VALPELLICE: doppia vittoria per festeggiare fine anno

di Paolo Vola

Finalmente!!! La Valpe vince 3 a 2 un bellissimo derby a spalti gremiti e festeggia con un giorno di ritardo il Natale biancorosso.
Splendida cornice del Cotta Morandini per la prima volta di quest’anno totalmente esaurito; grande correttezza sugli spalti e civili ed ironiche proteste dei Supporter biancorossi con cartelli ironici rivolti verso arbitri e Federazione.
Da Rin ripropone la Valpe di Appiano con Silva vice Surma e la terza di soli “bocia”; per contro Zurek mischia le linee proponendo Meneghetti in difesa ed il “talento” Uto Traversa disgiunto da Peruzzo – Lo Presti.
Arbitra Fratter che non raccoglierà troppi fischi.
Il primo tempo è un monologo dei Bulldogs che dopo neanche 2 minuti, alla prima superiorità numerica, bucano un incolpevole Bobba con De Frenza che scarica una bordata al volo su assist di Petrov e Lefebvre.
Poi solo Valpe (19 a 4 il parziale dei tiri!) ma le trame offensive si arenano davanti al solito superBobba che in un paio di occasioni è anche fortunato.

Come sempre il Real crea poco gioco ma pattina molto e mette in crisi i costruttori di ioco valligiani; a 15.24 dopo un’azione caotica ed un fallo su Demetz è Lo Presti (implacabile con la Valpe) che pareggia in una delle rare sortite offensive dei subalpini.
E’ 1 a 1 alla sirena e l’impressione che anche questa sera sarà assai dura.
Il secondo tempo è sempre assai piacevole, veloce e correttamente combattuto; ora c’è maggior equilibrio e la Valpe trova più spazi. La terza linea tiene in affanno il Real ed è Canale a cercare il “numero” che non gli riesce per un pelo.
Ma è “bomber” Stricker dopo una caparbia azione di Runer e Silva a trovare il pertugio giusto ed a far esplodere il Cotta; siamo al 26.57 e sull’onda dell’entusiasmo la Valpe sembra dilagare.
A 32.01 splendida azione corale con Coco che dà a Petrov, assist di back per l’accorrente Lefebvre e si materializza il 3 a 1 con cui si chiude il secondo tempo.
Il Real comunque non molla e nel terzo tempo arremba per riequilibrare il match ed è Peruzzo a 44.16 a trovare il goal del 2 a 3 sfruttando una superiorità numerica (in panca puniti Petrov per una dura carica alla balaustra); ora sono i torinesi a crederci e la Valpe arranca comunque ben chiusa davanti a Demetz.
Stricker ha un paio di buone occasioni per chiudere il match ma è Mark Demetz con una doppia superparata a salvare il risultato; nell’ultimo minuto Zurek toglie Bobba per l’attaccante aggiunto ma è bravissimo Petrov a vincere gli ingaggi decisivi ed a consentire a Siren un tiro fuori di poco ed al palo poi di negare a porta vuota la quarta rete.
Poi il meritato giro di pista e tutti a festeggiare la vittoria con i tifosi davanti ad una fetta di panettone offerta dal Team Sponsor Cumiana Gomme.
Detto del bello spettacolo offerto da entrambe le squadre, la Valpe trova 3 punti importanti per il morale della squadra dopo “l’affare Surma”; Da Rin ha dimostrato di saper sopperire all’assenza dello statunitense compattando una squadra comunque ricca di talento ed esperienza in cui anche i ragazzi della terza linea hanno giocato minuti di grande sostanza e qualità.

—–

Tre punti pesanti, questo è il bottino che l’H.C.Valpellice raccoglie nella trasferta di Caldaro (ultima partita del 2008, avendo la giornata di riposo prevista per il 30 dicembre).
In una serata polare, con il supporto di un centinaio di tifosi valligiani, va in scena una delle partite piu’ folli ed appassionanti della stagione.
Dopo poco piu’ di 4 minuti infatti, il Caldaro si trova gia’ in doppio vantaggio grazie alla doppietta di Arvai che lascia presagire una debacle biancorossa. Basta pero’ poco per riordinare le idee e, trascinati dal goal di capitan Dino Grossi al minuto 6 e 59 la Valpe ritova se stessa e termina il primo periodo in svantaggio di un goal ma con parecchie occasioni pericolose (palo di Petrov e un paio di salvataggi di Commisso in uno contro zero) che la avvicinano al pareggio.
Il secondo tempo viene sospeso dopo 34 secondi per un infortunio del capo arbitro Ferrini alla spalla e riprende dopo una ventina di minuti sotto la direzione di Mirrione, gia’ presente alla partita.
Al minuto 24 e 20 penalità a Vignolo per due minuti ma è la Valpe, che in contropiede con Lefebvre, agguanta il pareggio. Nei minuti successivi non si riesce pero’ ad approfittare di una doppia superiorita’, anche per merito del portire dei lucci, e sono invece questi ultime che, allo scadere di una analoga situazione, ritornano in vantaggio con Pontus Moren.
Al 36 e 11 Alex Silva agguanta il pareggio in una situazione di superiorita’ di 4 contro 3 e, a meno di un minuto dal termine della seconda frazione è Levebvre a portare i biancorossi in vantaggio per la prima volta in questa partita.
Il primo minuto del terzo tempo vede subuto una marcatura par parte : il pareggio del Caldaro con Barnes dopo soli 37 secondi ed il nuovo vantaggio biancorosso con Petrov (entrambe le marcature in 4 contro 4).
Il Caldaro attacca e gode di una doppia superiorita’ numerica per penalita’ a De Frenza e Tremolaterra ma, passata indenne questa situazione, la Valpe allunga nuovamente grazie alla rete di Stricker che porta il risultato sul 6 a 4.
Mancano 8 minuti al termine e due goal di vantaggio non sembrano garantire la gestione del risultato sino al termine contro una squadra che pare veramente forte ed equilibrata in tutti i reparti, infatti, grazie a Thomaser, il Caldaro accorcia sul 6 a 5.
La Valpe pero’ non ci sta’ ad arroccarsi sino alla fine e Silva riesce ad allungare nuovamente sul 7 a 5 a poco piu’ di 3 minuti dal termine. Goal importantissimo poiche’ vanifica il sesto goal del lucci a 26 secondi dalla sirena che giunge senza piu’ affani e pericoli per la gabbia difesa da Demetz.
Ci si porta cosi’ a casa una emozionante vittoria, figlia di uno spirito di sacrificio che fa onore ai giocatori biancorossi e, soprattutto, fa classifica, allontanando la terza forza del campionato (il Caldaro appunto) di ben 11 punti e facendo presagire una lotta a due tra Valpe e Vipiteno per la conquista della regular season.
Marcatori:
01.20 (1-0) Arvai (Unterkofler);
04.17 (2-0) A. Chelodi (Arvai/E.Chelodi);
06.59 (2-1) Grossi (Stricker/Virta) in sup.num.;
25.26 (2-2) Lefebvre;
32.27 (3-2) Moren (A. Chelodi) in sup.num.;
36.11 (3-3) Silva (Stricker) in doppia sup.num.;
39.01 (3-4) Lefebvre (De Frenza);
40.31 (4-4) Barnes (E. Chelodi);
41.17 (4-5) Petrov (Virta),
47.44 (4-6) Stricker;
52.50 (5-6) Thomaser (E.Chelodi);
56.18 (5-7) Silva (Petrov);
59.34 (5-6) E.Chelodi (Moren/A. Ambach);