Partiti !!

di Pino D.

Il 5 Ottobre è iniziata la settantesima stagione per la AHL e l’anniversario viene ricordato con un nuovo logo rappresentante una maglia da gioco "vecchio stile" di color blu con la scritta "AHL 70". La lega riconferma la particolarità di sviluppo per giocatori in crescita (nell’ultimo campionato NHL più dell’ 80% dei giocatori proveniva dalla AHL) ma riesce ad interessare sempre parecchio i tifosi, probabilmente anche perché la gran parte delle squadre si situa geograficamente nelle zone di maggior passione hockeistica, un largo raggio attorno alla regione dei Grandi Laghi nordamericani. Solo Manitoba al Nord, Houston e San Antonio al Sud, sono fuori da questa grande area… ma hanno una tradizione pluridecennale consolidata.
Sembra interessante che le squadre-madre NHL stiano tentando un’operazione di propaganda a favore delle loro affiliate AHL, per esempio i Penguins hanno fatto esordire Crosby nella prima gara di preparazione a casa dei Wilkes-Barre/Scranton Penguins. Parecchi ex-giocatori NHL hanno presenziato alle feste di apertura della stagione, in particolare il grande Gordie Howe a San Antonio dove era iniziata la sua leggendaria storia professionistica. E’ anche stato presentato il primo videogioco ufficiale con squadre e giocatori dell’ AHL, promosso da Wyne Gretzky.

Le gare di preparazione non hanno ovviamente detto molto in termini di previsioni, sia perché giocate solo tra vicini di casa, sia per il gran numero di nuovi giocatori impiegati (con i migliori elementi attendati nei camp NHL per le selezioni). Tuttavia per continuità di risultati si sono segnalate le nuove franchigie Peoria Riversmen e Toronto Marlies.
Non solo giovanissimi. in sviluppo fisico e tecnico: Springfield ha messo sotto contratto il veterano difensore NHL Bombardir (NewJersey, Minnesota, Nashville – Stanley Cup 2000), mentre Manitoba ha messo sotto contratto il veterano Mike Keane, 38 anni, 1161 gare in NHL, tre volte vincitore della Stanley Cup con Montreal 1993, Colorado 1996, Dallas 1999, ben 220 gare di playoffs in NHL nei suoi 17 anni di carriera: un bell’esempio per i giovani!

Intanto la stagione ufficiale si è aperta con una netta vittoria di Wilkes-Barre/Scranton su Bridgeport. Grande notte per Erik Christensen che ha marcato quattro goal, dopo i 14 realizzati lo scorso anno come rookie.
Si confermano le buone impressioni destate in preparazione da Peoria e Iowa, in una gara combattuta Peoria ha la meglio per 5-4. Per di più i Riversmen si aggiudicano anche la gara comtro Manitoba con due reti ed un assist per Peter Sejna.
In evidenza anche Derek Roy, che conduce Rochester alla vittoria su Toronto con due reti e tre assist!
Sorpresa anche dal giovanissimo russo Roman Voloshenko che delizia la platea di Houston con tre reti!

Parecchi i giovani talenti AHL messisi già in luce nelle prime gare stagionali in NHL: Thomas Vaneck (Buffalo), Chris Camploi (Islanders), René Bourque (Blackhawk), Cam Ward (Carolina), Brandon Bochenski ed il già esperto Jason Spezza (Ottawa), Mike Richards e Jeff Carter (Philadelphia), Ryan Hollweg (Rangers), Zach Parise (New Jersey), Keith Ballard (Phoenix), Brett Lebda (Detroit), Pat Lehay (Boston), Matt Foy e Kyle Wanvig (Minnesota)…