Stanley Cup Play Offs 2007: Le gare del 01 Maggio

Buffalo Sabres – New York Rangers 1:2 ( 0-0; 0-1; 1-1 )

Match della verità per le Blueshirts che hanno la possibilità di riaprire completamente il discorso relativo alla qualificazione per le finali della Eastern Conference riportando in parità la serie che li vede opposti ai Buffalo Sabres.
I primi 5 minuti della gara vedono un paio di occasioni per i Rangers con Prucha a rendersi pericoloso ma l’attneta difesa dei Sabres e il solito Miller sventano.Al 5’ Power Play per i Rangers (fuori Briere per Hooking) ma Jagr e compagni, pur installandosi quasi permanentemente nel terzo di Buffalo, non riescono a sfruttarlo per l’ottima difesa impostata dai Sabres.Al 12’ ancora un’occasione per i Rangers non sfruttata e sul capovolgimento di fronte contropiede dei Sabres con Paille e Mair che però sbaglia la conclusione a tu per tu con Lundqvist.Da qui in poi i Sabres tornano fuori e Lundqvist deve stoppare un paio di buone conclusioni degli attacannti di Buffalo.Im finale di primo periodo un’ Holding ai danni di Jagr(19’38” Lydman) , molto vivace questa sera, permette ai Rangers di rifiatare e di andare a riposo con l’uomo in più.

A inizio secondo periodo, ancora in superiorità i Rangers riescono a impostare la scatola e a passare allo 0’45” con Jagr (Nylander – Rozsival) che, su un tiro di Nylander dal vertice del cerchio destro d’ingaggio, riusciva a battere su rebound.per la felicità di tutto l’MSG. Per Jagr quella di questa sera è stata la 71esima realizzazione ai Play Off che lo pone al secondo posto di questa speciale classifica alle spalle di un certo Wayne Gretzky.Passano due minuti e Lundqvist risponde presente su una conclusione dal vertice del cerchio d’ingaggio destro di Drury.Jagr, che questa sera sembra avere l’argento vivo addosso recupera 3-4 dischi da dietro la gabbia e su uno di questi serve l’accorrente Callahan che tira verso la gabbia di Miller , lo stesso Callahan segue il tiro per il possibile rebound ma quando arriva accanto al goalie di Buffalo questi gli rifila una gomitata alla quale Callahan reagisce e si accende una mischia sedata dagli arbitri (nel panalty box finiscono Mair e Callahan lasciando le squadre in 4Vs.4).Al 14’ buona occasione per Shanahan in Penalty Killing ma Miller sventa.Il periodo scorre verso la fine con le squadre lunghe che non riescono ad incidere (da segnalare un paio di occasioni per i Sabres di cui una in 5Vs.3).
Il terzo periodo si apre con una occasionissima per Briere che in Power Play,imbeccato davanti a Lundqvist si lascia ipnotizzare.Passato il pericolo e tornati in parità numerica i Rangers si rifanno sotto con alcuni tiri dalla blu sui quali Miller si fa trovare pronto.Al 6’47” sono i Rangers a usufruire di un Power Play (fuori Campbell per trattenuta) e proprio sul finire della penalità si portano sul 2-0 con Shanahan (Cullen) che riceve un passaggio dalla destra di Cullen e davanti allo slot ha tutto il tempo di prendere la mira e freddare Miller facendo esplodere tutto il Madison Square Garden.Tuttavia il doppio vanteggio dura lo spazio di 20”, quelli che servono a Ortmeyer e Tyutin per confezionare il pasticcio difensivo che regala il disco a Connoly il quale lo serve al centro a Kotalik (Connoly) che di slap fredda Lundqvist e tutto il Garden per la rete che riapre il match.I Sabres adesso ci credono e iniziano a spingere forsennatamente alla ricerca del pari con Briere in particolare che però viene stoppato con un paio di parate da standing ovation da Lundqvist.A 1’12” dal termine Coach Ruff toglie Miller per il 6° uomo di movimento;dopo un paio di occasioni da gol per i Rangers , su un’azione davanti allo slot ancora Briere impegna Lundqvist con un tiro sul palo destro su cui il goalie svedese arriva con il gambale, ma sembra che comunque il disco abbia varcato la riga;per la seconda volta in questa serie gli arbitri chiedono l’instant-replay per valutare la situazione e per la seconda volta optano per il no-gol che fa ri-esplodere un Madison Square Garden che, durante il review, era diventato incredibilmente silenzioso. La decisione degli arbitri fa infuriare Ruff e tutta la panchina Sabres ma tant’è e la gara arriva alla sirena sul 2-1 che permette ai Rangers di rientrare completamente in corsa. Ora si ritorna all’ HSBC Arena per gara 5 che i Sabres vorranno assolutamente aggiudicarsi per evitare di consegnare un match point casalingo a Jagr e soci visto il loro rendimento sul ghiaccio amico.

Serie:
New York Rangers 2
Buffalo Sabres 2

Anaheim Ducks – Vancouver Canucks 3:2 OT ( 0-1; 0-1; 2-0; 1-0 )

Vancouver spreca un doppio vantaggio maturato nei primi due periodi con una rete per tempo e si fa superare all’ overtime da Anaheim che avrà il primo match point della serie da giocarsi in casa Giovedì.
Parte subito forte Anaheim decisa a mettere bene in chiaro chi è il più forte ma Luongo fa buona guardia su un tiro di McDonald all’1’47”.Lo stesso Luongo rischia di combinare un guaio quando recupera un disco dietro porta e invece di passarlo a Salo serve Mitchell che prima di essere caricato da May riesce a cedere il disco allo stesso Salo.Dopo una serie di occasioni da entrambe le parti arriva il gol dell’ 1-0 di Vancouver al 12’55” con Naslund (Ohlund – Linden) che realizza su un rebound lasciato da Guigere su uno slap di Ohlund dalla blu.Con un paio di buone parate di Guigere su Naslund e Linden si chiude il primo periodo.
Il secondo periodo si apre così come si era chiuso il primo e cioè con Vancouver in attacco a testa bassa nel tentativo di chiudere l’ incontro e Guigere a chiude la porta a tutti i tentativi tra cui da segnalare un paio di occasioni d’oro con Naslund e con Sopel di cui quest’ultima in Penalty Killing.La pressione di Vancouver viene premiata al 17’31” allorché a segnare è Morrison che entra nel terzo di Anaheim e di Back hand batte Guigere per il 2-0 con cui si chiude il 2° periodo.
Il terzo periodo è di tutt’altra musica e già al 3’58” Pronger (Pahlsson – May) riporta sotto Anaheim;rincorsa che si conclude al 14’18” quando a riportare le squadre in parità è Teemu Selanne (Pronger – Kunitz) che realizza su un rebound lasciato da Luongo su uno slap del solito Pronger. Con il 2-2 si chiudono i tempi regolamentari e si va all’overtime.Passano neanche duee minuti e Luongo si deve opporre ad un tiro di Niedermayer, ma sul prosieguo dell’azione a dare il gol della vittoria ad Anaheim è Moen (Pahlsson – Niedermayer) al 2’07”.
Ora si torna ad Anaheim dove i Ducks si giocheranno il primo match point della serie davanti al pubblico amico.

Serie:
Anaheim Ducks 3
Vancouver Canucks 1