Ottava giornata: Ambrì e Friborgo "di rigore"

di Matteo P.

Ambrì-Lugano 3-2 dr (0-1,0-1,2-0,1-0)

Dopo quattro sconfitte consecutive l’Ambrì torna al successo superando 3-2 il Lugano dopo i tiri di rigore. Partita quantomai spigolosa (oltre 100 i minuti di penalità), con i padroni di casa che hanno saputo recuperare negli ultimi 5 minuti i due goal di svantaggio accumulati nei primi due terzi. Da parte luganese resta il rammarico per una partita che fino a quasi il 56’ sembrava poter essere portata in porto.
La cronaca: gli ospiti si sono portati in vantaggio al 15’ con Hentunen, abile a convertire in rete un rigore concesso dall’arbitro Reiber. Nel secondo periodo, dopo un goal "fantasma" non accordato all’americano Westrum (HCAP), il Lugano si portava in doppio vantaggio con Romy. A pochi minuti dalla terza sirena, e dopo aver superato anche 1:43 a 3 vs 5, il più sembrava fatto per gli uomini di coach Zanatta, che invece non avevano fatto i conti con la voglia di rimonta di… Duca che, al 56’, infilava il puck dell’1-2. In un finale rocambolesco, a 6 vs 4 per la penalità di Conne (HCL) e con Baumle (goalie HCAP) richiamato da Tlacil in panchina, l’Ambrì trovava a 5 secondi dal termine il punto che mandava tutti al supplementare (Domenichelli). Dopo un overtime con occasioni da ambo le parti, la partita si chiudeva così con l’appendice dei rigori, che premiava i leventinesi (di Duca la rete decisiva). Il Lugano ora è chiamato domani sera ad un pronto riscatto contro il Langnau, mentre l’Ambrì se la vedrà domenica con il fanalino di coda Basilea.

Berna-Friborgo 3-4 dr (0-2,1-1,2-0,0-1)

Il secondo derby di giornata premia un buon Friborgo che espugna la Post Finance Arena ai rigori (dopo essere stato in vantaggio anche per 3-0). Il Berna dal canto suo si conferma squadra incostante in questo inizio di stagione, capace di vincere partite difficili in trasferta come di "tradire" davanti al proprio pubblico.

Davos-Rapperswil 3-2 (0-1,3-1,0-0)

Nonostante qualche difficoltà di troppo il Davos porta a casa altri tre punti che valgono la conferma del primo posto in solitaria. Il Rapperswil infatti è partito con maggior piglio, si è portato in doppio vantaggio, salvo poi subire la rimonta dei campioni svizzeri. Di Reto Von Arx la rete decisiva.

Kloten-Servette 1-3 (0-2,1-0,0-1)

Il Servette conferma quanto di buono fatto in questo inizio di stagione, andando ad espugnare la non facile pista di Kloten. Aviatori che invece sembrano in crisi di idee e che si trovano ora a soli due punti dalla fatidica linea.

Zurigo-Zugo 5-6 (2-2, 1-3, 2-1)

Se il Berna l’abbiamo definito incostante lo Zurigo è assolutamente indecifrabile. Il week-end scorso dapprima rifila 7 reti al Lugano, poi si fa malamente fermare a Basilea (prima e unica vittoria finora per i renani!). Martedì vince agevolmente il derby, stasera stecca nuovamente in casa con lo Zugo. L’impressione è che anche quest’anno la formazione zurighese non sia destinata ad un campionato di primissimo livello. Sul fronte Zugo invece tre punti d’oro che valgono il sorpasso a Lugano e Berna.

Langnau-Basilea 4-2 (2-0,0-1,2-1)

Continua il momento d’oro dei "tigers" bernesi che superano il fanalino di coda Basilea e mantengono così il terzo posto parziale (seppur con una partita in più sugli immediati inseguitori). La formazione dell’Emmental ha fatto di nuovo valere il fattore pista, che sembra essere diventata un fortino quasi inespugnabile in questo inizio di stagione. Il Basilea invece conferma anche questa sera di non disporre attualmente degli "argomenti" giusti per abbandonare la coda della classifica.

Tags: