Amatori Asiago – USG Zoldo: la cronaca

di Francesco Frigo

Ebbene sì, chi si aspettava una partita Old Time Hockey, beh, è stato accontentato.
All’Odegar va in scena Amatori Asiago – Zoldo.
Negli Amatori rientro per Stefano Stella che si era infortunato proprio a Claut contro gli zoldani il primo di dicembre e che scende in campo nonostante un lutto familiare, nella notte di mercoledì infatti è mancato il nonno materno in onore del quale le squadre, di comune accordo, prima dell’incontro rispettano un minuto di silenzio.

L’inizio del primo tempo è molto tranquillo, con le squadre che si affrontano a viso aperto.
Al 4° minuto prima penalità per Zoldo, passano appena 9 secondi e Paolo Frigo raccoglie il rimbalzo sul tiro di Rossi ed insacca, 4’09” ed Asiago in vantaggio.
Neanche il tempo di gustarsi il vantaggio, che al 5’15” Zoldo pareggia con Carlo Belfi.

Minuto 6’20”, primi 2 minuti per Tito Meneghetti (che a fine partita avrà collezionato ben 18’), il power play dei cimbri in questa partita funziona poiché al 6’59” Oddone tira dalla blu, nella confusione spunta la stecca del solito Tomas Ferro che riporta in vantaggio i suoi.
La partita prosegue, molto bella da vedere con continui capovolgimenti di fronte.
Al 10’55” Zoldo pareggia, segna Daniele Soccol.
Ancora belle azioni da una parte e dall’altra finché al 18’36” in inferiorità numerica Asiago va in contropiede, azione stupenda di Andrea Rigoni che apre sulla destra per Tomas Ferro, che mette sotto l’incrocio sinistro e firma la doppietta personale.
Il primo tempo si chiude quindi sul 3-2 per l’Amatori registrando ancora qualche penalità.

Secondo tempo che inizia con i bellunesi in doppia superiorità, che spingono insistentemente per raggiungere il pareggio, che agguantano 47” dopo a seguito di un continuo batti e ribatti, il gol lo sigla il capitano Ivan Meneghetti.
Passano 4’ ed ai ragazzi di coach Munari cominciano a presentarsi i fantasmi delle altre due sfide con Zoldo, Daniele Soccol segna infatti il vantaggio zoldano quando il cronometro segna il 24’23”.
La partita inizia a scaldarsi, con falli da una parte e dall’altra.
Al minuto 31’15” Zoldo allunga portandosi a più due, segna Mario Cutino.
La seconda frazione sembra non avere più niente da dire, ma nel giro di due minuti i cimbri scaldano il proprio pubblico: minuto 37’56”, è il momento di Stella che accorcia le distanze dedicando inevitabilmente il gol al nonno che lo guarda dal cielo.
I vicentini sembrano avere una forza in più, cogliendo un palo con Serembe, è il preludio al pareggio, siglato al 39’17” dal solito, imprendibile, immarcabile Tomas Ferro.
Il secondo tempo si chiude così su quest’inaspettato 5-5, tutti a prendere un thè.

L’ultima frazione di gioco si apre con l’episodio che cambia la partita, minuto 42’42” Mauro Ferro scappa in velocità, entra in area zoldana, per fermarlo Darel Luker commette un bruttissimo fallo caricando con il bastone alla testa il giocatore asiaghese. Gli arbitri non hanno dubbi assegnando un 5+20 e penalità di partita per il giocatore della val zoldana. In seguito all’episodio Asiago ci crede e dopo 9”, al 42’53” è ancora Stella a segnare e a portare di nuovo avanti la squadra altopianese.
Asiago continua a giocare in power play, e al 43’19” allunga con il gol di Andrea Rigoni (ottima prestazione la sua, anzi fantastica).
Zoldo naturalmente non ci sta e spinge, di conseguenza si aprono gli spazi e i cimbri partono con i contropiede, per fermarli Zoldo ricorre al fallo continuando a riempire la panca puniti.
Al minuto 52’00” il solito Tomas Ferro viene atterrato quand’è a tu per tu col portiere avversario, è rigore. Rigore che si incarica di tirare Andrea Rigoni, il numero 69 degli Amatori non riesce però a coronare la sua fantastica prestazione facendosi respingere il tiro da Reolon.
Il tempo stringe e Zoldo non riesce a trovare la via del gol grazie anche alle splendide parate di Basso, subentrato a metà gara all’altrettanto insuperabile Chiesa.
Al 59’40”, quando la partita sembra ormai finita Manuel Rizzardini decide di anticipare le ferie lavorative di Tomas Ferro cercando e trovando una stupida, inutile e pericolosissima carica scorretta sul folletto dell’altopiano costringendolo ad uscire in barella.
Nell’accertarsi delle condizioni del compagno, buone e non preoccupanti, alla sirena finale tutti a festeggiare la vittoria di questa battaglia.

La soddisfazione in casa Amatori è molta soprattutto per aver dimostrato di essere all’altezza di una squadra sicuramente più esperta.
Ora la pausa sperando possa servire a recuperare gli infortunati per poter essere al meglio giovedì 10 gennaio sempre all’Odegar dove arrivano i Falchi di Bosco Chiesanuova.
Menzione particolare per le tifose bianco blu, finalmente numerose e rumorose a dovere.

HC Amatori Asiago
Portieri: 35 Chiesa Edoardo; 1 Basso Nicola
Difensori: 71 Rossi Francesco, 77 Oddone Luca (A); 4 Cunico Christian, 16 Finco Domenico; 47 Scalabrin Paolo, 25 Slaviero Michele.
Attaccanti: 8 Ferro Mauro (A), 41 Ferro Tomas, 14 Frigo Paolo; 33 Serembe Paolo, 69 Rigoni Andrea, 87 Stella Stefano; 11 Volpe Michael James, 91 Frigo Francesco (C), 66 Cogo Marco; 86 Colombo Davide, 88 Valente Lorenzo.
Allenatore: Munari Mauro

USG Zoldo
Portieri: 25 Reolon Matteo; 9 Meneghetti Igor.
Difensori: 17 Del Favero Alessandro, 13 Damian Jonathan; 16 Meneghetti Tito, 8 Meneghetti Ivan (C).
Attaccanti: 3 Stamm Pascal, 21 Baldissara Marco, 4 Belfi Carlo; 23 Cutino Mario, 14 Rizzardini Manuel, 24 Soccol Daniele; 6 Soccol Claudio, 22 De Filippo Michael, 18 Luker Darel.
Allenatore: Soccol Stefano

Marcatori: 4’09" Frigo P (Rossi) PPG; 5’15" Belfi (Soccol D); 6’59" Ferro T (Oddone) PPG; 10’55" Soccol D; 18’36" Ferro T (Rigoni); 20’47" Meneghetti I PPG; 24’23" Soccol D (Damian); 31’15" Cutino (Belfi); 37’56" Stella (Finco) PPG; 39’17" Ferro T PPG; 42’53" Stella PPG; 43’19" Rigoni (Stella) PPG.

Arbitri: Stella Federico, Rebeschin Massimiliano.
Penalità: Asiago 32’, Zoldo 104’.
Spettatori: 100 circa