Torino Bulls-Gherdeina 1-4

di Francesco Seren Rosso

Dopo la batosta di Caldaro, il Torino cerca di riscattarsi in casa contro l’ostico Gardena, tra le cui file milita l’ex giocatore torinese Sodestrom.
Inizio come di consueto tranquillo senza grossi scossoni fino al 6’, quando Kevin Senoner fa partire uno slap dalla media distanza che Russo si fa sfuggire dalla pinza per l’1-0 ospite. Torino accusa il colpo e non reagisce, addirittura al 7’49" arrivano 2 minuti di penalità ad Oldani per trattenuta; tuttavia sono i padroni di casa a passare in shorthand con un breakaway di Agnel che lanciato da Babic fredda Kelleher.
Al 10’05" sono invece i torinesi ad avere l’uomo in più sul ghiaccio, ma a parte un tiro di Emilianenko i Bulls non creano pericoli dalle parti di Kelleher (Penalità a Shrum per trattenuta), Al 12’34" si verifica una mischia sottoporta che sviene sventata in tuffo da Russo.

La partita è piuttosto piatta con molti errori da entrambe le parti, al 15’ 56" Agnel si fa di nuovo pericoloso con un tiro dalla destra deviato da Kelleher con la stecca, poi il portiere ospite compie un miracolo ancora sul numero 8 torinese, pinzando un tiro ravvicinato sotto l’incrocio.
l 18’27" si accende una mischia proprio di fronte alla panca del Gardena dopo uno scambio di colpi proibiti in balaustra, a farne le spese sono Busa e kevin Senoner che si accomodano in panca puniti. L’ultimo brivido della prima frazione è un tiro di Barkman bloccato da Russo col Gherdeina ancora in powerplay.
Il secondo periodo si apre con un rischio incredibile corso dai padroni di casa: con Russo fuori posizione, il disco capita a Shurm il cui tiro a botta sicura è ribatuto in extremis dal pattino di Babic; il Gardena preme per portarsi in vantaggio, ma il Torino si rende pericoloso al 4’ con una deviazione di Merzario su tiro di Busa che impegna severamente Kelleher. La partita è spigolosa con parecchie cariche e contrasti al limite del regolamento; non accade nulla fino al 9’41" quando Brugnoli dal cerchio d’ingaggio destro impegna Russo con un tiro in diagonale. Al 10’46" nuovo powerplay per i torinesi per un colpo di bastone di Sodestrom: il Torino fa circolare bene il disco ma non trova spazi per rendersi pericoloso fino al 12’ quando Kelleher deve salvare su Romano ed Hajduk. Al 12’29" Agnel si ritrova solo davanti al goalie ospite che però è bravo ad anticparlo con la stecca. Al 16’36" il Gardena si riporta in vantaggio grazie a Shurm che recupera un disco nello slot grazie ad una distrazione della difesa locale infilando Russo tra i gambali. Subito dopo (17’06") altra penalità torinese ai danni questa volta di Emilianenko per gomitata, ma il Gardena non si rende pericoloso.
Ultimo tempo che si apre con un bel tiro di Sorrenti parato con lo scudo da Kelleher: Torino attacca con più convinzione alla ricerca del pareggio ancora probabile, ma la verve della squadra di casa si esaurisce al 6’56" quando è ancora Busa ad accomodarsi in panca puniti per trattenuta. Il pericolo più grave corso dalla squadra di casa è un tiro di Delazer che Russo para in due tempi un po’ affannosamente. Al 9’27" Torino ha la grande occasione per riequilibrare il match, potendo giocare per 2 minuti con l’uomo in più, ma l’unico brivido per gli ospiti arriva da un tiro dalla sinistra di Romano parato senza troppi problemi da Kelleher. Al 12’55" Russo tiene in partita i suoi compiendo un mezzo miracolo parando d’istinto col gambale destro un tiro ravvicinato di Shrum, ma il Gardena ripassa al 14’03" con Barkman, che sfrutta un perfetto passaggio di Shrum dopo un disco perso malamente dietro porta dai difensori di casa. Dopo un minuto e mezzo sono ancora gli ospiti a passare ancora con Shrum che sfrutta un clamoroso errore di Babic che non riesce a liberare lo slot dopo un tiro di Barkman parato da Russo. La partita in pratica si chiude qui, gli ultimi minuti sono all’insegna del nervosismo e dei colpi scorretti, non succede più nulla ed il gardena si porta meritatamente a casa la vittoria. Si è trattata, per il Torino, forse della peggior partita stagionale all’insegna dei troppi errori, soprattuto in fase difensiva: forse iniziano già ad affiorare i primi problemi nel dover affrontare un campionato impegnativo come la A2 con troppi pochi giocatori.

FORMAZIONI:
Torino Bulls:
PORTIERI: Russo, Bianchi (non entrato)
DIFENSORI: Babic, Oldani, Moro, Emilianenko
ATTACCANTI: Hajduk, Romano, Sorrenti, Merzario, Agnel, Busa, Di Fabio
ALLENATORE: Agnel
Gherdeina:
PORTIERI: Kelleher, Saurer (non entrato)
DIFENSORI: Sodestrom, Thompson, Glira, Moroder, Marco Senoner
ATTACCANTI: Brugnoli, Barkman, Shrum, Delazer, Ivan Demetz, Manuel Demetz, Lambacher, Niederkofler, Kevin Senoner, Verginer, Wanker
ALLENATORE: Doug

MARCATORI:
6’00" Kevin Senoner (Brugnoli), 8’10" Agnel (Babic, Merzario); 36’36" Shrum (Moroder); 54’03" Barkman (Shrum, Glira), 55’35" Shrum (Barkman, Glira)