Francia-Romania 6-1

di Mary Alberghina

Partita alquanto a senso unico con una Francia che ha dominato su una Romania passiva al gioco avversario.
Il primo tempo vede il gioco quasi esclusivamente giocato dai francesi che pressano quasi fino all’ esasperazione gli avversari che riescono a ritagliarsi solo poche azioni in contropiede con dei fievoli attacchi che non impegnano particolarmente Lhenry.
Nonostante il gioco pressante la compagine rumena riesce a resistere agli attacchi fino al 19 e 15 quando Rozenthal sul secondo rimbalzo alza il disco sotto la traversa.
Nella seconda frazione di gioco la Francia allunga subito le distanze con Desrosiers che approfitta di Radu sdraiato a coprire il palo destro ed infila sul palo sinistro.
È di nuovo la Francia ad aumentare il vantaggio con Rozenthal che all’ 8 e 25 solo davanti al portiere supera l’estremo rumeno.
Pochi secondi più tardi è Hecquefeuille che nuovamente solo sulla linea blu in posizione centrale manda il disco alle spalle del goalie avversario.

Dopo questo gol il coach rumeno decide di cambiare il portiere facendo entrare Catrinoi che parte molto bene “chiudendo” la propria gabbia nonostante una pericolosa traversa all’11’10 da parte della Francia.
La prima rete rumena arriva al 18’03 ad opera di Cazacu che cercando il passaggio per un compagno davanti porta colpisce il portiere ed il disco entra in porta.
La terza frazione vede un gioco più equilibrato, benché tale equilibrio venga spezzato al 14’41 ad opera di Karrer che con un tiro poco potente supera l’estremo avversario.
Passano poco più di due minuti e la Francia marca il suo ultimo gol con Daramy che a fil di palo manda il disco oltre la linea di porta e fa concludere cosi’ l’incontro sul definitivo 6-1.