Il Cortina batte il Ritten Sport

di Alberto Manaigo

CORTINA – RITTEN SPORT 5-4 (0:2)(2:0)(2:2)(0:0)(1:0)

Con l’incontro casalingo contro il Ritten Sport ha ufficialmente inizio il Campionato 2008-09 per la Sportivi Ghiaccio Cortina. Le formazioni si presentano quasi al completo sul ghiaccio: assenti Ingemar Gruber, capitano degli altoatesini, ed Andrea e Francesco Alberti per gli ampezzani.
Al 4:23 il primo sussulto: Corbeil sorprende Wilde in velocità e tira verso Maund. Il goalie ampezzano para la conclusione, ma nulla può sul rebound di Scandella che porta in vantaggio gli ospiti. Il Cortina prova a reagire con una bella azione di Cullen: il suo assist per De Bettin viene però sporcato da Nemecek quanto basta per impedire al capitano degli scoiattoli di agganciare il puck.
All’8:43 con Menardi in panca puniti il Renon raddoppia: bella discesa di Mathers che si fa parare la conclusione da Maund, il quale deve capitolare nuovamente, però, su un altro rebound insaccato questa volta da Mark Smith.

Inizia a vedersi anche la linea tutta canadese per gli ampezzani con Krestanovich che serve un buon disco a McLeod la cui conclusione temina di poco a lato. La stessa azione si ripete al 17:24 ancora con McLeod che scende sulla sinistra e poi si accentra: il suo tiro in back-hand termina fuori di poco. Ultimo pericolo al 19:34 quando Scandella in velocità serve un ottimo puck a Tudin che conclude a lato sprecando una ghiottissima occasione.

Nemmeno un giro di lancette nella seconda frazione e il Cortina si trova di nuovo in inferiorità numerica: Lottaroli manda, infatti, Mike Souza in panca puniti per una carica scorretta. Nonostante due belle conclusioni di Tudin e Mathers il Renon non concretizza il powerplay. Al 4:36 McLoud inizia a far vedere di che pasta è fatto entrando di potenza nel terzo del Renon e costringendo Hafner al fallo per fermarlo. Un minuto più tardi è Krestanovich a saggiare i riflessi di Cloutier con un bella conclusione. E’ il preludio del gol: al 6:20 Strazzabosco serve un ottimo puck a Kiel McLoud che con un tiro di polso batte l’estremo difensore altoatesino che non riesce a trattenere la conclusione del canadese. La testimonianza che il Cortina ha cambiato marcia si ha un minuto più tardi quando Menardi al termine di un’azione caparbia della terza linea ampezzana si fa spazio tra la difesa dei Rittner Buam ed infila il puck alla spalle di Clutier sorprendendolo con un tiro di back-hand sul primo palo. E’ un momento positivo per gli uomini di Adey che ci provano ancora con tre tiri in rapida successione di Souza, Cullen e Gallace senza, però, ottenere gli effetti sperati. I pericoli maggiori per la porta ampezzana arrivano dalla coppia Tudin-Scandella che impensieriscono con la loro velocità i terzini ampezzani. Sul finire della frazione centrale ancora due belle azioni di Kiel McLeod che terminano di poco a lato.

Nella prima parte dell’ultimo drittel il Renon si rende pericoloso con due conclusioni di Tudin e Hafner, ma è ancora la squadra di casa ad andare a segno al 7:37 con Wilde che tira dalla blu e sorprende Cloutier coperto da troppi giocatori per vedere la traiettoria del puck.
Al 13:53 in situazione di powerplay il Cortina rischia grosso a causa di un disco perso in zona di attacco che favorisce un contropiede in 3 contro 2 da parte degli uomini di Ivany, la difesa ampezzana, però, neutralizza e rilancia l’azione con Cullen che potrebbe servire Souza smarcatosi sulla sinistra. Il centro statunitense decide, invece, di provare la conclusione personale e insacca il puck nel sette alla destra di Cloutier. Mai sottovalutare, però, le squadre di Ron Ivany: al 16:58 McLeod si fa mandare in panca puniti per un colpo di bastone e Scandella ne approfitta pochi secondi dopo infilando il puck tra i gambali di Maund. La rimonta si completa a 20 secondi dalla fine con il Renon che, in inferiorità numerica, raggiunge il pareggio con Nemecek.

Si va, dunque, ai supplementari: un tempo di 5 minuti in cui le due squadre giocano senza, però scoprirsi troppo con il Cortina un po’ più propositivo rispetto agli ospiti.
Dopo le prime due serie di rigori il punteggio è ancora in parità: Adey decide allora che il primo giocatore a tirare nella terza serie di rigori debba essere De Bettin. Il capitano degli scoiattoli insacca al contrario di Scandella e regala, cosi, 2 punti al Cortina mentre gli ospiti fanno ritorno sull’altopiano di Renon con un punto soltanto.