Russian Superleague 2006/07 – Le gare del weekend

di Alessandro Seren Rosso

Si è giocata sabato 24 febbraio la cinquantaquattresima giornata della Superliga russa 2006/07. In testa alla classifica troviamo l’Ak Bars Kazan che batte in trasferta il Khimik in un appassionante testa a testa conclusosi per 5-4 in favore dei campioni in carica. Apre le marcature Mozyakin assistito dal solito Leschev al quindicesimo, poi è la stessa coppia a ripetersi sei minuti più tardi a ruoli invertiti. Un minuto dopo, al ventiduesimo, il giovane Musatov accorcia le distanze, poi a metà partita un gioco di prestigio di Zinoviev serve Capitan Morozov davanti alla porta libero di infilare Barulin per il pareggio. Nel terzo periodo l’Ak Bars passa in vantaggio con un bel gol di Zaripov che raccoglie il suo stesso rebound e fa sdraiare Barulin prima di mettere comodamente il disco in rete, poi allunga un minuto più tardi con il secondo guizzo di Musatov. La partita sembra aver preso una piega precisa ma Mozyakin in quattro contro tre lascia partire un wrister dalla distanza di precisione micidiale che si infila sotto il sette alla sinistra di Noronen. Trenta secondi più tardi il Khimik riesce a trovare clamorosamente il pareggio con Schastlivy ancora ottimamente assistito da Leschev. Al cinquantacinquesimo con le squadre in parità è Zaripov a decidere la gara con una cannonata dalla distanza in contropiede che coglie Barulin impreparato. Grande prestazione da parte della capolista, il Khimik se l’è giocata affidandosi ai suoi giocatori più rappresentativi. Male entrambi i portieri. Il gol di Aleksey Morozov è il settantanovesimo punto stagionale per l’asso dell’Ak Bars, e vale il pareggio del record dei punti in Superliga appartenente a Sergei Makarov, fatto registrare nella stagione 1980/81.

Seconda posizione, centrotre punti contro centodieci, per l’Avangard Omsk che pareggia 2-2 a Magnitogorsk contro il Metallurg in un’altra gara di alta classifica. Passa in vantaggio proprio l’Avangard nel primo periodo con Yakutsenia, poi nella seconda frazione i padroni di casa ribaltano la situazione con Kaigorodov e Guasmanov poi nel terzo tempo Bashkirov fissa il punteggio sul due a due. Nel corso della partita è occorso un infortunio alla spalla a Jan Marek, di entità ancora sconosciuta.
In terza posizione si trova il Metallurg, che precede di un solo punto il Salavat Yulajev Ufa, che si sbarazza dell’Amur davanti a quattromila spettatori con il perentorio risultato di 4-0 con reti di Meleshko, Sidyakin, Antipov e ancora Sidyakin.
Quinta posizione per il Lokomotiv Yaroslavl che ha battuto in casa l’SKA San Pietroburgo nonostante una grande prestazione di Sushinsky, autore di una doppietta. Per i padroni di casa gol di Galimov e Artyukhin nel secondo periodo, Bondarev, Hannula e Hauer nella decisiva terza frazione. Il primo gol da parte dell’SKA era stato messo a segno da Shinkar all’undicesimo minuto di gioco.
Al sesto posto nella graduatoria si piazza il Sibir Novosibirsk, vincente 8-2 contro le giovanili del Krylja Sovetov. La squadra moscovita si è infatti presentata con il farm team in quanto i giocatori della prima squadra sono in sciopero perchè non ricevono lo stipendio da troppo tempo a causa della crisi finanziaria che ha colpito il Krylja Sovetov nonostante la cessione di alcuni importanti giocatori nelle due finestre di mercato.
Settimo posto per il Khimik, battuto dall’Ak Bars; ottava posizione per il CSKA che batte in casa il Metallurg Novokuznetsk per 3-1 nonostante la brutta prestazione. I gol sono stati segnati da Simakov, Zharkov e Shirokov per il CSKA, mentre Rybin aveva momentaneamente pareggiato i conti al quarantottesimo.
Nona posizione in classifica per il Severstal Cherepovets che ha affrontato la decima squadra nelle graduatorie, la Dinamo. Apre le marcature Kulyash al quarto minuto con un tiro dalla distanza. Ottimo in questo caso lo "screen" di Shakhraichuk che impedisce a Lamothe di vedere il tiro fino all’ultimo momento. Al tredicesimo il Severstal pareggia: sfondamento di Soin sulla destra, disco in centro e Trubachev deve soltanto appoggiare il disco in rete. Poco più di un minuto dopo la Dinamo passa nuovamente in vantaggio, ancora in powerplay: azione manovrata davanti alla porta e Fedorov infila in rete da pochi passi. Al diciannovesimo il Severstal riesce però a pareggiare, ancora in superiorità numerica con un bel tiro di Yakanov che colpisce il palo destro prima di finire in rete. Nel secondo periodo la Dinamo torna in vantaggio con Shitikov abilissimo a sfruttare un passaggio da dietro porta di Romanov, poi allunga al trentacinquesimo con un gol in contropiede dello stesso Romanov in inferiorità numerica. La partita è chiusa in modo definitivo dal quinto gol della Dinamo segnato da Vishnyakov con un’azione personale dopo il passaggio di Prigaro.
Undicesima posizione per il Lada, a riposo, dodicesima per l’HC MVD che batte in casa il Vityaz per 4-3 al supplementare con gol vittoria di Kalachik. Tredicesimo posto per il Neftekhimik Nizhnekamsk vincitore ancora al supplementare sul Traktor Chelyabinsk per 3-2. Segue il Neftekhimik in quattordicesima posizione l’SKA, in quindicesima il Vityaz, in sedicesima il Metallurg Novokuznetsk. A sette punti dalla zona playoffs troviamo il Traktor Chelyabinsk. Chiudono come al solito l’Amur Khabarovsk e il Krylja Sovetov

Tags: