partecipazione ai playoff dopo l’esperienza del 2006 con i Predators; invece Manny Legace la coppa l’ha sollevata nel 2002 con Detroit.

Vancouver ha chiuso in terza posizione di Conference la stagione (100 punti) con 45 vittorie 27 sconfitte 10 partite perse all’OT/SO.
St Louis invece ha concluso al sesto posto (92 punti) con 41 vittorie 31 sconfitte 10 partite perse all’OT/SO.

Per i Canucks l’ultima apparizione in post season è datata 2007, mentre l’ultima volta che la squadra ha raggiunto la finale è stato nel 1994.
I Blues invece avevano giocato gli ultimi playoff nel 2004 mentre l’ultima finale è datata 1970.

Chiavi statistiche della Serie.

Importante l’apporto degli special team per St Louis, nel PP St. Louis ha concluso all’ottavo posto con 20.5%, mentre Vancouver si è piazzata diciassettesima con 18.8%

Anche in inferiorità numerica i Blues si sono fatti valere chiudendo al terzo posto 83.8% per i Canucks invece un sedicesimo posto 81.4%.

I giocatori che hanno effettuato più cariche in balaustra sono per i Canucks Steve Bernier (146), Kevin Bieksa (119) e Darcy Hordichuk (112), mentre David Backes (204), Brad Winchester (127) e Barret Jackman (124) sono i migliori dei Blues.

Nei face off i migliori sono Kyle Wellwood 57.5% per Vancouver e Jay McClement 52.1% per St Louis.

Tra le fila dei Canucks Henrik Sedin si è piazzato in ottava posizione con 60 assists, Willie Mitchell è il migliore della squadra nel plus minus +29 nono della lega.

tra i giocatori dei Blues Brad Boyes è quinto nella lega con 16 power play goal.

Per Vancouver invece Alex Burrows si è piazzato quarto nella lega con 4 gol in inferiorità.


COMUBUS BLUEJAKETS-DETROIT RED WINGS
I campioni in carica si sono confermati ottima squadra e hanno mancato di poco il President Cup andato agli Sharks, una grande stagione comunque la loro hanno cinque giocatori che hanno segnato più di 20 gol, si conoscono a memoria ed ogni giocatore sa perfettamente cosa deve fare, dunque sono i campioni da battere, ma qualche problema potrebbe arrivare per quanto riguarda i goalie infatti Osgood non ha disputato una grandissima stagione, ma se ripeterà le prestazioni dello scorso anno, questo primo turno contro Columbus potrebbe essere solo una formalità.
I Bluejackets arrivano per la prima volta ai playoff e per loro è già bello esserci, adesso bisogna vedere se si accontenteranno della presenza o vorranno giocarsela con i detentori della Coppa, a livello di giocatori sono nettamente più forti i Red Wings ma Columbus ha un po’ di assi da giocarsi, Steve Mason portiere rivelazione dell’anno e Rick Nash che in attacco non si discute.

I Red Wings hanno chiuso al secondo posto nella Western Conference (112 punti ) con 51 vittorie 21 sconfitte con 10 partite perse all’OT/SO; Columbus invece ha terminato al settimo posto (92 punti) con 41 Vittorie 31 sconfitte con 10 sconfitte all’OT/SO.

I Red Wings arrivano da detentori a questi playoff, mentre per Columbus nella sua breve storia ( il debutto in Nhl è nella stagione 2000/01 si tratta della prima apparizione.

Chiavi statistiche della Serie.

Nel PP la differenza tra le due formazioni è abissale Detroit è prima nella lega con 25.5% mentre Columbus ha concluso in trentesima posizione 12.7%.

Nel penalty killing la differenza è invece a vantaggio di Columbus infatti i Bluejackets sono tredicesimi nella lega con 82.1% Detroit invece si è piazzata in venticinquesima posizione 78.3%

I giocatori che hanno effettuato più contrasti in balaustra sono, per i Red Wings Brad Stuart (157), Tomas Kopecky (109) e Daniel Cleary (107), mentre i Bluejackets Mike Commodore (201), Jan Hejda (168) e Jared Boll (153).

