Le tedesche fanno la voce grossa

di Marco Depaoli

Il campionato EWHL si riapre al termine della scorsa settimana, amarissima per lo Slavia Praga, che ha visto le campionesse in carica, dopo un anno e mezzo di imbattibilità (27 partite), perdere contro le due formazioni tedesche del Planegg e del Berlino. Proprio le due dirette inseguitrici.

Con l’opportunità di una fuga che avrebbe sopito ogni speranza, la squadra di Praga è salita a Berlino contro le capitoline tre volte campionesse di Germania, demoralizzate dalla sconfitta di tre giorni prima nel derby tedesco e minate da un virus influenzale. Ne è uscita una partita equilibrata con diverse occasioni su entrambi i fronti, sbloccatasi a sorpresa a 6 secondi dalla fine del primo tempo dalla rete di Susann Götz in powerplay. Le reti del definitivo 3-0 (shotout per Ivonne Schröder) sono arrivate in 40 secondi verso fine partita con il terzino canadese Haleigh Callison (55:15) e Nina Kamenik (55:57).

Dopo la bruciante sconfitta a Berlino, le ceche di Jiri Nemec sono state chiamate a riscattarsi contro il Planegg sul ghiaccio amico di Praga, ma il parziale nel secondo drittel (di 0-3) ha rimesso in corsa per la vittoria dell’EWHL anche le bavaresi, prossime avversarie in Coppa Europa dell’Agordo. Doppietta di Anwander, che ha poi sfornato l’assist vincente per il 3-0 di Hammerl. La reazione al pesante passivo dello Slavia si trasforma in assedio: alla fine della partita saranno 44 i tiri scagliati contro il portiere tedesco Zorn (contro i 21 bavaresi) ma lo Slavia non va oltre il 2-3, con le reti di Studentova e Creary al 57° e 58°.

L’EWHL è ora un gioco a tre al vertice, che a metà torneo ha già visto disputarsi 5 dei 6 scontri diretti. In una classifica avulsa Planegg e Praga avrebbero 6 punti, 3 per Berlino che però ha in canna lo scontro casalingo con le bavaresi. Ciò considerato, a parte il big match rimanente OSC-Planegg del primo febbraio, la vittoria finale si giocherà a distanza, confrontandosi con le altre squadre del torneo. Attenzione dunque alle austriache di Salisburgo che guardano da lontano in classifica ma solo per aver disputato la metà degli incontri. Le Ravens si sono confrontate solo contro Praga, perdendo 6-3, ma potrebbero diventare l’arbitro del torneo. Meno speranze in colpi di mano dell’altra squadra d’oltreBrennero, il nuovo sodalizio viennese tra le Sabres e le Flyers: l’ultima severa sconfitta a Monaco contro le lanciatissime ragazze del Planegg ridimensionano le loro velleità. Potrebbe dire ancora la sua il Maribor, che sabato ha affrontato poco più che un’amichevole nel derby contro il Gric (7-2, doppietta di Rosar e McConnell).
Sabato Berlino dovrà stare attenta a Salisburgo, mentre il Maribor a Bratislava proverà ad avvicinarsi al trio di testa.

Classifica:
1 HC Slavia Prague 15 (7 giocate)
1 ESC Planegg 15 (7)
1 OSC Berlin 15 (8)
4 The Ravens Salzburg 9 (4)
4 HDK Maribor 9 (6)
6 SG Sabres/Flyers United 3 (4)
6 HC Slovan Bratislava 3 (5)
8 KHL Gric Zagreb 0 (5)

Risultati:
OSC Berlin – HC Slavia Prague 3-0 (1-0, 0-0, 2-0)
HDK Maribor – KHL Gric Zagreb 7-2 (2-1, 3-0, 2-1)
HC Slavia Prague – ESC Planegg 2-3 (0-0, 0-3, 2-0)
The Ravens Salzburg – SG Sabres/Flyers n.p.
ESC Planegg – SG Sabres/Flyers 8-2 (4-0, 3-1, 1-1)

Prossimi incontri (26 ottobre):
HC Slovan Bratislava – HK Terme Maribor
The Ravens Salzburg – OSC Berlin

—————-

Nel campionato francese, il Grenoble cede il passo anche a Neuilly sur Marne per 5-3 (3-2/0-0/2-1, decisiva la doppietta di Lou Pierrot nel primo tempo, che ha ribaltato l’inerzia della partita), rimanendo ultima a zero punti. Non pervenuta la partita del giorno successivo. La classifica vede il Cergy ancora in testa con 6 punti (4 partite), a seguire Neuilly / Marne a 5 (5), ALL STARS PIEMONTE a 3 (2) e Grenoble a 0 (3). Il prossimo impegno delle piemontesi è fissato per dicembre.

Tags: