Il Färjestad è la quarta semifinalista

di CFS

C’è voluta gara 7 per determinare la quarta semifinalista.
La serie giocata sul filo dell’equilibrio ha visto nel primo incontro il Frolunda battere per 3 a 1 il Färjestads in una gara dove la partenza al fulmicotone degli “Indiani” rende difficile il cammino agli avversari: pronti, via, e dopo 35 secondi i padroni di casa sono già in vantaggio di due reti con Jonas Johnson e Fabricius. I padroni di casa non mollano la presa e dopo un rigore sbagliato da Kallio(parato da Heino-Lindberg )sul finire del periodo arriva la terza marcatura con Mikael Johansson. Dopo aver messo un po’ di “fieno in cascina” il Frolunda tira in fiato e si chiude in difesa lasciando agli avversari il difficile compito di rimontare. Solo nel terzo periodo l’altro Mikael Johansson (simpatico caso di omonimia, due giocatori con lo stesso nome e cognome che giocano in squadre avversarie ed entrambi a referto..) riesce a segnare ma non basta ed il Frolunda porta a casa la vittoria.

Secondo incontro a favore del Färjestad che passa in vantaggio con Pirnes, azione solitaria, e raddoppia con Jörgen Jönsson in uno contro zero, grazie all’ottimo assist di Somervuori dal proprio terzo difensivo. Nel secondo periodo il Frolunda accorcia le distanze in power play con Kahnberg, e Heino Lindberg ha il suo bel d’affare a fermare gli attacchi degli “Indiani” (alla fine sarano 38 i tiri in porta contro i 30 degli avversari), ma è il Färjestad ad allungare nuovamente con Jörgen Jönsson (doppietta per lui). Il Frolunda sfrutta una superiorità numerica con Pluss che riapre la partita, ma ci pensa Mikael Johansson a segnare a porta vuota nell’ultimo minuto ed a chiudere 4 a 2 la partita.
Gara tre è un “monologo” del Frolunda che vince 4 a 0 con bel 49 tiri in porta! Il primo gol sul finire del primo periodo ad opera da di Andersson, nel secondo periodo vanno a segno Pluss e Jonas Jonnson, mentre il quarto gol in superiorità numerica è di Kahnberg .
Gara quattro riporta in parità la serie che si decide nell’ultimo periodo: vantaggio dei padroni di casa con Prestberg allo scadere del primo periodo, pareggio degli “Indiani” con Niklas Andersson nel secondo. Nel terzo periodo il gol del vantaggio interno è assegnato a Somervuori anche se è frutto di una deviazione involontaria di pattino di un difensore del Frolunda; Joakin Andersson impatta con un “pallonetto” che rimbalza davanti al portiere e con un effetto lo scavalca entrando in porta. Il Färjestad passa però nuovamente in vantaggio grazie ad un’azione solitaria di Somervuori che dribla un paio di avversari prima di concludere a rete. A due minuti dalla fine il Frolunda toglie il portiere, ma Mathias Johansson fissa sul 4 a 2 il risultato con “l’empy net goal.”
Gara cinque potrebbe essere già determinante per la serie ed il Färjestad non si lascia sfuggire l’occasione: nel primo periodo passa a condurre con Karlsson in power play, a cui risponde Kallio con una bella triangolazione con Johnson; passano due minuti e gli Indiani sono in vantaggio con Pettersson che gira dietro la porta ed insacca complice il gambale di Gustavsson. I padroni di casa però pareggiano con Jorgen Jönsson. Al 25° l’episodio che determinerà il vanataggio definitivo del Färjestad: Tomi Kallio lanciato a rete da solo, non riesce a segnare e, come si suol dire, gol mancato, gol subito, sulla respinta del portiere, Pirnes riceve sulla rossa il disco da Mattsson ed a sua volta offre il disco a Martin Johansson che insacca. Il Frolunda preme, ma Gustavsson fa buona guardia ed il Färjestad porta a casa la partita per 3 a 2.
Gara sei sembrava destinata a favore degli ospiti ma gli Indiani con un colpo di coda hanno portato la serie all’ultimo incontro utile. Parte bene il Färjestad che passa con Mikael Johansson in una discesa solitaria, schiva tutti gli avversari e mette in rete. Impatta il Frolunda con Jonas Johnson in triangolazione con Niklas Andersson per poi passare in vantaggio con un tiro dalla blu di Niemi. Prima della fine del periodo pareggio del Färjestad con Rhodin che da solo fa slalom tra gli avversari davanti porta, si allontana ed all’altezza del cerchio d’ingaggio si gira tira in porta. Nel secondo periodo gli ospiti pressano l’area avversaria e passano in vantaggio con Tuppurainen in power play che recupera il disco di rimbalzo dal gambale di Ahonen. All’inizio del terzo periodo è Presberg a portare il Färjestad in dirittura d’arrivo grazie a Jörgen Jönsson che ruba un disco sulla blu e serve in compagno che fa filtrare il disco sotto i gambali del portiere avversario, ma il Frolunda non ci sta ed accorcia le distanze sfruttando una doppia superiorità numerica con Pettersson che insacca ad un metro dalla porta. Passano pochi minuti ed è Fabricius a ridare le speranze ai 7.500 presenti al Frölundaborg Isstadion con un tiro dalla blu. Non passa neanche un minuto ed è Mikael Johansson, altro tiro dalla distanza, a portare in vantaggio il Frolunda. Si accendono gli animi ed il Färjestad prova la carta del sesto uomo di movimento ma tutto inutile, e si va a gara sette con il finale di 5 a 4.
Gara sette con il Färjestad a pressare l’area di porta avversaria con Ahonen chiamato spesso in causa e trova il gol sul finire del periodo con Mikael Johansson che recupera un disco vagante davanti allo slot ed insacca con Ahonen spiazzato. Sul finire del secondo periodo il Färjestad raddoppia con Mattsson Jesper su ottimo assist di Mikael Johansson. Gli indiani in un disperato tentativo di recuperare la partita assediano la porta difesa da Heino-Lindberg ma è ancora il Färjestad ad andare a segno con Somervuori in power play. A quattro minuti dalla fine il Frolunda prova la carte del sesto uomo di movimento e va a segno con Jonas Jonnson. Il portiere resta in panca ma la difesa del Färjestad fa buona guardia e meritatamente guadagna le semifinali chiudendo 3 a 1.
Gli accoppiamenti di semifinale: Färjestad-Linköping e Timrå – HV71