Per gli ingaggi i giocatori leader delle due franchigie sono Kris Draper Detroit 60.3% e Antoine Vermette Columbus 57.7%

I bomber delle due squadre sono Hossa Detroit e Columbus Rick Nash che hanno chiuso la stagione con 40 gol al quinto posto nella lega.

Pavel Datsyuk Detroit è risultato quinto nella lega con 65 assist e quarto con 97 punti.

Pavel Datsyuk Detroit ha chiuso nel plus minus terzo con +34, mentre Nicklas Lidstrom è risultato settimo con +31

Rick Nash Columbus ha chiuso al secondo posto con 5 gol in inferiorità numerica

Marian Hossa e Johan Franzen Detroit si sono piazzati al settimo posto con 8 gol vittoria.


ANAHEIM DUCKS-SAN JOSE SHARKS
Per le ambizione di San Jose, il primo ostacolo sono i Ducks, primi in tutta la lega gli Sharks devono dimostrare finalmente di essere pronti a conquistare la Stanley Cup.
La squadra è solida e forte in ogni reparto dal portiere Nabokov ai difensori Dan Boyle, Rob Blake e Marc-Edouard Vlasic; per finire con l’attacco Joe Thornton, Patrick Marleau.
I Paperi dal canto loro hanno ancora parecchi giocatori reduci dalla Stanley 2007, in più vengono da un ultima parte di stagione giocata ad alto livello.
Tra i pali c’è la sicurezza di J.S. Giguere, ma se il portierone dovesse avere problemi c’è subito pronto Jonas Hiller; sono una squadra dal gioco duro, una di quelle che non è bello affrontare al primo turno, se i paperi inizieranno a giocare come nel 2007 per gli Sharks potrebbero esserci problemi.
San Jose ha concluso la stagione regolare al primo posto nella Western Conference e nell’intera lega (117 punti) vincendo 53 partite perdendone 18 ed uscendo sconfitti all’OT/SO in 11occasioni.
Anaheim invece ha chiuso all’ottavo posto ad ovest (91 punti) con 42 successi 33 sconfitte e 7 sconfitte all’OT/SO.

Gli Sharks non sono mai approdati in finale di Stanley Cup, mentre per i Ducks l’ultima apparizione cosi pure l’ultima vittoria è datata 2007.

Chiavi Statistiche della serie

Nel Power play San Jose ha nella lega il terzo posto con il 24.2% mentre Anaheim è quinta con 23.6% poca differenza dunque in superiorità numerica.

Le cose cambiano invece con il penalty killing San Jose è quinta nella lega con 83.3% mentre per Anaheim c’è un ventitreesimo posto con 79.7%.

I giocatori che caricano di più in balaustra per gli Sharks sono Douglas Murray (175), Travis Moen (171) e Mike Grier (147); tra le fila dei ducks invece sono Ryan Getzlaf (134), Corey Perry (109) and James Wisniewski (90).

Negli ingaggi i giocatori migliori per le due formazioni sono Marcel Goc 58.2% per San Jose mentre Erik Christensen 55.7% è il migliore dei Ducks

Per quanto riguarda gli assist Ryan Getzlaf Anaheim ha concluso la stagione regolare al terzo posto con 66 assists, invece Joe Thornton Sharks è risultato settimo nella lega con 61 assist.

Ryan Getzlaf Anaheim Ha chiuso al sesto posto nella classifica dei giocatori con più punti, sono stati 91 i suoi.

In power play Teemu Selanne Ducks è stato un cecchino segnando ben 16 power play goals chiudendo al quarto posto nella lega.

Corey Perry ha chiuso al settimo posto nella lega con 8 gol vittoria.

Tags: